Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Non avere un senso nella vita

Inviata da Leandro il 11 gen 2016 Crisi esistenziale

Salve sono un ragazzo di 23 anni nato e cresciuto al sud italia e poi trasferitosi al nord per questioni lavorative. Il mio problema o problemi consistono nel fatto che non riesco a vedere nulla di bello nella vita e a non avere più nessuno stimolo per andare avanti. Fin da piccolo la mia esistenza è stata vissuta nella negatività più totale: problemi a scuola, problemi a relazionarmi con gli altri bambini, tentare di risolvere i problemi con la violenza (una costante della mia vita) e apatia in ogni ambito. Di seguito la mia adolescenza andò peggio.. mi chiusi moltissimo riuscendo a farmi a malapena qualche amico. Al liceo questa mia timidezza si trasformò in aggressività ovvero tentavo di mostrarmi forte rispetto agli altri picchiando dei poveri cristi piu deboli di me..una vera vigliaccheria, le cose continuarono cosi per il primo anno dopodiché cambiando scuola le cose migliorarono avevo un po di amici e conobbi una ragazzina di cui mi innamorai e che da li a poco sarebbe diventata quasi un ossessione per me,questo sentimento per lei non fui mai del tutto corrisposto più che altro era un rapporto ambiguo e altalenante, ho sempre desiderato da lei un qualcosa di insano un affetto materno direi..e le cose non sono cambiate avendola vista di recente dopo 5 anni,lei è stata l unica ragazza per cui ho provato dei sentimenti nella mia vita del resto con le donne nella mia vita non sono mai stato capace di starci insieme e creare delle relazioni stabili mai una,l unica cosa che riesco a farci e il sesso , ho sempre disprezzato le donne emancipate,ho una mentalità da inizi del 900 non riesco ad adattarmi a quello che la società moderna proprina, riesco solo a fingere che tutto vada bene è una cosa che ho imparato fin da piccolo poi come se non bastasse odio il mio lavoro e il posto in cui vivo. Mi sento un fallito che dovrà vivere una vita lunga mediocre ed infelice nella consapevolezza che ciò è per la maggioranza solo colpa mia, spesso penso di voler far male a qualcuno o a tanti senza alcun motivo..a volte avrei voglia di spaccare la faccia a un perfetto sconosciuto solo per il fatto che ha una voce irritante o per altre stupidaggini varie, chi mi sta attorno non riesce a capire quello che ho dentro, neanche i miei familiari, credano che sia contento della vita che vivo e ciò è frustrante ma nonostante ciò non ho nessuna intenzione di rivelare loro quello che ho dentro sia per il fatto che ne ho vergogna sia per il fatto che non mi capirebbero..ultimamente ho pensato di eliminarmi in modo abbastanza serio e razionale. Questi miei pensieri non sono spinti dalla disperazione ma bensì da una voglia di serenità che potrei trovare soltanto con la morte perché una vita vissuta senza momenti di felicità non vale la pena di essere vissuta. Ho provato cos'era la felicità solo nella prima infanzia e con l'affetto di quella ragazza ma sono tutte cose che riguardano un passato remoto che mai più potrà tornare.Cosa dovrei fare della mia vita?le uniche due cose che ho nella testa sono quelle del cambiare radicalmente vita lasciando lavoro famiglia tutto e cercate uno scopo alla mia esistenza o quelle dell autodistruzione il resto è solo utopia, mi dispiace per quello che ho scritto e se ho offeso delle donne ma purtroppo questo è quello che sono. Vorrei avere solo dei consigli a riguardo cosa dovrei fare??

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Caro Leandro
sono davvero molto colpita dalla tua lettera e dalla tua sincerità, dal modo reale con cui esprimi i tuoi problemi.
Succede che a leggerti si penserebbe che lo scritto sia di un uomo almeno 50enne e invece tu sei un giovane di appena 23 anni.
Penso davvero che la tua consapevolezza di quanto sia triste vivere così sia la tua forza e la base certa per avere dei cambiamenti di vita molto importanti.
Se fino ad ora il tuo carattere, le condizioni di vita, le difficoltà incontrate e quanto altro, comprese le scelte fatte, ti hanno portato a dare il peggio di te ora è arrivato il momento in cui tu devi tenere saldo il proponimento di cambiare e devi mettere tutto te stesso in questa intenzione.
Devi fare anche in modo di avere un aiuto valido e un alleato forte in questo cambiamento e questa persona sarà il tuo psicoterapeuta.
Io sono convinta Leandro che tu possa farcela. Non sono parole di circostanza, ne sono convinta davvero! Ma tu devi volerlo con tutto te stesso.
Ora nella vita seguirai nuovi principi, perseguirai nuovi scopi, e cercherai di creare, d'ora in poi il capolavoro di te stesso, quello che vuole venire alla luce.
Tutto questo brutto passato ti servirà per comprendere cosa non deve essere e per mantenerti orientato in ciò che è buono e giusto che tu sia.
Quindi è tempo di passare anzi, di ritornare al "lato luminoso della forza", quelo che ti ha fatto provare gioia da bambino e che ti ha fatto nutrire amore per quella ragazza che hai amato.
Stai certo che, se hai amato una volta, puoi amare ancora, ne sei capace e puoi portare questa tua capacità nellla tua vita e nel mondo.
Guarda che, in tutto quello che ho scritto, sono stata della massima sincerità e
spero tu possa capirlo e tenerne conto.
Hai 23 anni Leandro, ti ripeto: fai della tua vita un capolavoro, solo chi ha sofferto e ha capito di aver sbagliato può fare totale inversione di marcia.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6836 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Leandro,
sei stato molto chiaro nel farci capire che non hai avuto una vita facile a partire dall'infanzia e dall'adolescenza e questo ci indurrebbe a chiederti quale sia stato il tipo di contesto familiare in cui sei cresciuto.
La relazione d'amore adolescenziale che hai avuto ti ha visto poi impreparato per uno scambio affettivo reciproco e paritario e non è stata sufficiente a riscattarti.
Inoltre ti sei portato il tuo approccio relazionale maschilista in quest'epoca moderna e, ovviamente, non potevi essere facilitato.
La conseguenza finale è una smisurata rabbia che vorrebbe esplodere in altrettanta aggressività sia eterodiretta che autodiretta, per fortuna attualmente contenute entrambe a livello di pensiero e ideazione senza arrivare all'acting-out cioè all'azione.
Come hai bene intuito, la conclusione delle tue considerazioni ti porta a un bivio : la depressione che in qualche modo è già autodistruzione oppure la reazione attraverso cambiamenti importanti del tuo modo di pensare e di vivere.
Penso che ci sono molti buoni motivi ( in primis la tua giovane età) per cui vale la pena di scegliere la seconda opzione ma, a mio avviso, puoi farcela solo se ti vesti di umiltà e chiedi il sostegno di un bravo psicoterapeuta che ti accompagni in una psicoterapia di ristrutturazione per poterti aiutare a sublimare la rabbia e farti riconciliare con te stesso, con gli altri e con il mondo intero senza sprofondare nella depressione.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6777 Risposte

18958 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gent. Leandro
Gli elementi che colpiscono nella descrizione che lei fa di se stesso sono la forte rabbia che si porta dentro che non le permette di relazionarsi con gli altri, e l'amore di tipo materno che lei desiderava dalla ragazza di cui si innamorò. Dice di essere si essersi trasferito dal sud al nord ma non specifica ne' quando è come abbia
vissuto questo passaggio. Inoltre racconta poco dei rapporti con la sua famiglia se non che non si sentirebbe compreso e proverebbe vergogna nel dire come si sente. Il consiglio è quello di intraprendere un percorso psicoterapeutico per comprendere a fondo le origini della sua rabbia e trasformarla in energie positive che le permettano di ricostruire la sua esistenza facendo le scelte che ritiene siano migliori per lei.
Con i migliori auguri
Dott.ssa Paola Pique'

Dott.ssa Paola Piquè Psicologo a Mestre

29 Risposte

16 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Leandro,
da quello che scrive è evidente la sua tristezza, il suo dolore e la sua voglia di distruggere tutto quello che non le permette di vivere una vita serena.
Afferma di avere 2 pensieri nella testa: cambiare radicalmente la sua vita o l'autodistruzione. Si trova di fronte ad un bivio e deve prendere la strada giusta per lei. E' bloccato qui.
Un primo passo lo ha fatto scrivendo su questo portale ora ne faccia un altro, si rivolga ad uno psicoterapeuta, potrebbe aiutarla a recuperare l'energia indispensabile per prendere la strada giusta.
La saluto

Dott.ssa Fiammetta Favalli
psicologa e psicoterapeuta rogersiana

Dott.ssa Fiammetta Favalli Psicologo a Anzio

57 Risposte

19 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Leandro,
credo che un percorso terapeutico potrebbe aiutarla a tirare fuori tutta quella rabbia che sente e soprattutto a capire da dove arriva.Una volta toccata con mano potrà trovare un modo diverso per esternarla e trasformarla in qualcosa di costruttivo e non distruttivo e minaccioso per lei e per gli altri. Si può cambiare partendo da noi stessi, poi cambierà anche il resto (lavoro, città), se il processo fosse inverso sarebbe una fuga. Forse proprio perché per tanto tempo non si è potuto permettere di "vedere" e "sentire" la sua rabbia oggi sente questo enorme malessere. In bocca lupo e se vuole mi faccia sapere. Buona giornata

Dott.ssa Valeria Bugatti Psicologo a Roma

105 Risposte

46 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20700

domande

Risposte 80350

Risposte