Non avere amici

Inviata da Anonimo · 13 feb 2017 Crisi adolescenziali

Sono insoddisfatto. Nessuno mi chiama. Nessuno mi contatta. Se contatto io altri, mi dicono che hanno da fare. Da solo mi scoccio di uscire. Ho 25 anni. Vorrei fare quello che fanno tutti, cioè andare alle feste magari almeno nel fine settimana. Ma gli amici universitari hanno i loro gruppi. Gli amici del liceo hanno i loro gruppi. Mi sento fuori dal mondo, come un antico malato di lebbra. Faccio sport, ma i compagni di squadra hanno i loro gruppi. Poi in generale sono quasi tutti fidanzati.
Anche io avevo i miei gruppi, ma sono capitati dei litigi stupidi e adeso gli altri non ne vogliono più sapere di me. Poi da poche settimane la mia ragazza mi ha lasciato e intanto lei ha degli amici che la invitano alle feste. Due miei amici stretti escono ancora con i gruppi nei quali mi sono litigato, quindi non ci vediamo spesso.
Poi nessuna ragazzza mi contatta. Io scrivo a molte, ma è come se non interessassi a nessuna.
Magari ho qualcosa di sbagliato, ma non riesco a risolvere.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 FEB 2017

Ovvio, fino a che il tuo approccio alla situazione è una lunga litania di presunte "sfighe" sarà difficile che tu possa trovare amici. Noi proiettiamo sugli altri quello che crediamo di essere: se tu credi di essere un fallito sfigato è quello che farai arrivare agli altri che di conseguenza avranno alte probabilità di ignorarti o tenerti da parte.

Quello di cui è importante cominciare a rendersi conto è che sta in me il potere di influenzare ciò che gli altri penseranno di me. se non sono consapevole di questo potere aspetterò che sia sempre l’altro a darmi le sicurezze che io non so darmi da solo.
Ti riporto un esempio: La profezia che si autoavvera. Se vado a una festa convinto che tutti mi ritengano il più antipatico, come mi comporto?
• Probabilmente non sorriderò a nessuno, me ne starò in disparte, eviterò di guardare le persone negli occhi etc. etc. etc.
• Che cosa accadrà? Che cosa faranno gli altri?
• Si chiederanno forse perché me ne sto là da solo … noteranno che ho un atteggiamento un po’ “strano” per una festa e dopo un po’ m’ignoreranno.
• Ed io cosa mi dirò uscito dalla sala?
• “Vedi?!?! Avevo ragione tutti mi consideravano antipatico!”.

Ecco: sono io che col mio atteggiamento influenzo i miei esiti. Devi affrontare assolutamente un percorso psicologico che ti aiuti a scardinare tutte queste idee assolutizzanti e limitanti che hai su te stesso e che non potranno che portarti a esiti infausti

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

365 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte