Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

noia e frustazione

Inviata da alessandro · 10 giu 2019

Buonasera, mi chiamo Alessandro, sono un uomo di 47 anni, e da molto tempo mi sento una persona frustata nelle sue aspettative di vita. Vi elenco i motivi:

1) Sono disoccupato da alcuni anni, e nonostante anni di ricerche, e di impegno nel trovare un occupazione non ci sono riuscito.

2) Da alcuni anni sono single, una condizione che non mi è mai piaciuta e che mi tocca sopportare. Anche qui mi sono impegnato, e mi impegno per trovare una donna, ma quasi sempre non interesso o piaccio alle ragazze con cui ci ho provato.

Queste due cose mi pesano come macigni sulla mia vita, e non so come riuscire a risolverli.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gent.le Alessandro,
posso comprendere come si senta frustrato da questa situazione che comprende questi due aspetti. Per quanto riguarda il lavoro, continui le ricerche, si rechi agli sportelli per il lavoro, agenzie ecc se non l ha gia fatto. Magari non le verrà offerta un'occupazione eletta ma credo che l'inattività acuisca il senso di non direzione e intacchi la motivazione che è il carburante per sostenere i propri obiettivi nonchè le esigenze personali minime. Per il secondo aspetto, credo le sarebbe utile riflettere su cosa è andato o meno nelle sue relazioni o inizio di rapporti poi vanificati. Quando ha rilevato degli aspetti (su quale è stato squalificato, rifiutato, messo in attesa o è stato lei a rifiutare ecc), provi a migliorare o incrementare i punti di forza. Credo che se il problema lavoro verrà anche in parte risolto, pian piano si scioglierà anche il nodo affettivo. O hanno qualcosa in comune che sono entrambi fonte di frustrazione? Cordiali saluti

Dott.ssa Elisa Fagotto Psicologo a Portogruaro

334 Risposte

184 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alessandro,
lei ha segnalato due condizioni fondamentali della sua vita che riflettono un momento attuale molto sconfortante.
Tuttavia, quello che ha descritto è un punto di arrivo e per poterlo modificare o correggere è importante rivisitare in un contesto di psicoterapia le diverse fasi che hanno condotto ad esso allo scopo di acquisire una maggiore consapevolezza di sè, dei suoi eventi di vita e delle sue scelte.
Sicuramente il lavoro è la priorità e lei dovrebbe almeno poter riprendere, anche fuori sede, lo stesso lavoro che svolgeva prima senza arrendersi nel cercarlo magari anche sfruttando le possibilità offerte dal nuovo governo per il reddito di cittadinanza.
Soltanto dopo aver raggiunto questo primo obbiettivo potrà cercare anche una nuova relazione sentimentale.
Se nel perseguire questi obbiettivi sente di non farcela da solo a causa di un basso livello di autostima, può provare a chiedere aiuto psicologico presso l'ASL di appartenenza.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6787 Risposte

18967 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alessandro,

il lavoro e le relazioni sentimentali sono due aree molto importanti nella vita di un uomo o di una donna, quindi è normale che, se ha difficoltà in esse, si senta frustrato. Sicuramente ci sono delle difficoltà oggettive contro cui si scontrerà, che non può risolvere lei, tuttavia avere un atteggiamento negativo e insoddisfatto innesca un circolo vizioso che rende più difficile ancora trovare ciò che fa stare bene. Infatti, quando si è insoddisfatti e si pensa che nella propria vita vada tutto male, la propria attenzione viene automaticamente incanalata sulle esperienze che confermano questa credenza, mentre le esperienze che potrebbero disconfermarla vengono svalutate o addirittura ignorate. In questo modo si vanno a creare dei ricordi che rinforzano la credenza negativa che, a sua volta, porta a osservare ancor di più le esperienze negative piuttosto che le positive.
Cambiare il proprio atteggiamento verso la vita è possibile ma può essere molto difficile farlo da solo. Le consiglio di farsi aiutare da un professionista che lavori sui blocchi emotivi che le impediscono di uscire da questo circolo vizioso. Può anche informarsi presso il consultorio della sua zona se è presente un servizio gratuito di sostegno psicologico o cercare delle associazioni che forniscono terapie a prezzi calmierati.

Le auguro di trovare la gioia che merita

Dott.ssa Chiara Ostini

Dott.ssa Chiara Ostini Psicologo a Milano

93 Risposte

152 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16100

psicologi

domande 20800

domande

Risposte 80500

Risposte