Nini

Inviata da Nini · 21 mag 2021

Salve sono una donna di 50 anni, single senza figli e credo di avere una dipendenza affettiva o un disturbo ossessisivo verso una persona che conosco ormai da 12 anni. Più che conoscerlo dal vivo, la nostra relazione è eterea perché viviamo a
600 km di distanza e lui, anche se si professa infelice, nel frattempo si è sposato ed ha avuto un figlio.
Questo autunno ha ricambiato un mio sentimento profondo, ma da quel momento è stata una guerra continua.
E io più sento la guerra più mi attacco a lui e più mi fa male, perché è diventato anche "cattivo", e più mi dispero e più non riesco a dimenticarlo, anzi ad eliminarlo dalla mia vita, tanto è tossico.
In autunno ho anche avuto episodi di panico notturno, tristezza continua e pianti anche nelle ore giornaliere. Ed ora ho paura che questa sofferenza si trasformi in qualche altra dipendenza.


È una cosa da gestire con uno psicologo?
O devo solo accettare il lutto?

Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 MAG 2021

Cara Nini,
le dinamiche che racconta Le generano una sofferenza tale da esprimere questa piccola richiesta di aiuto.
Ha fatto molto bene ad ascoltarsi e porre qui questo quesito. È un atto di amore verso se stessa importante.
Le pongo delle domande per riflettere.
Da uno psicologo si dovrebbe andare solo dopo che i vissuti pervadono la vita e diventano altamente disfunzionali?
Vede, giocare d’anticipo per prevenire il peggio è assolutamente indicato, perché non farlo?
Inoltre lei già ha una dose di dolore che porta con sè e che le crea difficoltà. Perché non intervenire?
Chi decide quali siano momento e modalità giuste per stare meglio?

La risposta alla a Sua domanda credo che in cuor Suo già la abbia.

Spero di esserLe stata utile.
In ogni caso, resto a Sua disposizione (ricevo anche online).

Buona giornata,
Dr,ssa Annalisa Signorelli

Dott.ssa Annalisa Signorelli Psicologo a Belvedere Marittimo

387 Risposte

508 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 MAG 2021

Carissima Nini,
il nostro bisogno di entrare in contatto con l'altro e di ricevere affetto spesso ci fanno subire situazioni che non ci fanno stare bene. Così come il non sentirsi "abbastanza" ci fa andare bene qualsiasi cosa, anche la più nociva-
Il fatto che lei si sia resa conto che qualcosa debba essere cambiato è il primo passo verso altro, verso il recupero del suo benessere e una migliore comprensione di sé che la faccia andare a fondo e le chiarisca come mai ha così bisogno di questa persona. Sicuramente uno psicologo potrebbe rappresentare quella figura che la possa aiutare dandole una visione esterna alla sua situazione e rappresentare quel luogo sicuro dove potersi esprimere e capire meglio come mai vuole rimanere in una relazione così disfunzionale.
Sono a disposizione
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

555 Risposte

160 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 MAG 2021

Buongiorno signora Nini,

il cuore spesso è un crocevia di sentimenti che mandano in cortocircuito la nostra mente. In questi momenti è fortemente consigliato ricorrere ad un aiuto psicologico che può aiutarla a riavvolgere la matassa dei nostri pensieri e a scegliere la strada per volersi più bene.
Sono a disponibile ad accogliere la sua richiesta di aiuto anche online
Un caro saluto
Dott.ssa Oriana Parisi
Neuropsicologa e Istruttrice Mindfulness MBSR

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

493 Risposte

301 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 MAG 2021

Gentile Nini,
comprendo il suo disagio in questa situazione in cui si sente come intrappolata. Sarebbe utile capire cosa intende per "guerra". Cosa è successo dopo la condivisione di quel sentimento profondo? E che significato da Lei a tale "guerra"? Il suo disagio sembra pervadere la sua sfera individuale nella sua interezza, con attacchi di panico notturni e tono dell'umore basso durante il giorno. Alla luce di ciò, un percorso psicologico la aiuterebbe a ristabilire il suo equilibrio, riscorpire le risorse insite in Lei per affrontare la situazione e porre ordine nelle sue priorità in questo momento. Per qualsiasi chiarimento o domanda rimango a disposizione anche online, un caro saluto
Dottoressa Erica Simoni

Dott.ssa Erica Simoni Psicologo a Parma

122 Risposte

54 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29800

domande

Risposte 101300

Risposte