Nessuno si accorge che non ho più interesse a vivere

Inviata da anna · 27 gen 2016 Crisi esistenziale

Nessuno intorno a me si accorge che non ho più interesse a vivere e passo molto tempo a pensare a come farla finita. Premetto che sono già in cura da uno psicoterapeuta ma sto tanto male e ora inizio a dire addio a tutti a modo mio. Vi scrivo solo per condividere questo mio dolore perché penso che non vi sia piu rimedio.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 GEN 2016

Gentile Anna,
dal momento che per fortuna è già in psicoterapia, prima che con noi, lei dovrebbe innanzitutto condividere col collega che l'ha in carico questo dolore e questi pensieri di suicidio anche per consentirgli di valutare la opportunità di una terapia combinata con l'associazione di farmaci antidepressivi.
Lei non dice nulla di sè, nè la sua età nè se è sposata ed ha dei figli, nè se ha ancora i genitori o altri familiari.
Ogni vita ha un inestimabile valore intrinseco e dovrebbe essere vissuta con dignità a prescindere se vi è "interesse" oppure no a viverla.
Come qualche volta ho detto, considero il suicidio non solo un atto vile e crudele attuato da persone che non hanno più neanche un briciolo di amore per se stessi e per gli altri (familiari e non) ma anche un atto stupido perchè basato su un postulato errato di immutabilità di una situazione o condizione oltre che di perdita di speranza.
Lei dice che nessuno intorno a lei si accorge che non ha più "interesse" a vivere partendo dal presupposto che gli altri dovrebbero leggerle il pensiero e che lei dovrebbe essere giustificata per le sue omissioni perchè non può scendere dal piedistallo della sua arroganza e rigidità per dire come si sente e chiedere aiuto!
Il dolore che lei dice può essere accolto e curato ma, per poterlo fare, esso deve essere espresso e raccontato.
I rimedi ci sono sempre e per qualsiasi cosa tranne che per la morte in qualsiasi modo essa sopraggiunga.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7540 Risposte

21082 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 FEB 2016

Cara Anna,
dato che nessuno si accorge che lei non ha più voglia di vivere, potrebbe lei stessa manifestare questo suo pensiero a tutti quelli che le stanno vicino, oltre che al suo psicoterapeuta.
Cari saluti
Dott.ssa Carla Francesca Carcione

Dott.ssa Carla Francesca Carcione Psicologo a Capo d'Orlando

263 Risposte

424 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GEN 2016

Cara Anna,
Sembra che lei voglia dire addio al mondo per dimostrare agli altri che fa sul serio quando dice che non vuole più vivere! Mi chiedo ma è davvero così importante per lei farsi credere dagli altri? Se è questo il suo obiettivo ci sono altri modi per manifestarlo, ad esempio urlando quello che prova e che sente dicendo a voce alta: IO ESITO E SONO QUI, CON DEI PENSIERI E DELLE EMOZIONI IMPORTANTI E HO BISOGNO CHE QUALCUNO MI PRENDA SUL SERIO. Sicuramente così otterrà qualcosa a un prezzo molto minore e comincerà a sentire che gli altri si avvicineranno. Non trascuri di riferire al terapeuta ciò che sente e ciò che ha scritto qui.
Un caro saluto.
Dott.ssa Di Rosa Raffaella
Psicologa - Psicodiagnosta e Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale a Villaricca (Napoli).

Dott.ssa Di Rosa Raffaella Psicologo a Villaricca

97 Risposte

53 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GEN 2016

Anna,
questo che ha fatto scrivendoci è un gesto positivo e denota voglia di comunicare e di sentire qualcuno vicino.
Anche in questo momento così buio in lei c'è questa "lucina" tremolante che comunica vita.
Anche la vita, spesso è come questa piccola luce, trema e soffre e noi non sappiamo da che parte prenderla.
Importante è che questa lucina non venga soffocata completamente.
Il suo terapeuta cosa pensa di tutto ciò? Conosce questo suo tormento interiore e voglia di completa rinuncia?
Ha fatto in modo che almeno lui possa entrare nel suo mondo?
Comunque, ripeto, io apprezzo molto il suo gesto di scrivere queste poche righe per noi, il voler condividere questo dolore è una cosa grande, indica una via, rischiara una stradina... che bello sarebbe condividere qualche altro pezzetto di percorso, poterla conoscere meglio, cara ragazza che non vede un rimedio...forse parlarne può essere un rimedio?
Noi siamo qua..
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7335 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GEN 2016

Buongiorno Anna,
accolgo il suo grido di dolore e mi sento di consigliarle di parlare apertamente con il suo psioterapueta di questa sua sofferenza.
Sono sicura che potrà aiutarla al meglio.
Un caro saluto

dott.ssa Miolì Chiung
Studio di Psicologia Salem
Milano -Agrate - San Donato M.se

Anonimo-125892 Psicologo a Milano

220 Risposte

926 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GEN 2016

Cara Anna
le sue parole mi hanno richiamato l'immagine delle sabbie mobili: mi immagino il suo dolore e la sua paura di sentirsi sprofondare sola con il suo dolore, i suoi tentativi di uscirne (la psicoterapia) e ad un certo punto la sensazione che muoversi non serve a nulla, che non si può far altro che restare immobili aspettando che qualcuno lanci una corda e la tiri fuori.
Le consiglierei di partire da qui, da questa posizione di attesa che è un'idea un po' magica (l'arrivo del Salvatore?) ma che probabilmente è quella che le consente ancora di stare a galla. Provi a parlarne con il suo terapeuta, immaginando di cominciare solo a pensare cosa cambierebbe per lei se qualcuno vedesse il suo dolore. Chi vorrebbe che se ne accorgesse? Da quali elementi la persona a cui sta pensando potrebbe accorgersene? Cosa si aspetta che questa ipotetica persona facesse per lei?

Paola Bizzozero

Dott.ssa Paola Bizzozero Psicologo a Bergamo

7 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2016

Gentile Anna, molte persone hanno pensieri simili al suo e, fortunatamente, molte decidono di non mettere in atto comportamenti simili.
Uno psicologo non può dirle che questo genere di comportamento sia giusto o sbagliato senza sapere la sua storia; probabilmente ha le sue buone ragioni per pensarla così, tanto che ha deciso di intraprendere una psicoterapia per migliorare la situazione, ma forse questo tema va, appunto, discusso in quella sede piuttosto che scritto così su internet a degli sconosciuti.

La maggior parte delle persone che hanno ideazioni suicidarie tende a commettere un errore basato sulla propria esperienza emotiva; tendenzialmente queste persone hanno difficoltà a distinguere tra cosa accade intorno a loro e cosa pensano (sovrapponendo le due cose) e tra cosa provano emotivamente e fisicamente. Forse le capita di fare confusione tra queste cose, forse la situazione è talmente confusa che non se ne rende conto.

La psicoterapia serve appunto a questo, a iniziare a rendersene conto per costruire una migliore qualità della vita, per renderla una vita "degna di essere vissuta".

Ne parli con il suo psicoterapeuta e lo avvisi della sua intenzione di salutare tutti.

Studio di Psicologia Cognitiva e Sessuologia - Dr. Valerio Celletti Psicologo a Milano

44 Risposte

222 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2016

Cara Anna,
Non sono scoraggi, parli con il Suo terapeuta, eventualmente chieda un incontro in più.
Ci vuole tempo, un po' di pazienza perché le cose cambino un po'.
Ma una domanda, perché da così importanza al fatto che gli altri non se ne accorgano e così poco valore al percorso che ha intrapreso?
Le persone che le stanno vicino, sono davvero tutte così cieche e insensibili?
Si confronti ancora con il Suo terapeuta, é la cosa migliore.
Coraggio.

Um caro saluto
Dott.ssa Fornari Daniela

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

395 Risposte

438 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2016

Cara Anna,
non ci sono parole di fronte a un dolore simile. La invito, se non l'ha già fatto, a parlare col suo psicoterapeuta di questi pensieri, e a dare tempo alla terapia di dare i suoi frutti. Le faccio i miei migliori auguri.
Cordialmente,
dott.ssa Isabella Di Paoli

Dott.ssa Isabella Di Paoli Psicologo a Gorle

26 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102350

Risposte