Necessito di uno psicologo?

Inviata da Anonimo · 1 ott 2019

Gentili dottori,
Sono una ragazza di 19 anni. Mi considero una persona molto ansiosa e insicura e così la pensano anche le persone che mi stanno vicino. Questa estate ho attraversato una serie di piccoli problemi tra cui la rottura con il mio fidanzato (per poi rimetterci assieme dopo un mese) e il cambio di università (poiché la facoltà scelta in precedenza non mi pareva fosse la mia strada).
Durante questo periodo non sono stata bene: ho perso molto peso(da 53kg sono arrivata a 48kg), ero nervosa e ho commesso azioni che dal mio punto di vista non mi rappresentano.
Adesso mi sento un po’ meglio, ma comunque a oltranza, anche prima di questi avvenimenti, ho dei periodi in cui ho sbalzi di umore e provo una forte ansia che quasi mi paralizza, spesso non ho voglia di uscire o di fare nuove amicizie e mi sembra di perdere interesse per ogni attività che svolgo (tra cui lo studio).
Inoltre la mia situazione in famiglia è un po' particolare, tanto è vero che ho un fratello più grande che vive nella nostra stessa casa, ma che non parla con noi, non lavora e non aiuta in casa. Non so se questa situazione possa essere rilevante per il mio disagio psicologico, tuttavia non riuscire ad instaurare un dialogo con lui spesso mi provoca sconforto e irritazione.
Pensate che possa essere un problema rilevante?
A volte mi chiedo se un consulto psicologico potrebbe aiutarmi, ma non riesco a confrontarmi con i miei genitori e parlargliene per paura di essere giudicata, visto che non avendo un lavoro non ho molti soldi da parte per potermi pagare delle sedute. In ogni caso nell’ultimo periodo sto seriamente valutando se provare comunque a fare un consulto a mie spese. Secondo voi, visto i sintomi che provo, sarebbe davvero necessario? Oppure sto solo esagerando? Inoltre non saprei davvero da che medico andare.
Grazie in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 OTT 2019

Cara Margherita,
da quel che leggo lei ha mantenuto, nonostante il suo disagio ansioso, una buona capacità decisionale (cambiare università) e di iniziativa (rimettersi con il suo ragazzo). Inoltre e alla ricerca di ristabilire un dialogo con la sua famiglia, in particolare con suo fratello (teme per la sua situazione?) e ha una buona visione d'insieme della sua situazione attuale.
Tuttavia la mancanza di voglia di uscire, fare nuove amicizie e perdita di interesse nelle attività potrebbe presupporre che in lei ci siano delle avvisaglie di un qualcosa di più profondo che al momento non è visibile. Bisognerebbe analizzare da dove provengano i suoi sbalzi di umore e il suo nervosismo e capire se è solo un periodo isolato o meno.
Riguardo al consulto psicologico di certo non può che farle bene. Confrontarsi, aprirsi, cercare di capire perché alcune emozioni in lei generano certe azioni, le porterà strumenti in più per affrontare il suo disagio.
Per eliminare il problema delle spese per le sedute (senza gravare sui suoi genitori o su se stessa), può rivolgersi all'ASL pubblica nel suo territorio che le metterà a disposizione dei professionisti per ogni evenienza. Si rivolga al suo medico di base per avere tutte le informazioni necessarie.

Cordiali saluti

Dott. Emmanuele Rosito

Anonimo-176176 Psicologo a Guglionesi

146 Risposte

384 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 OTT 2019

Buongiorno,
La situazione che descrive sembra essere caratterizzata da ansia e da una lieve deflessione del tono dell'umore, in un contesto che non sembra comunque a lei favorevole vista la relazione con suo fratello. Inoltre nel suo racconto mi sembra emergere chiaro il desiderio di confrontarsi con uno specialista che la possa aiutare, evidentemente già lei si rende conto di averne bisogno. penso che parlarne con i suoi genitori e spiegare loro la sua sofferenza potrebbe aiutarla a ottenere il sostegno economico per affrontare la terapia. Viceversa, potrebbe esserle anche utile rivolgersi al sistema sanitario nazionale che garantisce delle sedute di psicoterapia, la tipologia e le caratteristiche del servizio variano in base alle zone di residenza.
In bocca al lupo
Dott.ssa Monia Crimaldi
Psicologa psicoterapeuta
Palermo

Dott.ssa Monia Crimaldi Psicologo a Palermo

164 Risposte

260 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2019

Gentile Margherita,
indubbiamente lei ha attraversato un periodo molto stressante (che è ancora in corso) per tutti i motivi che ha citato.
Posso immaginare che un dialogo sereno con i suoi genitori sulle problematiche indicate è difficile da iniziare potendole portare ulteriore ansia ma la esorterei almeno a provarci per contrastare il clima familiare di chiusura e rassegnazione in considerazione del fatto che non sta esagerando e che vi è una buona indicazione per chiedere l'aiuto psicologico .
D'altra parte, avendo difficoltà economiche può rivolgersi alla sua ASL di appartenenza tramite il medico di base.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

8229 Risposte

22420 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2019

Buongiorno Margherita,
la ringrazio innanzitutto per aver condiviso le sue difficoltà e aver deciso di chiedere un consiglio.
Le difficoltà che ognuno di noi sperimenta durante il corso della vita possono a volte sopraffarci o essere al di sopra delle nostre capacità di sopportazione in un momento specifico poichè ci possono essere diverse situazioni stressanti da gestire contemporaneamente.
Nel momento in cui percepisce la necessità di confrontarsi con qualcuno credo che la sua mente e il suo corpo le stiano inviando dei segnali di difficoltà e disagio che valgono la pena di essere ascoltati, chiedere un consulto ad uno specialista può essere un modo per iniziare a vedere se quello può essere un giusto luogo dove recarsi.
In mancanza di disponibilità economiche solitamente sul territorio sono presenti servizi pubblici grautiti o a tariffe calmierate come consultori e centri psico-sociali, inoltre alcuni professionisti e centri di psicologia in caso di difficoltà propongono a loro volta tariffe agevolate.
Spero di esserle stata in qualche modo d'aiuto.
Cordialmente,
Dott.ssa Lara Civeni

Dott.ssa Lara Civeni Psicologo a Cassano d'Adda

2 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20950

psicologi

domande 35650

domande

Risposte 121200

Risposte