Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Nausea e vomito in compagnia di amici, solo dopo aver mangiato

Inviata da Paolo · 31 ago 2018

Salve, sono un ragazzo di 19 anni e ultimamente non riesco più a mangiare tranquillamente fuori casa con amici.
La sensazione di nausea comincia appena inizio a mangiare e mi costringe a lasciare in parte nel piatto ciò che sto mangiando, per poi sparire (non sempre) e ripresentarsi una o due ore dopo, aumentando fino ad arrivare al vomito. Farò dei controlli riguardanti eventuali intolleranze ma non credo che la causa possa riferirsi ad una cosa del genere, dato che in casa mangio di tutto senza problemi. Ho iniziato a pensare che la causa possa invece essere di tipo psicologico e di natura ansiosa, perché effettivamente, nonostante siano amici che conosco da anni o persone con cui comunque mi trovo bene, prima di uscire provo un po' di ansia che tento sempre di reprimere perché immotivata. Penso di riuscirci, perché non sento una sensazione di ansia durante lo svolgimento della serata, neppure prima dei momenti in cui sto per vomitare, infatti quando poi succede, dico sempre ai miei amici che "stavo benissimo fino a qualche secondo fa". È terribile perché poi per il resto della serata la nausea continua (per svanire uno o due giorni dopo) rovinando l'uscita a me in particolare ma anche agli altri. Cosa posso fare? Grazie mille in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 SET 2018

Buongiorno Paolo,
da quanto racconta potrebbe trattarsi di un problema psicologico, tuttavia sarebbero necessari ulteriori elementi per poter capire cosa lo determini e darle dei consigli pratici per affrontare la situazione. Per esempio, da quanto le accade? Accade indistintamente ogni volta che prova a mangiare fuori con amici? Accade anche quando si ritrova a mangiare fuori casa con i famigliari?
Le consiglio di contattare uno psicologo per un percorso che possa attribuire significato alle sue esperienze e quindi aiutarla a risolvere il problema, qualora non si sentisse pronto per dei colloqui presenziali può contattare uno psicologo online.
Resto a sua disposizione per ulteriori informazioni, mi scriva in privato.

Dr.ssa Righetti Francesca, Brescia

Dott.ssa Francesca Righetti Psicologo a Desenzano del Garda

9 Risposte

19 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 SET 2018

Gentile Paolo,
sicuramente fa bene a fare dei controlli medici per appurare che non ci siano problematiche dal punto di vista fisico.

Detto questo, come correttamente nota lei, sembra che nel suo disturbo ci sia una componente ansiosa che va indagata e capita.
Ha notato se le succede solo quando frequenta determinate persone oppure è una cosa si verifica indiscriminatamente con tutti?
Uscire con queste persone le fa venire qualche preoccupazione particolare?
Da quando sono cominciate queste sensazioni sgradevoli?


Le suggerisco di affrontare queste difficoltà rivolgendosi ad uno psicoterapeuta, la aiuterà sicuramente a gestire e a capire meglio le radici della sua ansia.

Un caro saluto,
Dott. Alberto Mordeglia

Dott. Alberto Mordeglia Psicologo a Busca

81 Risposte

119 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 SET 2018

Buongiorno Paolo,
sarebbe opportuno contattare innanzitutto il suo medico di famiglia per escludere eventuali cause mediche. Se da tali esami non dovesse risultare la presenza di sindromi mediche, si tratterebbe di un problema psicologico legato alla sfera dei disturbi di ansia e sarebbe necessario contattare uno psicologo della sua zona o richiedere una consulenza online.
Cordialmente,

Dr. Gianmaria Lunetta,

Psicologo Clinico a Torino

Dr. Gianmaria Lunetta Psicologo a Torino

249 Risposte

397 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 SET 2018

Buongiorno Paolo,

Se le capita solo quando è fuori a cena/pranzo potrebbe trattarsi di un problema psicologico, di una reazione dettata da qualcosa. Comunque fa bene ad effettuare gli esami per le intolleranze, così può essere sicuro. Al fine di poterla aiutare sarebbero necessari ulteriori elementi, della sua vita e della problematica che pone,. Ad esempio da quanto tempo succede? parla di un causa secondo lei di tipo ansioso, in che senso?cosa prova? La paura e l'ansia si riferisce a mangiare fuori o non con i famigliari?
Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona, l'aiuterà a comprendere i sintomi che riporta.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva

Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1649 Risposte

1170 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21700

domande

Risposte 82200

Risposte