Mobbing

Inviata da Miriam · 27 feb 2013 Mobbing

Sono una professionista, ero molto stimata per il mio lavoro. In seguito al rientro in Italia ho sperimentato grandi difficolta' e isolamento. Durante l'ultima esperienza lavorativa ho subito un forte mobbing trasversale e verticale per 3 anni, denunciato ma inutilmente. Speravo che una volta fuori avrei potuto riprendere il normale corso e ritrovare un lavoro ma invece da un'anno sto collezionando tantissimi insuccessi, legati all'isolamento dal mio ambiente professionale indotto dal mobbing e alla crisi. Ho perso fiducia in me stessa ed entro in ansia all'idea di dover fare una presentazione pubblica o un colloquio competitivo.
Vorrei avere un consiglio per superare queste insicurezze.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 FEB 2013

Gentile signora,
l'unica indicazione che mi sento di darLe è quella di rivolgersi a uno psicologo psicoterapeuta della Sua zona, per approfondire in modo adeguato quali sono le sue difficoltà, la sua storia personale e famigliare e soprattutto per riattivare le risorse che al momento risultano essere "assopite". Nella sua situazione sarebbe auspicabile un intervento con la tecnica EMDR al fine di consentirLe una rielaborazione a livello cognitivo, emotivo e corporeo degli eventi stressanti della Sua vita.

Buona ricerca

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

776 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 MAR 2013

Carissima,
sicuramente avrà vissuto, per tre anni, momenti di sofferenza e di "terrore psicologico" che hanno minato la fiducia in se stessa, nelle sue competenze e nelle sue capacità. Un sostegno psicologico-psicoterapeutico adeguato potrebbe aiutarla a migliorare la sua qualità di vita sia personale che lavorativa che, a seguito del mobbing, è stata ridotta.
In bocca al lupo sinceramente.

Psicologa - Psicoterapeuta e Grafologa Roma Psicologo a Roma

59 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 FEB 2013

Carissima, a parte la verifica di un danno da post traumatic disorder stress, da quantificare, ri-educarsi alla relazione corretta, con se stessi e con gli altri, richiede tempo e pratica, come la fisioterapia, l' allenamento fisico. Riportare se stessi a un equilibrio fatto di autostima, autoefficacia, soddisfazione di sè, potrebbe avere bisogno di un coaching, oltre che una probabile psicoterapia, magari breve.

Studio Bottin Psicologo a Selvazzano Dentro

29 Risposte

15 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 FEB 2013

Gentile signora Miriam,
da quanto da lei scritto penso abbia bisogno sia di un intervento clinico per ristabilire il benessere perso sia di essere risarcita da danno subito. Quindi consiglio di far riferimento a due specialisti oppure ad uno solo, specializzato in psicoterapia con specifica formazione ed esperienza in psicologia legale allo scopo di valutare quanto successo dalla documentazione in essere, quantificare il danno e elaborare e mettere in pratica le strategie psicologico forensi per ottenere un congruo risarcimento mantenendo il posto di lavoro.
dr paolo zucconi sessuologo e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1577 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 FEB 2013

Più che un semplice consiglio, prenderei in considerazione l'idea di elaborare i pensieri riguardanti i rapporti con i colleghi, le modalità di come non farsi trascinare sul terreno del sospetto e su come affrontare e vivere l'eventuale emarginazione. Vivere con l'ansia invalidante e le continue rimuginazioni, portano la persona a devitalizzarsi e a non godersi quello che fa. La tensione accumulata le si manifesta nei vari momenti di performance,ma una vota acquisita la serenità il tutto dovrebbe ritornare nella normalità. Eviti di scoraggiarsi e sappia che se ne può uscire. Cordiali saluti
Dr. Di Carlo Stefano (Bolzano,Trento, Verona)

Dr. Di Carlo Stefano Psicologo a Verona

16 Risposte

10 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 FEB 2013

Gentile Miriam,
l'esperienza del mobbing mina l'autostima e facilita l'insorgenza di disturbi reattivi d'ansia o di somatizzazioni; nel suo caso mi sembra evidente che si sia verificato ciò; poi la crisi lavorativa a livello globale ha sicuramente potenziato questi aspetti, riducendo le opportunità lavorative.
lavorative. Nel suo caso è indispensabile seguire un percorso psicoterapeutico mirato al miglioramento dell'autoefficacia, al potenziamento dell'autostima, nonchè all'elaborazione delle esperienze negative vissute. Uno psicoterapeuta nella sua città le sarà di sicuro aiuto.
Auguri.
Dott. A. Bruschi

Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Antonella Bruschi Psicologo a La Spezia

15 Risposte

4 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 FEB 2013

Buongiorno gentiele Miriam,
lo stato di sofferenza e mancanza di sicurezza in se stessa sono palpabili dalla sua richiesta, sicuramente Lei ha già fatto tutto quello che poteva per arginare la concatenazione di eventi negativi a lavoro, ora è giunto il momento di occuparsi di Lei stessa nel profondo, di risanare e elaborare l'esperienza avvilente. Si affidi ad uno psicologo psicoterapeuta per intraprendere un percorso di psicoterapia, vedrà che ne trarrà molto giovamento e si rimetterà piano piano in carreggiata. Se è di Roma, può contattarmi per una consulenza psicologica per fare il punto della situazione.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2836 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 FEB 2013

Gentile Miriam,
non vorrei che l'episodio di mobbing (quello denunciato) abbia avuto su di lei serie conseguenze psicologiche, che la portano a percepire comportamenti analoghi anche negli altri ambienti lavorativi e, comportarsi, a sua volta, come se fisse dinnanzi a forme di mobbing simili a quelle subite la prima volta. E' possibile che nella sua mente si è formata un'immagine di se stessa come "vittima" con conseguente perdita dell'autostima e della fiducia nelle proprie capacità. Le suggerisco di consultare uno psicologo che possa aiutarla a leggere le situazioni con modalità diverse ed uscire dalla sua posizione di vittima in cui è scivolata.
Cordialmente
Dott.ssa Cristina Mencacci

Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa Psicologo a Perugia

366 Risposte

191 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 FEB 2013

Cara Miriam, vittima di un problema assai diffuso ...
Il mio consiglio è assolutamente quello di rivolgerti ad uno psicoterapeuta della tua città, poiché il trauma protratto che hai subito ha sicuramente scardinato l'impalcatura della fiducia e dell'autostima e, come giustamente ci fai notare, sta minando al tuo futuro professionale, oltre che al tuo benessere.
Ritengo necessario un intervento esterno che riporti alla luce tutto il tuo valore e che ti possa restituire quello slancio che ti è stato tristemente tolto. Un grosso in bocca al lupo! Dott.ssa S. Orlandini

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

204 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Mobbing

Vedere più psicologi specializzati in Mobbing

Altre domande su Mobbing

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26600

domande

Risposte 92300

Risposte