Mio padre mente sulla sua vita privata

Inviata da Francesca · 6 set 2018 Terapia familiare

Ciao a tutti.. è da molto tempo che io e le mie sorelle (anche se tra di noi non abbiamo mai parlato di ciò) crediamo che nostro padre ci stia mentendo.
Meno Di Un anno fa nostra madre è venuta a mancare. È stato orribile per me, per noi. C'è voluto molto tempo perché capissi ciò che era accaduto, non mi sembrava vero, non potevo proprio pensare a una cosa del genere... E invece era accaduto. Non è passato neanche un anno ed è già da almeno due mesetti che ho un brutto presentimento riguardo mio padre.
Un giorno casualmente ho preso il suo telefono e ho visto delle notifiche di uno strano sito.. un sito di incontri. Settimane dopo noto dei messaggi.. provenienti da una donna. Allora, mio padre ha sempre ricevuto solo e soltanto messaggi di lavoro. E quelli non lo erano di certo.
Le ultime settimane sono state devastanti.
Mio padre ha incominciato a uscire ogni sera (con amici dice lui!), ha cambiato la password del suo telefono e assunto strani atteggiamenti che non hanno fatto altro che aggravare ancora di più il clima di irritazione e rabbia...
Io mi sono sempre tenuta tutto questo dentro, come sono solita fare, fino a quando a uscire il problema è stata mia sorella.. Ovviamente gridando contro mio padre. (lei è diversa da me, riesce, anche se in modo sbagliato, ad aprirsi..)
Ieri è andata via di casa dopo che ha litigato violentemente con lui.. Io adesso non so davvero come mi devo comportare.. ogni volta che lo vedo mi sale la rabbia, vorrei andare via anche io, a casa il clima è diventato pesante, davvero pesante.. Non riesco neanche a parlarne con le mie sorelle. Questa situazione mi fa schifo.. Mio padre mi fa schifo.
Grazie, Francesca.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 SET 2018

Buonasera Francesca,

Penso che il problema sia proprio questo: "tenersi tutto dentro". Penso sia importante, soprattutto dopo un lutto così doloroso, cercare di condividere con la sua famiglia ciò che pensa e cosa prova. Suo padre avrà sofferto, per la mancanza di sua madre, tanto quanto lei ed è giusto che cerchi di recuperare l'equilibrio. Sbaglia il modo, non dovrebbe dire bugie e tenervi all'oscuro.
Sento e leggo in lei tanta rabbia: " mio padre, mi fa schifo", forse dovrebbe affrontarlo, senza litigare o gridare come sua sorella.
Le consiglio, visto la situazione delicata, di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona, l'aiuterà ad affrontare la situazione e superare il lutto.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva.
Cordiali saluti

Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1664 Risposte

1187 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 SET 2018

Buongiorno Francesca,
purtroppo la perdita di un genitore è sempre qualcosa di profondamente doloroso, lascia una ferita dentro di noi che richiede tempo per rimarginarsi.

Credo che la sua reazione di fronte al comportamento di suo padre sia comprensibile: in queste situazioni non c’è in ballo soltanto il dolore per la persona che non c’è più, ma anche, spesso, l’idea che “il posto” della mamma, in qualche modo, sia intoccabile all’interno della famiglia.
Quando mi capita di lavorare con persone che si trovano in situazioni simili alla sua riscontro molto spesso la difficoltà, accanto alla sofferenza causata dal lutto, di accettare che quello spazio famigliare così prezioso venga in qualche modo “invaso” da un’altra persona, esterna alla famiglia. Spesso questo fatto complica i rapporti tra i famigliari e aumenta la sofferenza e la rabbia di chi ha subito la perdita.
E’ facile che i figli vivano la nuova frequentazione del padre come un “tradimento” della mamma e della fiducia che ripongono in lui.
Si tratta di una reazione assolutamente umana e comprensibile, che richiede tempo per essere accolta e compresa.

Sicuramente vostro padre sbaglia a non essere schietto con voi e a non dirvi le cose come stanno. Tenga presente però, e questa non vuole essere una giustificazione, che ogni persona vive la perdita a modo proprio, magari con comportamenti o reazioni che per un’altra persona sarebbero incomprensibili o inaccettabili.
Immagino che anche per vostro padre, comunque, la situazione non sia molto facile.

Detto questo le suggerisco vivamente, come hanno fatto i colleghi, di non chiudersi e di condividere i suoi pensieri e il suo dolore con i suoi famigliari, magari affrontando la questione con suo padre, scegliendo un momento “adatto” e cercando, in qualche modo, di “comprendere” anche le sue ragioni.
E’ importante che abbiate la possibilità di confrontarvi e di esprimere quello che provate, tenersi tutto dentro non fa altro che alimentare la rabbia e fantasie distorte sui rispettivi comportamenti.

Se sente di essere in grossa difficoltà chieda aiuto ad un collega della sua zona, saprà sicuramente darle una mano in questo momento così delicato.

Un caro saluto,
Dott. Alberto Mordeglia

Dott. Alberto Mordeglia Psicologo a Busca

81 Risposte

122 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 SET 2018

Buonasera Francesca,
affrontare un lutto è un processo molto delicato e non tutti lo affrontiamo allo stesso modo in quanto siamo tutti diversi. Di sicuro parlarne la aiuterebbe, soprattutto per quanto riguarda questa rabbia che si tiene dentro.
Rimango a disposizione se vorrà intraprendere un percorso psicologico.
Buoni Pensieri
G. Dott. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

711 Risposte

340 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 SET 2018

Buongiorno Francesca,
dispiace molto per la perdita di sua madre. La condizione che riporta può essere molto difficile da gestire. La reazione di suo padre e per lei e le sue sorelle incomprensibile ma allontanarvi e arrabbiarvi potrebbe non portarvi ai risultati sperati.
Le consiglierei di tentare di condividere emozioni e pensieri riguardo l'evento prima con le sue sorelle e successivamente aprire un dialogo con suo padre, per comprendere i relativi punti di vista.

Cordialmente,

Dr. Gianmaria Lunetta,

Psicologo Clinico a Torino

Anonimo-161362 Psicologo a Torino

249 Risposte

402 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 SET 2018

Cara Francesca,
capisco il suo momento di rabbia e dolore. Anche suo padre avrà sofferto e probabilmente soffre tutt'oggi, ma non tutti affrontano il dolore nello stesso modo. Il fatto che possa avere delle nuove frequentazioni non significa per forza che abbia già sostituito la moglie ma semplicemente potrebbe essere un modo per sfogarsi e distrarsi. É spiacevole che lei ne sia venuta a conoscenza in questo modo..non deve essere facile per suo padre affrontare questo argomento, e questo le può dar conferma del fatto che il lutto per la moglie gli crea ancora dolore, così come ancora lo crea a lei.
Le consiglio di fare qualche seduta psicologica online o presenziale per affrontare meglio l'argomento e poter dare a lei e suo padre l'occasione per avvicinarvi in un momento doloroso per entrambi, invece che portarvi rancore.
Mi scriva se ha bisogno di chiarimenti, resto a sua disposizione.

Dr.ssa Righetti Francesca, Brescia

Dott.ssa Francesca Righetti Psicologo a Desenzano del Garda

9 Risposte

19 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102150

Risposte