Mio padre beve troppo. Come posso aiutarlo?

Inviata da Nicola · 12 lug 2016 Tossicodipendenza

Gentili Dottori,

scrivo nella speranza di ricevere un consiglio da voi riguardo un problema che va avanti già da troppo tempo.
Mio padre ha sempre avuto un debole per gli alcolici ma non ha mai esagerato.
Da quando è andato in pensione, però, il suo consumo di alcolici è aumentato sempre più fino ad arrivare al punto in cui è quotidianamente poco lucido. Spesso cade e parla biascicando le parole.
La situazione è notevolmente peggiorata dopo il suicidio di mio zio, suo fratello, a causa di una depressione molto grave che non siamo riusciti a combattere.
Io vorrei aiutarlo a uscire da questa situazione ma non so più come.
Lui ha un carattere molto difficile e non ha nessuna intenzione di farsi aiutare.
Non vuole parlare del suo problema né con me, né con mia madre né tanto meno con i dottori.
Inoltre io non vivo con i miei genitori da molto tempo ormai e quindi non posso stargli vicino quanto vorrei.
A me pare chiaro che l'alcolismo sia causato da qualcosa di più di un semplice vizio. Molto probabilmente è depresso.
Vorrei poter cambiare questa situazione e vederlo vivere tranquillamente la sua pensione assieme a mia madre.

Grazie per i consigli che eventualmente saprete darmi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 LUG 2016

Buongiorno Nicola,
Da quello che scrive suo padre ha trovato nel bere l'antidoto o la soluzione ai problemi che si possono riassumere in uno stato di depressione. Le cause sono molteplici, dai dispiaceri personali, al suo modo di concepire la vita e alla perdita di ruolo che spesso si verifica in chi va in pensione e non ha trovato modalità e obiettivi soddisfacenti da realizzare. Il medico di base le potrà dare indicazioni utili per affrontare e superare il problema. L'alcolismo è un problema che difficilmente viene riconosciuto dalla persona che ne è coinvolta e tanto meno la può risolvere da solo. Il problema coinvolge tutta la famiglia, anche i non conviventi, per cui va affrontato globalmente. Gli Alcolisti anonimi si riuniscono in gruppi formati dalle perso che hanno la dipendenza, fisica, psichica o sociale, mentre i familiari si riuniscono separatamente. La terapia medico-psico-sociale introdotta ai primi degli anni '80 dal prof. Hudolin coinvolge tutti i famigliari lavorando sulle dinamiche del problema e sulle risorse utili per risolvere. Per iniziare ci si può rivolgere al Ser.T., o servizi per le dipendenze, che dopo un periodo di incontri inviano ai club territoriali per aiutare a mantenere l'astinenza e soprattutto uno stile di vita decorso e soddisfacente. Con l'impegno di tutti si ottengono migliori risultati come ho potuto constatare nel lungo periodo ultradecennale in cui ho lavorato nell'ambito delle dipendenze.
Le auguro che anche la sua famiglia possa risolvere questo problema nel migliore dei modi.
Cordiali saluti
Dr. Giovanni Iustulin
Psicologo psicoterapeuta Udine

Dr. Giovanni Iustulin Psicologo a Udine

59 Risposte

58 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 LUG 2016

Gentile Nicola,
da quello che racconta suo padre avrebbe bisogno di iniziare un percorso terapeutico,per aiutarlo ad uscire dalla dipendenza dall'alcool,e per lavorare poi su stesso;un percorso che potrà aiutarlo ad elaborare anche la morte del fratello.
Le consiglio di contattare un professionista della sua zona,o parlarne con il suo medico di base!
Resto a disposizione per chiarimenti o dubbi
Cordialmente
Dott.ssa Battilani Cristina

Dott.ssa Battilani Cristina Psicologo a Parma

57 Risposte

24 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Tossicodipendenza

Vedere più psicologi specializzati in Tossicodipendenza

Altre domande su Tossicodipendenza

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23700

domande

Risposte 85600

Risposte