Mio marito attribuisce a me la causa di tutti i suoi fallimenti lavorativi

Inviata da Franca · 26 apr 2021

Io e mio marito siamo entrambi chirurghi, da due anni stiamo cercando di lavorare assieme nell’ospedale dove già lavoro io, ma il mio primario ha montato una serie di scuse e bugie che hanno ritardato la sua venuta in reparto fino a che il mese scorso a me ha detto di non volerlo per il suo carattere mentre a lui qualche giorno fa ha detto che non lo vuole perché secondo lui rallenterebbe la mia crescita professionale.(da premettere che io non ho mai avuto dubbi di voler lavorare con mio marito nè ho avuto perplessità).
Mio marito adesso pensa che sia stata io a manovrare tutto e che non lo voglia con me perché lo tradisco o perché sono competitiva.
Non so più come fare a fargli capire che sono dalla sua parte, in più vorrei salvare la nostra relazione...lui mi dice di schifarmi, di non fidarsi più di me e di non amarmi più.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 APR 2021

Cara Franca,
da quanto tempo nella sua relazione hanno cominciato a verificarsi fra voi dei problemi di fiducia? Le consiglio di intraprendere un percorso psicoterapeutico di coppia che possa aiutarvi a esplorare la vostra storia coniugale a partire dalle vostre rispettive famiglie d'origine. Ne parli a cuore aperto con suo marito, facendogli capire quanto tiene alla riparazione del vostro matrimonio.
Riamango in attesa di qualsiasi chiarimento.

Dott.ssa Francesca Orefice Psicologo a Bologna

281 Risposte

102 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 APR 2021

Cara Franca, qui il problema è nel rapporto tra te e tuo marito. Al di là delle diverse spiegazioni date dal primario per salvarsi la faccia, resta il fatto che tuo marito non ti crede. Tuo marito non crede a te, aĺla propria moglie, e questo la dice lunga sul come ti percepisce. Tant'è che non si fida più di te. Inoltre ti reputa competitiva quando tu in realtà non lo sei. È come se lui non ti conoscesse affatto. Cara Franca, per salvare il rapporto bisogna essere in due. Un grande in bocca al lupo, d.ssa Antonella Ricci

Dott.ssa Antonella Ricci Psicologo a Tivoli

153 Risposte

56 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 APR 2021

Buon pomeriggio, proponga a suo marito qualche seduta di coppia
Dott. Masucci A.

Dott. Armando Masucci Psicologo a Avellino

333 Risposte

286 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 APR 2021

Gentile Franca,
sembrerebbe che il suo primario abbia avuto modo di conoscere suo marito ed essersi scontrato con lui.
Da ciiò che scrive è poi evidente che nella sua relazione coniugale sono subentrati problemi di fiducia e disinvestimento emotivo-affettivo già da tempo.
Il suggerimento è di intraprendere un percorso di terapia di coppia per recuperare e sanare la relazione.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7408 Risposte

20803 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 APR 2021

Buongiorno Franca,
ho letto con attenzione ciò che ha riportato. Dice che da due anni Lei e suo marito state tentando di lavorare nello stesso ospedale, senza successo a causa del rifiuto da parte del suo primario. In questo periodo suo marito sta lavorando/ ha lavorato altrove? Perchè si potrebbe approfondire cosa, per suo marito, significano quei "fallimenti lavorativi" di cui scrive, quando sono avvenuti e che significato dà loro. Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico di coppia, che vi permetta di confrontarvi su questi aspetti. Un caro saluto e grazie per la condivisione della sua storia. Dottoressa Erica Simoni

Dott.ssa Erica Simoni Psicologo a Parma

122 Risposte

53 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 APR 2021

Cara Franca,
non è sicuramente semplice entrambe in una pseudo "competizione" lavorativa e familiare....
Credo he potrebbe aiutarvi fare qualche colloquio di coppia o cercare di confrontarvi con l'aiuto di un mediatore.

A disposizione
CINZIA Moleri
Psicologa, Psicoterapeuta
Consulenza Online

Dott.ssa Cinzia Moleri Psicologo a Sarnico

109 Risposte

28 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18100

psicologi

domande 28300

domande

Risposte 97200

Risposte