Mio figlio non vuole più vedere la nonna materna

Inviata da Alice · 25 nov 2019

Buongiorno,
Ho un figlio di 3 anni e 4 mesi e un altro di quasi 3 mesi.
Il figlio maggiore è stato molto geloso le prime due settimane dal momento che sono stata in ospedale 6 giorni ma poi, con calma, ritagliandomi più tempo possibile insieme a lui e coinvolgendolo nelle cure del piccolo, è migliorato il suo atteggiamento.
A settembre ha iniziato la scuola materna, ha effettuato un inserimento e, inizialmente ha attivato dei comportamenti di attaccamento (mi voleva vicino mentre esplorava l'aula, mi coinvolgeva nei giochi, poi prendeva a giocare con altri bimbi ma quando me ne andavo, piangeva e voleva tornare a casa con me), successivamente, dopo una settimana ha preso confidenza con i nuovi compagni e le nuove maestre ed ora va molto volentieri.
In questi giorni lo abbiamo trovato infastidito dalla nonna materna e da ieri non vuole nemmeno che entri in casa nostra. Premetto che con questa nonna ha sempre avuto un rapporto speciale ed è cresciuto insieme a lei (ho iniziato a lavorare quando lui aveva 6 mesi quindi ha passato tanto tempo con lei, un po' con i nonni paterni e un po' al nido).
Non riesco a comprendere questo rifiuto. Penso sia geloso del fratellino ma non capisco se è geloso che lei lo guarda e lo prende in braccio o di me. Ho provato a dire a mia mamma di considerare di più mio figlio maggiore mentre io mi guardavo di più il più piccolo ma la situazione è degenerata.
Ora non so più come comportarmi.
Per comprendere meglio l'ambiente familiare: Io e il papà ascoltiamo i bisogni dei nostri figli, ci dialoghiamo e cerchiamo di stargli vicino nei momenti più difficili, ci giochiamo assieme e frequentiamo anche i cuginetti o altri amici. Al figlio maggiore gli permettiamo di sfogare le proprie emozioni ma cerchiamo di contenere gli eccessi, infatti abbiamo dovuto contenerli solamente tre volte, quando il fratellino è nato (abbiamo notato che l'unica cosa che funzionava in quei casi era prenderlo e parlarci da soli a quattr'occhi, in modo che sfogasse la propria rabbia o tristezza e poi parlarci; la cosa più importante però è stato passarci del tempo assieme e rassicurarlo sul fatto che noi gli vogliamo bene come prima). Quando si comporta in maniera sbagliata lo sgridiamo e se, necessario, lo puniamo (non usa quel gioco quel giorno lì, non guarda i cartoni, ecc.). E' un bambino bravo, tranquillo e ci ascolta molto solitamente.
Spero di aver reso l'idea di un quadro generale. Mi chiedo se è meglio distaccare la nonna da mio figlio per un breve periodo o limitare le visite o continuare ad invitarla.
Grazie in anticipo.
Cordili saluti.
Alice

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte