MIO FIGLIO MI DICE CHE VUOLE MORIRE

Inviata da marianto · 13 gen 2015 Psicologia infantile

Sono una mamma con due figli 9 e 3 anni: ieri sera dopo l'ennesima discussione con mio marito mio figlio grande mi guarda sconsolato e mi dice che vuole morire, perché non vuole fare questa vita... Non è la prima volta che lo dice è già successo un mese fa quando il padre lo ha bruscamente e maldestramente rimproverato. Io ho paura. Mio marito non è una persona facile con cui parlare perché purtroppo ha la "mania" di rinfacciare tutto e di fare molto male psicologicamente. Aiutatemi non so che cosa fare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 GEN 2015

Cara Signora,
non ci racconta molto circa le discussioni frequenti nella vostra casa. In realtà non sono riuscita neanche a comprendere se suo marito rimprovera spesso suo figlio o discute spesso con lei.
Penso però che la cosa più importante al momento sia sostenere suo figlio e cercare di capire cosa stia succedendo: l'intervento di uno psicoterapeuta dell'età evolutiva potrebbe davvero aiutarlo.
In secondo luogo credo fortemente che in situazioni del genere sia tutta la famiglia a doversi mettere in discussione non solo per poter aiutare il bimbo ma per poter "migliorare": una terapia sistemica potrebbe fare al vostro caso.
Un caro saluto ed un forte in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa, Torino

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

255 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GEN 2015

Cara mamma,
la sua preoccupazione è comprensibile ed è segno d'amore verso suo figlio che evidentemente sta passando un periodo di difficoltà molto importante. Da quello che ha scritto, mi sembra di percepire che in casa ci sia spesso un clima di tensione e credo che suo figlio abbia in qualche modo paura delle conseguenze. Per un bambino, la famiglia è il punto di riferimento primario e avere la percezione che da un momento all'altro potrebbe disfarsi e non esserci più, è sempre una grande minaccia. Non escludo nemmeno che in qualche modo lui si senta "colpevole" dei vostri litigi (se per esempio le discussioni riguardano proprio i figli) e pensi di "escludersi" così che voi non litighiate più. Naturalmente queste sono solo ipotesi che andrebbero verificate sulla base di una conoscenza più approfondita della situazione. Io le consiglio di dare a suo figlio la possibilità di parlare con uno psicologo che lo possa aiutare ad esprimere i suoi pensieri, le sue preoccupazioni e le sue paure. Queste potranno poi essere condivise tra tutta la famiglia per vedere il da farsi.
Dott.ssa Marta Cogo in Padova

Dott.ssa Marta Cogo Psicologo a Padova

16 Risposte

33 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2015

Cara Signora
certo deve essere molto triste ascoltare il proprio figlio ( così giovane poi) fare queste affermazioni ...
Lei dice che il bambino lo dice spesso e che questo è iniziato con un rimprovero ricevuto e poi dopo delle liti in famiglia...se ho ben capito.
Credo che, a volte, il mondo degli adulti appaia ai bambini come un inferno di incomprensione e di conflitti senza fine.
Non appare bello e gioioso e d'altronde neanche per noi adulti lo è sempre.
Nel vostro ambiente familiare qual'è la percentuale di gioia?
Bisognerebbe prendere coscienza profondamente di questo per poter aiutare il bambino, infatti non bastano le cose materiali a far sentire bene i nostri figli.
Io affronterei con suo marito, in modo molto serio la questione; occorre un'inversione di marcia.
Inoltre credo che il bimbo vada aiutato da un terapista dell'età evolutiva.
Rimane il fatto che molto dovrete fare voi genitori. Primo mettersi in discussione e smussare fortemente certi lati del carattere.
Dal recupero del benessere del bambino ora dipende la sua vita futura e moltissimo della vostra.
Datevi da fare molto seriamente!
Cordiali saluti
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7046 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2015

Cara mamma, ovviamente la priorità va concessa a suo figlio, ma è evidente che è il disagio familiare a creare il problema. Normalmente quando ricevo casi simili al suo, lavoro con tutta al famiglia, seguendo l'approccio psicanalitico.
Per qualsiasi domanda sono qui.
A presto
Dott.ssa Antonella Russo

Dr.ssa Antonella Russo Psicologo a Roma

51 Risposte

32 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2015

Gentile Signora, è possibile che il bambino risenta di un clima relazionale familiare poco sereno. In quest'ottica quella di suo figlio può essere una richiesta di aiuto e cambiamento. E’ utile prendere in mano la situazione e rivolgersi ad uno specialista. Anche suo marito dovrebbe essere coinvolto. Fra l’altro avviare un percorso psicoterapeutico vi potrà aiutare a gestire le conflittualità e a trovare possibilmente modalità di relazione più gratificanti. I migliori auguri.
Dott.ssa Barbara Trevisan
Psicologa - Psicoterapeuta

Dott.ssa Trevisan Barbara Psicologo a Rovigo

141 Risposte

114 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2015

Salve,
I figli sopratutto piccoli se esposti ai conflitti, posseggono la capacita immediata di metterci a confronto con cio che li far star male, che li addolora, che li rende infelici, tristi.Lo fanno in vari modi,a volte un sintomo, nel caso di suo figlio una verbalizzazione diretta.
Le sta chiedendo di fermarsi, di proteggerlo da aspetti che nn riguardano il suo piccolo mondo.
Non si nasconda dietro il carattere di suo marito.
Lei come mamma puo far tanto. A lei mamma, il suo bambino si è rivolto.
Avvii sola o insieme a suo marito un percorso per gestire i conflitti, senza coinvolgere ed esporre i bimbi.
Un saluto.
Dr.Alessia Bella
Psicologo Psicoterapeuta

Dott.ssa Alessia Bella Psicologo a Caltanissetta

1 Risposta

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2015

Gentile marianto,
la risposta è semplice: cercate di migliorare il vostro rapporto di coppia andando da uno psicologo psicoterapeuta.Se suo marito non fosse d'accordo, inizi ad andare lei; può darsi che suo marito la raggiunga in un secondo momento.
In ogni caso anche se va un solo membro della coppia, è probabile che qualche miglioramento si ottenga perchè lo psicologo dovrebbe essere in grado di migliorare la comunicazione tra i coniugi e conseguentemente la relazione.
E 'molto efficace, se ben utilizzata, la psicoterapia della Gestalt

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

726 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2015

Cara marianto, non devi allarmarti per l'affermazione di tuo figlio....nel senso che non devi prenderla alla lettera. ciò non toglie che la sua è una chiara manifestazione di disagio e di richiesta di aiuto. Quello che devi fare è innanzitutto condividere questa tua preoccupazione con tuo marito ed insieme dovete trovare delle soluzioni. Se non ce la fate da soli dovete chiedere aiuto ad un professionista. Da quel che racconti mi faccio l'idea che non sarà facile, ci vorrà del tempo...ma non mollare, questa è la strada da fare.

Psicologo Dott. Raffaele Farina Psicologo a Ostuni

21 Risposte

83 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2015

Buongiorno gentile Signora,
con urgenza richieda una consulenza psicologica presso il servizio di neuropsichiatria infantile più vicino a casa sua, si può informare sia dal suo medico di base, sia alla sua ASL. In alternativa, è necessaria una psicoterapia familiare. Noi da qui possiamo solo orientare. Non lasci passare troppo tempo sopratutto se il clima in famiglia non è sereno.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte