Mia moglie non vuole tornare ma nemmeno separarsi

Inviata da Simone · 9 lug 2018 Terapia di coppia

Buongiorno. Mia moglie se ne è andata di casa (portandosi dietro nostro figlio di neanche 3 anni) ormai da 3 mesi abbondanti. Fino a qualche settimana fa ha continuato a dire di essere confusa e di aver bisogno di tempo per chiarirsi su quello che intende fare nel futuro (salvo poi dire che il lavoro nuovo distante da casa non le lasciava nè tempo nè energie per pensarci). Io da principio, sicuramente sbagliando (ma mosso dal desiderio di mettere a posto le cose, di riunire la famiglia, soprattutto per il bene del bambino), le sono stato un po' troppo addosso, cercando di parlarle, con calma, per chiarire ma questo non ha risolto le cose, anzi, ora è pervasa da una rabbia cieca, dice che il mio parlare l'ha esasperata e quindi sta ingigantendo sistematicamente episodi di poco conto del passato e soprattutto rileggendo altri episodi in chiave totalmente distorta arrivando ad accusarmi di cose non vere (sulle quali mi sono comunque interrogato e ho fatto decine di esami di coscienza). Mi aggredisce verbalmente e poi ore dopo si scusa via messaggio affermando di "non riuscire a controllare la rabbia" e che "spera che prima o poi riusciamo a parlarci di nuovo tranquillamente".. Io le rispondo "ok scuse accettate" e lei si rimangia tutto e mi dice che in realtà lei non è incattivita, che è una persona buona, che lei non sta facendo nulla per farmi deliberatamente del male, che mi devo abituare perchè tutto questo rancore ce lo avrà ancora per molto.
Dice di "non voler (per ora) tornare con me", che le possibilità di riunione sono ormai nulle, di non volerci riprovare, ma allo stesso tempo non procede ad una separazione di legge (che io non voglio, sia ben chiaro). Dice di che "(in questo momento) non si sente attratta da me", che "non prova nulla per me" (ma continua a portare la fede nuziale, a non cambiare le immagini profilo dei social, pur accedendovi quotidianamente, dove ha da tempo una foto di me e di lei abbracciati). Ha prima ammesso che scappando (come in effetti è successo) ha sbagliato e mi ha fatto male, per poi rimangiarsi anche quello, quando le ho detto che io le perdono tutto per il bene della famiglia, e che appena si sarà tranquillizzata spero si possa tentare di sistemare la situazione. A questo proposito, ormai da un mese non la contatto se non per sentire il bambino ed evito sistematicamente ogni tipo di discussione nella speranza che si calmi e che si possa procedere in un prossimo futuro ad un chiarimento e, almeno, ad una fase esplorativa con un terapista di coppia che medi il dialogo e freni le inutili animosità, cosa da cui lei si sottrae fermamente per ora. Ma la sua rabbia non passa, anzi sembra sempre peggio. Come mi devo comportare? Questo comportamento può lasciare tradire una sua non convinzione a chiudere per sempre, ed a voler magari prima attendere l'esito delle nostre terapie individuali, oppure ci sono altre motivazioni per cui uno non vuole più provarci ma nemmeno procedere alla separazione? Io spero ancora con tutto me stesso che la cosa, col tempo che serve, si possa sistemare. Grazie e buon lavoro.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 LUG 2018

Gentile Simone,
la situazione che descrive è molto delicata e sarebbe necessario approfondirne la conoscenza per darle un parere che possa esserle realmente di aiuto. Sua moglie sembra stia attraversando un momento di confusione in cui forse ha davvero bisogno di un po' di tempo, ma d'altra parte è comprensibile e legittimo il suo tentativo di tenersi in contatto con lei.
Lei accenna anche a percorsi terapeutici individuali, che sicuramente sapranno supportarvi e aiutarvi a gestire questo periodo: se fosse possibile a partire da questi percorsi creare lo spazio per un lavoro di coppia sarebbe certamente la soluzione migliore.
Inoltre c'è il vostro bimbo, che è importante possa mantenere una continuità di rapporto con il padre frequentandolo regolarmente, oltre che ricevendo spiegazioni di quanto sta accadendo che siano reali ma adeguate alla sua età e alla sua sua comprensione.
Le questioni aperte sono tante, meritevoli di un approfondimento diretto. Resto pertanto a disposizione.
Un cordiale saluto,
drs Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

480 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 LUG 2018

Caro Simone, da ciò che racconta sua moglie sta vivendo un periodo di grande confusione e credo che non sappia nemmeno lei cosa vuole. Per questo, starle addosso non può sortire effetti positivi anzi andrebbe a peggiorare le cose. Nello stesso tempo, però, bisogna considerare il fatto che oltre voi c'è vostro figlio, il quale ha diritto di frequentarla in maniera costante. Detto questo, sarebbe molto importante che voi iniziaste un percorso di coppia che faciliti la vostra comunicazione, oltre o in sostituzione dei percorsi individuali che ho capito state portando avanti.
Auguri per la sua famiglia, Dott.ssa Daniela Cannistrà.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

290 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18150

psicologi

domande 28350

domande

Risposte 97350

Risposte