Mia moglie dopo 12 anni da fidanzati e 6 di matrimonio dice che non mi ama piu

Inviata da francesco il 30 apr 2015 Terapia di coppia

salve sono un ragazzo di 33 anni e sono sposato da 6 con mia moglie che ha 34 anni . habbiamo due figlie peccole una di 2 anni e l'altra di 5, la nostra storia di fidanzamento non e stata una di quelle piu semplici, ma a causa della sua madrigna che non voleva che stesse con me, ci ha messo sempre il bastone tra le gambe.
quando ci siamo sposati mia moglie ha incominciato a stringere un legame con lei, e fin qui tutto bene finche non sono iniziate le questioni con la mia famiglia. quando mia moglie aveva delle questioni con i miei andava a confidarsi con la madrigna che invece di calmare le acque, agitava ancora di piu dicendo che la famiglia di tuo marito non era buona per te, e che tuo marito non ti ama perche se ti amava, ti dava ragione. e questa cosa e andata avanti per parecchio tempo fino a quando tramite una telecamerina ascoltai questa conversazione, e da li successe il terremoto.
dopo che chiarii con mia moglie le cose andarono dinuovo bene fino a quando non decidemmo di andare a vivere vicino alla madrigna. dal quel giorno le cose sono peggiorate. abbimo un altra bimba e durante la gravidanza mia moglie incominciava ad aver paura di morire e di lasciare la bimba sola senza mamma.
dopo 9mmesi partori ed ebbe un altra batosta. ebbe un tumore alla mano e anche li fui solo perche mia moglie non volle la mano da nessuono e dovevo stare solo io ad accudirla. nel frattempo i litigi erano incominciati con i miei genitori. perche mia moglie andava in contrasto con il loro modo di ragionare. e questo e andata per le lunghe fino ad oggi.
nel frattempo gli ho portato a conoscere la vera famiglia. lei contentissima di aver incontrato la sua famiglia, e sembrava che le cose andassero bene, ma che dopo 4 o 5 mesi che ha conusciuto la famiglia ha deciso di lasciarmi dicendo che non mi ama piu e che con me non vuole piu ritornare. addirittura dopo nemmeno una settimana che me l'ha detto , con l'aiuto della mdrigna gia e andata d'avvocato....ditemi voi se tutto questo e normale e se puo essere un problema risolvibbile

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Francesco,
penso che lei e sua oglie, se volete ancora salvare il vostro matrimonio, abbiate bisogno di uno psicoterapeuta che si occupi di problemi di coppia e di famiglia.
Mi permetto, però, di dirle che l'uso della telecamerina di cui lei parla avrà reso sicuramente la situazione difficilmente recuperabile.
Cordiali saluti
dott.ssa Loredana Aiello

Dott.ssa Loredana Aiello Psicologo a Como

18 Risposte

275 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Francesco,
dalle sue parole emerge una situazione difficile che progressivamente è andata compromettendosi. Elemento precipitante è stato indubbiamente l'intrusività delle vostre famiglie di origine, così come la difficoltà da parte di entrambi a tenere una funzionale distanza da loro.
Allo stato attuale non è possibile per nessuno fare previsioni in merito a come la vostra storia potrà evolvere anche se la presa di posizione da parte di sua moglie e la sua decisione di rivolgersi ad un avvocato sono segnali forti. Laddove vi sia la volontà di entrambi è indubbiamente possibile fermarsi e fare il punto della situazione con l'aiuto di uno psicologo. Per capire se e cosa è recuperabile del vostro rapporto è importante un lavoro volto alla ricostruzione della vostra storia insieme, all'analisi della vostra coppia nei suoi punti di forza e debolezza, nelle sue peculiari problematiche, all'identificazione delle dinamiche relazionali tra voi e come esse possano avere generato disagio, alla valutazione delle situazione attuale, a cosa pensate e provate l'uno per l'altro. Si tratta di un lavoro lungo e faticoso da un punto di vista emotivo, il cui esito non è certo ma che indubbiamente vi potrà essere di aiuto per fare chiarezza.
Cordiali saluti

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1029 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Francesco,
se tua moglie è già andata dall'avvocato per separarsi, non so quanto potrai fare ormai per salvare la coppia, potresti parlarle "con il cuore in mano" dirle che la ami molto e che sei disposto a cambiare vita pur di mantenere insieme la vostra famiglia: magari proporle di allontanarsi dalle rispettive madri/suocere, magari ristabilire una vostra complicità che con la nascita dei due figli si sarà allentata...ti faccio tanti auguri,
Dott.ssa Anna Agresti
Psicologa psicoterapeuta
Prato

Dr.ssa Anna Agresti Psicologo a Prato

54 Risposte

75 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Francesco, da quanto scritto, penso che lei non sia un cattivo compagno di vita. Ha accettato le sue scelte, le ha fatto conoscere la sua famiglia di origine, ha accudito sua moglie come ha desiderato. A me sembra che lei abbia sempre accettato ma forse passivamente ogni scelta. Non conoscendo realmente quella che è la vostra storia, posso solo dedurre da quanto scritto e spero che lei non me ne voglia, mi perdoni ma ho l'impressione che lei non abbia mai scelto ma che subisca le decisioni di sua moglie. provi a parlarne con qualcuno ma anche con sua moglie cerchi di comunicare per cercare di comprendere quali siano le vere ragioni dietro la sua decisione. Buona fortuna A.B.

Dott.ssa Anna Bruscino Psicologo a Roma

7 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Francesco,
la situazione che lei descrive è diventata difficile per tutti, soprattutto per le vostre bambine. Sembra che per sua moglie il passato sia difficile da gestire e da lasciare nel passato, per svincolarsi dalla famiglia e crearsi un proprio nucleo familiare indipendente e autonomo assieme al marito e alle proprie figlie. Sono cose che possono accadere, senz'altro ci sono molti risvolti che lei non ha potuto scrivere. Nel suo caso mi permetto di dirle di rivolgersi assieme a sua moglie ad uno psicologo psicoterapeuta esperto in percorsi per la coppia. Resto a disposizione, e le porgo i miei migliori auguri
dr.ssa luisa Morassi
Psicologa
Udine

Dott.ssa Luisa Morassi Psicologo a Udine

25 Risposte

25 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile francesco,
si nota lo sconcerto nella sua lettera; d'altra parte sembra di capire non solo che la vostra storia ha risentito negativamente già dall'inizio di interferenze o cattivi rapporti con le famiglie di origine, ma anche che sua moglie ha o ha avuto probabilmente delle difficoltà personali dovute all'essere stata, penso, adottata. Tali difficoltà hanno comportato probabilmente un'evoluzione che si è ripercossa sul vostro matrimonio.
Rompere un matrimonio tuttavia non sempre è facile né augurabile nel vostro caso, considerata l'esistenza anche di due bambine. La invito pertanto a recarsi da uno psicologo psicoterapeuta che possa aiutarla a fare il possibile per recuperare il legame. Non permetta inoltre alle famiglie di origine di interferire nei suoi rapporti con sua moglie. Le segnalo anche un articolo sul matrimonio che potrà trovare sul mio sito. Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

700 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Francesco, l'unione familiare presuppone alla base un adattamento flessibili a nuove situazioni. Pensare che vi possa essere un amore forte e costante non è corretto, ma la motivazione alla base di una unione deve essere mantenuta. In molti casi il parere di uno psicologo esperto in problemi di coppia può essere la carta vincente (lo consiglio a tutte le coppie). Un caro saluto, Giuseppa

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
Da quanto scrive sembra che l'intromettersi dei parenti e la vicinanza allla matrigna non abbiano giocato a favore della relazione di coppia, prenda lei e sua moglie le distanze da questa donna per concentrarvi sul vs rapporto e le figlie.

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

172 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Francesco,
molti sono i problemi relazionali fra voi, legati in gran parte alla storia con le vostre famiglie d'origine. Se lei vuole investire nel suo matrimonio, proponga a sua moglie di intraprendere insieme un percorso di psicoterapia di coppia che potrebbe aiutarvi a chiarire le questioni tra voi due etra voi e le rispettive famiglie d'origine.
Tanti cari auguri.
Dott.ssa Culcasi

Dott.ssa Maria Concetta Culcasi Psicologo a Trapani

69 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77200

Risposte