Mia figlia di 11 anni quando vede in televisione due che si baciano si gira

Inviata da Giorgia · 13 lug 2015 Psicologia infantile

Salve, sono Giorgia la mamma di Alessandra una bambina di 11 anni. Il comportamento che ha mia figlia mi preoccupa molto, non e' molto socievole con i compagni di classe anzi li rifiuta completamente e non condivide le loro opinioni. Le sue coetanee si interessano gia all'amore , ai ragazzi , si truccano perche' si sentono gia grandi. Mia figlia invece vuole ancora giocare con i bambini, esce pochissimo, assume molte volte degli atteggiamenti infantili, sta poco tempo con me perche' preferisce andare dalla zia dato che si sente capita, il rapporto con lei e' molto complesso forse per il motivo che non abbiamo niente in comune. Molte volte mi dice che non vuole crescere, vuole restare sempre piccola , mi dice anche che tutte le persone che si truccano e che si fanno notare sono vuote dentro. Quando in un film di commedia oppure romantico ci sono delle scene in cui due si baciano e si toccano lei cambia subito canale dicendo che queste cose sono impure e sporche percio' va nella sua stanza chiudendosi a chiave per vedersi un film drammatico oppure thriller che piacciono a lei. Io alla sua eta' ero completamente diversa , non ero sfacciata ma desideravo tanto avere un ragazzo, mi truccavo e uscivo con le mie amiche. Io non so piu' cosa pensare di mia figlia mi dice anche che lei si sente maschio , odia vestitini e gonne e che nella vita si deve essere semplici , umili e casti. Devo dire che fin da piccola ha sempre avuto questo carattere , gia' a tre anni aveva cominciato ad identificarsi nel genere maschile ma pensavo che col passare del tempo questo comportamento sarebbe cambiato invece e' sempre presente. Mi sono documentata su internet ed ho appena scoperto che esiste il disturbo di identita' di genere ed in quel momento ho pensato subito che sicuramente mia figlia ne e' affetta. Cosa devo fare? Aiutatemi voi a capire meglio tanto io la accettero' lo stesso e' sempre mia figlia.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 LUG 2015

Cara Giorgia,
non si preoccupi di cercare diagnosi per sua figlia e, semplicemente, la osservi nella crescita per scoprire i suoi desideri e i suoi bisogni.

Un genitore, per aiutarsi nel comprendere i figli, può fare ricorso alla sua esperienza, ma, in alcuni casi (come il suo), questa cosa rischia di confonderla. Alessandra è diversa da lei, quindi le è più complesso cercare di capire i suoi comportamenti.

Parli ed esplori con sua figlia il suo mondo. Potrebbe essere che sua figlia assuma comportamenti così diversi dal suo per un'inconsapevole opposizione al modello da lei proposto, oppure perchè ricerca attenzione e sa che il suo comportamento attira l'attenzione della mamma... oppure potrebbe, semplicemente, essersi costruita un modo di vivere diverso dal suo.

Se lo riterrete utile, potrete chiedere una consulenza con uno psicologo.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2108 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 AGO 2015

Buongiorno, mi sembra che sua figlia ha un carattere molto determinato e questa è una ottima cosa, evidentemente sta cercando a modo suo di risolvere il problema della sessualità, credo abbia bisogno di parlare chiaramente con qualcuno di questo tema. Ma chi altro è coinvolto in questa difficoltà di sua figlia?

Dott. Daniele Malerba Psicologo a Mestre

110 Risposte

34 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 LUG 2015

Cara Giorgia,
effettivamente l'insieme di comportamenti di sua figlia che lei illustra potrebbero essere segno di una disforia di genere, soprattutto se si sono manifestati e persistono da quando la bambina era più piccola.
Tuttavia, come ha sottolineato la collega che le ha già risposto in precedenza, la preadolescenza è anche il momento in cui l'identità comincia a definirsi per identificazione o contrasto dalle figure adulte di riferimento (la madre in primo luogo). Non si può dunque escludere che sua figlia stia semplicemente cercando di "diventare grande" differenziandosi decisamente da lei.
Le suggerisco di non contrastarla nei suoi comportamenti (il rischio è che per opposizione vadano a "fissarsi" maggiormente), ma anche di chiedere una consulenza specialistica per verificare se l'ipotesi della disforia di genere ha qualche fondamento, e in ogni caso per cercare di comprendere le ragioni del disagio che sua figia sta manifestando.
Cordialmente
Dr.ssa Livia Botta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 LUG 2015

Buongiorno Giorgia,
effettivamente l'insieme dei comportamenti di sua figlia che lei descrive potrebbero essere segno di una disforia di genere, soprattutto se sono sorti e persistono da quando la bambina era più piccola e sono accompagnati da un disagio nelle relazioni con i coetanei.
Tuttavia, come ha accennato la collega che le ha risposto in precedenza, la preadolescenza è anche la fase della vita in cui si comincia a definire la propria identità per identificazione o contrasto dalla figure adulte di riferimento (la madre in primo luogo). Non si può quindi escludere che sua figlia stia semplicemente cercando di "diventare grande" in modo molto diverso da lei, prendendo le distanze dal "modello" da lei vissuto e proposto.
Le suggerisco in ogni caso di non contrastarla nei suoi comportamenti (per opposizione potrebbero "fissarsi" maggiormente) e di chiedere in tempi brevi una consulenza specialistica, per verificare se l'ipotesi di disforia di genere ha qualche fondamento e comunque per esplorare le ragioni del disagio che sua figlia con ogni evidenza manifesta.
La saluto cordialmente
Dr.ssa Livia Botta

Dr.ssa Livia Botta Psicoterapeuta Psicologo a Genova

10 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29600

domande

Risposte 100800

Risposte