Mi sto bruciando il lavoro

Inviata da Angie_ il 14 mar 2019 4 Risposte  · Orientamento professionale

Sono una ragazza di 21 anni. Ho iniziato un lavoro commerciale 7 mesi fa, ho cambiato città per questo lavoro. ci si deve relazionare con i clienti e si deve proporre prodotti. Più passano i giorni e più va male, nella vita sono sempre stata una ragazza molto aperta vivace e spigliata ma quando devo fare una telefonata o cerco scuse per non farla o faccio finta ma perché proprio mi viene l’ansia non so cosa dire non so cosa rispondere e nella vita privata ho sempre una risposta pronta... se continuo così lo perderò a breve... ma è il lavoro che volevo davvero! cosa posso fare? Perché mi succede?

ragazza , lavoro , male , vita

Miglior risposta

Gentile Angie,
è comprensibile che nella vita privata e con familiari ed amici lei si relazioni senza problemi ma con estranei a cui deve proporre prodotti da vendere è tutt'altra cosa e può sentirsi in difficoltà.
Innanzitutto le consiglio di imparare bene le caratteristiche dei prodotti stessi in modo da non essere impreparata di fronte ad eventuali domande dei clienti e poi le suggerisco di intraprendere una esperienza di psicoterapia cognitivo-comportamentale per superare l'eventuale ansia sociale e migliorare l'autostima e le abilità comunicative.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Carissima,
apparentemente c'è una contraddizione fra come è aperta nella vita di tutti i giorni e la chiusura che mostra in questo lavoro tanto desiderato. Bisogna vedere cosa questo lavoro, pur voluto, rappresenta per lei a livello inconscio in modo da eliminare le resistenze. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo della sua zona o presente sul sito ma che usi Skype.
Mi faccia pure delle domande se ne ha bisogno.

Dott. Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2019

Logo Dott. Angelo Feggi Dott. Angelo Feggi

474 Risposte

708 voti positivi

Buonasera Angie,

diciamo che il suo è un lavoro particolare, il quale non va a d'accordo con la timidezza e titubanza, non tutti sono bravi a fare i commercianti. Può essere anche un'ansia da prestazione dovuta al fatto che è preoccupata di perderlo. Ha mia pensato di intraprendere un breve percorso psicologico?online o da un professionista della sua zona?
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole può scrivermi.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2019

Logo Dott.ssa Alice Noseda Dott.ssa Alice Noseda

1523 Risposte

1129 voti positivi

Gentile Angie, non tutti siamo nati per fare i venditori. Bisognerebbe approfondire, e determinare se lei è ansiosa di fondo, o piuttosto timida o insicura a livello profondo. Si possono mettere in atto tecniche per ridurre l'ansia, ovviamente con l'aiuto di un/una psicoterapeuta esperti nel campo. Cordialmente
dr. Leopoldo Tacchini

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2019

Logo Dott. Leopoldo Tacchini Dott. Leopoldo Tacchini

718 Risposte

299 voti positivi