Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

mi sento soffocata dalla mia famiglia ma questo pensiero mi crea senso di colpa

Inviata da alessandra il 28 mag 2019 Terapia familiare

Buonasera,
Mi chiamo Alessandra, ho 33 anni. Dopo gli anni dell'università e varie esperienze di lavoro all'estero e lontane dalla famiglia, sono rientrata a casa con i miei genitori per ragioni ancora lavorative - un buon lavoro ma più vicino a casa. Credevo sarebbe stato per poco tempo, ma ormai sono 4 anni che sono tornata a vivere con i miei genitori; ogni giorno diventa sempre più faticoso, per varie ragioni: non mi sento riconosciuta come persona adulta, perché di fatto mi trattano ancora come una bambina (es: mio padre ha appena acquistato un'auto nuova e dopo avermi chiesto se la volevo provare, si è impuntato per farmi vedere come dovevo fare per avviare il motore, cambiare marcia e dirmi a che velocità avrei dovuto guidare; la domenica mattina se mi attardo a letto dopo le 9 entra nella mia stanza per vedere se sto dormendo); devo sottostare ad abitudini e orari che non mi appartengono più e che scombinano o il più delle volte fanno saltare i miei impegni, e quando decido di dare priorità a questi ultimi poi mi faccio assalire dai sensi di colpa perché ad esempio so che mia madre ha preparato la cena anche per me e se io non arrivo in tempo ci resterà male. Ancora, ho smesso di esprimere quello che penso: semplicemente, dico sempre di sì in modo che sembra tutto vada bene, perché alla fine mi pare di dovermi vergognare di avere da ridire nei confronti di chi mi prepara la cena e mi aiuta se ho bisogno. Ho pensato che la soluzione fosse cercare casa per conto mio, cosa che pensavo avrei fatto entro i 30anni ma che con enorme frustrazione (io lo considero il fallimento della mia vita), non ho realizzato. Ogni volta che se parla, finisce in litigio con i miei, soprattutto mio padre, che asserisce che io non possa fare quello che voglio solo perché a me viene in mente di voler essere a tutti i costi indipendente, come chi non ha nessuno. Conseguenza: tormento di senso di colpa e nulla di fatto. Ogni scelta che mi porta fuori provincia/fuori casa è criticata e in pratica distrutta, fino a che il logorio non mi convince a lasciare perdere, come qualosa che "vorrei, ma non si può, per non fare torto ai miei che fanno tanto per me"). In tutto ciò ho l'esempio di una sorella maggiore che mi è sempre stata portata come esempio da seguire e di cui per volere dei miei genitori ho seguito le orme fino all'università), che ha iniziato a convivere con il suo ragazzo dopo 7 anni di fidanzamento e adesso hanno comprato casa a 2 km da noi e hanno pure un figlioletto. Insomma, una vita "normale", "come dovrebbe essere". Mi porto dentro un'enorme sofferenza per questa incapacità di vivere una vita mia: mi par di vivere la vita di un altro, ma allo stesso tempo ogni cambiamento è bloccato da un senso di colpa fortissimo e da disgusto per me stessa, perché scegliendo la mia vita non sarei riconoscente verso chi fa o dice di fare il mio bene:. A ciò, a ondate si aggiunge la pressione sociale, perché a 33 anni non ho fidanzato e penso alla carriera, ai viaggi e allo sport, invece che a entrare nella "vita vera" cioé fare famiglia. Mi pare di non riuscire da sola a cambiare direzione, ma il dialogo in realtà non esiste in famiglia e non so da dove prendere le mosse per cambiare; forse un percorso con uno psicologo potrebbe aiutarmi a sbloccare il tutto? Grazie,
Alessandra

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Alessandra, ritengo tu debba precipitarti da uno psicologo per uscire da questo impasse! Nonostante tu abbia lavorato fuori e sia stata indipendente dalla tua famiglia, sei riprecipitata in questa dipendenza che si sta rivelando dannosa! I genitori, non tutti per fortuna, quando i figli rientrano nel perimetro familiare se ne rimpossessano letteralmente! Purtroppo il distacco non sarà così indolore per entrambi, ma se vuoi riappropriarti della tua vita, è indispensabile che tu esca di casa il prima possibile. Fatti aiutare in questo, è un tuo diritto, i sensi di colpa non hanno ragione di essere! Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77950

Risposte