Mi sento senza speranza...

Inviata da Sara.25 · 23 mar 2021

Mi ritrovo di nuovo qui a scrivere in lacrime perchè mi fa paura vivere. Sono una ragazza di 25 anni e da sempre, cioè da quando sono nata che faccio fatica a vivere, a stare con le altre persone, e a sentirmi le pressioni di tutti perchè non sono come le mie coetanee. Ho già fatto una psicoterapia di tipo psicodinamico per 4 anni terminata lo scorso Settembre, più una breve cura farmacologica (nel 2017) da me richiesta, ho preso il diploma, la patente e affrontato diverse situazioni sociali, ma non ho risolto il problema alla radice. Mi credete se vi dico che io più cresco e più non ci capisco niente? Mi viene da piangere caspita...io non ce la faccio più a vivere, sono stanca di chiedere aiuto se poi mi aspetto troppo dagli altri e finisco per rimanerne sempre delusa.... Sono stanca di vivere, se potesse essere più semplice, schiaccerei un bottone per porre fine alla mia esistenza. Vorrei urlare, rompere tutto e piangere perchè sono diversa da tutti gli altri, mi aiutano a farmi pesare questa mia diversità. Sono una persona vuota, non c'è niente dentro di me, sono rimaste solo tutte le emozioni negative. Vorrei davvero essere morta o finire in ospedale, forse così potrei far capire a chi mi sta intorno di quanto bisogno ho di aiuto, comprensione, amore, ascolto, qualcuno che mi stia vicino/a fisicamente..... Per me vivere è un incubo, un brutto gioco in cui io non voglio più proseguire, voglio ritirarmi e vorrei trovare il coraggio per farlo, voglio che giochino gli altri, io mi sono stancata. Per me vivere è troppo pesante, difficile e sofferente. Tutti che dicono una cosa diversa, un consiglio diverso, un opinione diversa, ma niente sembra aiutarmi a stare meglio. "Prova questo" "Prova quello" Io sono stanca di vivere, di respirare, vorrei poter dare la mia vita a chi ha voglia di proseguire questo gioco, almeno eviterei di sprecarla, sono una donatrice di organi, semmai un giorno troverò il coraggio, sarebbe l'unica cosa buona e sensata che faccio nella mia vita, salverei la vita a qualcuno e gli permetterei di essere ancora in vita, sperando che almeno questo/a sia felice di vivere. Il mio problema non so più quale sia, principalmente si tratta di ansia somatizzata, fobia sociale, ma sono convinta di essere piena di altri problemi che non hanno ancora un nome e allora per farvi capire meglio chi sono e come mi sento proverò a descrivermi, descrivervi le cose che provo da 25 anni. Sono sempre stata una persona timida, ovviamente non sto parlando di semplice timidezza ma di vera e pura paura, vergogna, di essere me stessa, di confrontarmi, comunicare con gli altri, che siano anche i parenti. Pensate alla cosa che nella vostra vita vi crea più paura e vergogna in assoluto e capirete come mi sento io quotidianamente o comunque le volte che sto con le persone, quindi con le mie paure. Sono cresciuta in un ambiente non proprio salutare, solo crescendo ho iniziato a pensare che anche mia madre possa soffrire di qualche disturbo mai diagnosticato, ha sempre trascurato noi figli, la casa, ha fatto sempre e solo l'indispensabile. I miei genitori non sono mai andati d'accordo, le urla, le incomprensioni, i litigi, le infinite discussioni sono state e continuano ad essere il mio pane quotidiano. In 25 anni che convivo con loro si saranno alzati le mani a vicenda solamente 3 volte, poi si sono limitati solo a discutere a voce. Nonostante questo io ho solo loro e a volte mi sento amata e voluta bene, le poche volte in cui vanno d'accordo per me è come vivere il giorno di Natale per un bambino. Ho subito bullismo sempre, sia fisico che verbale, non ho mai avuto il coraggio di difendermi, ho sempre avuto troppa paura. All'asilo e all'elementari non parlavo, non sono sicura si trattasse di mutismo selettivo, quello che posso dirvi è che all'asilo comunicavo solo facendo "si" e "no" con la testa, all'elementari solo a bassa voce e solo se interpellata, quindi nelle interrogazioni. Mi considero da sempre una persona pigra, immatura, irresponsabile, infatti non mi piaceva andare a scuola e i risultati si vedevano, non mi piaceva studiare, non mi piaceva aiutare i miei in casa o in generale, se c'era da fare qualcosa mi rifiutavo perchè non mi andava, volevo solo giocare e starmene da sola perchè era e per certi aspetti lo è ancora, l'unico modo che mi permette di poter avere un pò di sollievo. Mio padre mi ha sempre spronata nel fare amicizie, sport e tutto ciò che può riguardare lo stare con gli altri, ma io ho sempre detto di no, perchè per me, nella mia testa di bambina la richiesta era questa "Vuoi stare a contatto con le tue paure? Perchè non provi a stare di più con lo stress, con la vergogna e con le tue insicurezze? Ti va di andare ad incontrare la signora sofferenza, ansia?". Sono stata fortunata però nell'incontrare tante brave persone che mi hanno aiutata inconsapevolmente ad avere delle amicizie, ho avuto diversi amici, amiche, tra queste una conoscenza durata 7 anni. L'ansia somatizzata è stata la causa principale per cui mi sono allontanata e ho rovinato e chiuso tutte quelle conoscenze adolescenziali che ho avuto, non ho avuto il coraggio di dare alcuna spiegazione, mi vergogno troppo, semplicemente sono sparita. Ho trattato male molte persone, tra queste c'è anche la mia psicoterapeuta... È difficile per me anche solo parlare di tutto questo, immaginatevi quanto può esserlo agire e fare qualcosa di concreto. Per tutti sono una persona strana, asociale, scansafatiche, ignorante, troppo piccola per capire, mantenuta dai propri genitori, egoista, tossica, problematica, lamentosa, immatura, e potrei continuare fino all'infinito. Tutti questi termini me li dico anche io da sola, purtroppo quando sto male divento la mia peggior nemica, arrivo anche a dire a me stessa "Dai, almeno abbi il coraggio di farla finita!" e inizio a pensare su come potrei fare per togliermi la vita, su internet si legge di tutto e non solo lì. Io vorrei davvero riuscirci, così finirei di stare male e di stare nella sofferenza, perchè per me vivere è questo. Quando mi capita ad esempio di uscire da sola in bici per andare da qualche parente, dico scherzando a mia madre, magari dopo aver litigato "Spero che mi mettano sotto, così non mi vedrai più e finalmente ti libererai di me", lo dico con tono ironico ma è una cosa che penso davvero, io prego le notti che mi possa accadere qualcosa che possa porre fine alla mia esistenza dato che io non ne ho il coraggio purtroppo. Certe notti mi alzo, magari dopo aver pianto, e mi metto a guardare fuori dal balcone di casa mia, osservo il cielo, la pace e il silenzio della notte, guardo il terrazzo e immagino di trovare il coraggio di salirci e tuffarmi nell'unica certezza che mi rimane in questa vita.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 MAR 2021

Gentile Sara,
al di là della comprensione empatica e condivisione del suo dolore, a mio avviso lei ha bisogno di riprendere la terapia psicologica e anche farmacologica che suppongo abbia interrotto volontariamente in maniera univoca senza il consenso dei professionisti che la tenevano in cura.
Quanto all'ideazione suicidaria così ricorrente nella sua mail, è un bene che non venga da lei realizzata perchè in tale malaugurato caso si priverebbe della possibilità di verificare, come è accaduto a tante persone con disturbi dell'umore, che al di fuori di questi periodi di depressione tutto quello che ci circonda può essee visto con occhi diversi.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7545 Risposte

21092 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 MAR 2021

Carissima Sara, si percepisce in lei tanta tristezza ,delusione e un sentimento depressivo che l' accompagna. Io credo che lei può farcela ,magari se riesce a mettersi di nuovo in gioco con terapeuta. Non perda la speranza cerchi la persona che sarà giusta per lei e insieme riuscirete a fare un senso a tutto questo dolore. Cordiali saluti

Dott. Alessandro Papagni Psicologo a Ostia

23 Risposte

10 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2021

Cara Sara,
il Suo racconto è molto triste, racconta tutta la Sua sofferenza, riassunta nel titolo. Ha spiegato perfettamente le difficoltà che si sente addosso, così pesanti. Tralasciando solo per un attimo il contenuto, lo sa che ha un bel modo di scrivere? Quando si perde la speranza, a volte capitano i pensieri di morte, sentiti come una fuga da un mondo percepito come brutto e che non cambierà mai. Fortunatamente, moltissime persone potrebbero testimoniare che non è così (se legge le opinioni dei pazienti sui profili degli psicologi, vedrà), che una volta si sentivano senza speranza come Lei e poi, un piccolo passo alla volta, qualcosa è cambiato. Forse in questo momento Le sembrerà impossibile ed è la depressione che fa vedere tutto così nero. Forse però un po' di speranza ce l'ha, visto che ci scrive. Forse dentro di Lei c'è una vocina che dice che si può stare meglio e che c'è qualcuno in grado di aiutarLa. Provi ancora a fare questo passo. Ha visto che è riuscita a fare tante cose, il diploma, la patente, le situazioni affrontate e sicuramente tanto altro. Se si era trovata bene, torni dalla Sua terapeuta o, se preferisce, trovi qualcuno di nuovo, ma inizi al più presto. Ci sono i Suoi genitori che Le vogliono bene ed è una parte importante. Cerchi l'aiuto che Le serve e vedrà che le cose andranno meglio.
Un caro saluto,
Dott.ssa Katarina Faggionato

Dr.ssa Katarina Faggionato Psicologo a Vicenza

430 Risposte

201 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102450

Risposte