Mi sento molto frustrata!

Inviata da Viola · 10 nov 2020

Salve, sono una ragazza di 26 anni. A 19 anni, poco dopo aver perso la verginità con il mio primo fidanzato, un ragazzo che pensavo fosse mio amico mi ha fatto violenza sessuale. Non so se non ho mai provato piacere nel sesso o è stato da quello specifico momento che questo è successo. Dopo questo fatto sono rimasta un anno con il mio fidanzato dell’epoca. Poi ci siamo lasciati e ricordo che con lui il sesso era una costrizione, non ero attratta (forse lo ero solo le prime volte ma non ricordo bene). Negli anni successivi (dai 21 ai 24) sono andata a letto con alcuni ragazzi appena conosciuti non so nemmeno per quale ragione, ma nemmeno una volta ero eccitata, non mi è mai piaciuto il sesso. Ho delle fantasie sessuali ma solo su situazioni “di costrizione” nei miei confronti nel fare sesso. Ora, da meno di un anno, sto in una bellissima relazione con un ragazzo che mi rispetta e con cui sto molto bene. Il problema è che non provo attrazione fisica, non provo quasi nulla quando lo facciamo. Credo che lui abbia percepito il non desiderio e credo sia per questo che poi anche a lui sia sceso il desiderio sessuale nei miei confronti. Quindi ora ci troviamo così, insieme, ci vogliamo bene, non vogliamo stare separati, non sentiamo di essere solo amici, ma manca l’attrazione sessuale e il sesso tra noi due. Non so veramente cosa fare questa situazione è frustrante perché vogliamo stare insieme ma abbiamo questo problema fondamentale. Mi ritrovo a 26 anni che non ricordo di aver mai provato piacere nel fare sesso con qualcuno. Secondo voi da cosa è scaturito tutto questo?È possibile che sia colpa di quello che mi è successo? Vi ringrazio in anticipo spero di essermi fatta capire abbastanza.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 NOV 2020

Buongiorno Viola,
lei ha bisogno di elaborare la violenza subita, di trasformare l'esperienza traumatica che ancora circola dentro di lei (vedi fantasie sessuali) e le impedisce ad oggi di vivere bene la dimensione della sessualità. Per lei, Viola, la sessualità è ancora associata alla violenza subita. Il suo corpo conserva quella memoria e occorre aiutarlo a digerire quanto successo per superarlo. Non può farlo da sola, si rivolga ad un terapeuta preparato sui traumi, avrà gli strumenti adatti ad intervenire sul suo disagio.
Le auguro il meglio
Dott.ssa Franca Vocaturi

Franca Vocaturi Psicologo a Torino

397 Risposte

185 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 NOV 2020

Buongiorno Viola,
credo sia stato difficile e doloroso scrivere qui di quanto è accaduto in passato e di quanto tale esperienza abbia condizionato e influenzi tuttora la Sua vita.
Non credo Lei voglia sentirselo dire ancora.
Quello che è più doloroso adesso è rendersi conto di quanto tali esperienze negative le impediscono di vivere con serenità la Sua vita amorosa e sessuale attuale. E siccome Lei ha il diritto di esperire una relazione sentimentale adeguata, ecco che mi sembra importante decida di affrontarla.
Intimità non è solo atto sessuale. Intimità è conoscersi nel profondo. E' donarsi. E' donare se stessi riponendo l'armatura.
Si faccia aiutare da una psicoterapeuta con conoscenze sessuologiche in modo da affrontare, assieme al suo compagno, un percorso di conoscenza che parta dal corpo. E contemporaneamente, cosi, potrà affrontare le sue esperienze traumatiche pregresse.
Conoscere il proprio corpo e quello del compagno, conoscere cosa potrebbe stimolare il piacere vicendevolmente (carezze, massaggi, baci), conoscere e sperimentare la dolcezza e il desiderio, è trampolino di lancio per una compliance di coppia più profonda e soddisfacente.

Buon cammino ad una ragazza che diventa donna

Simonetta Carola d.ssa Lanaro

Dssa Simonetta C. Lanaro medicina psicosomatica psicoterapia Psicologo a Moncalieri

34 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 NOV 2020

Buon giorno, penso che sarebbe il caso di iniziare un percorso che pian piano la porti ad essere più recettiva con sé stessa e la metta in connessione con la propria femminilità e sessualità. Qualunque cosa sia successa in passato ora è il caso di superarla, più che pensare a ciò che nello specifico l'ha causata. Sarà difficile però, arrivarci da sola, servirebbe un professionista, nello specifico le consiglierei qualche seduta con psicologo che effettua tecniche di rilassamento ed immaginative o sessuologo. Si rivolga al Ordine Psicologi del suo territorio.. Resto a disposizione.
Cari saluti.
Dott.ssa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

684 Risposte

331 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2020

Cara Viola, non so esattamente cosa sia accaduto con questo ragazzo ma se lei l ha percepita una violenza sessuale, una violenza è sempre un evento traumatico che di certo se non elaborato può avere un impatto sulla sua vita attuale e sul modo di vivere relazioni e sessualità. Le consiglierei di cercare un terapeuta nella sua zona per fare un lavoro su di sé, partendo dalla sua storia di vita e dall evento traumatico che descrive. Ps: non c è una "colpa"come lei la chiama, ma sempre una complessità di tratti di personalità/contesto di vita e eventi accaduti che entrano in gioco... Se desidera, io resto a disposizione. Cari saluti AS

Dott. Signorelli Alessia -psicoterapeuta della coppia e della famiglia Psicologo a Milano

9 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2020

Cara Viola, la violenza che ha subìto influenza negativamente la Sua vita di coppia, e in generale, la Sua vita e la Sua serenità. Ha delle fantasie sessuali solo se Lei é in una situazione di costrizione perché, purtroppo, ha avuto questa traumatica esperienza e la reitera attraverso le fantasie. Il calo dell'attrazione fisica si associa al fatto che nell'esperienza che ha vissuto il sesso é stato una violenza per Lei e non qualcosa di desiderato e piacevole. Si dia la possibilità di elaborare con un aiuto professionale i Suoi vissuti di sofferenza, per riuscire a vivere appieno e adeguatamente se stessa e la relazione di coppia.
Le auguro una buona fortuna e tanta armonia per sé stessa.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

878 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19000

psicologi

domande 30550

domande

Risposte 104850

Risposte