Mi sento inutile ma..

Inviata da Alice · 19 dic 2017 Autostima

Buongiorno a tutti, è la prima volta che scrivo per esprimere un mio disagio.
Ultimamente continuo a senitrmi inutile, specialmente a livello lavorativo.
Premessa: l'azienda per cui lavoro mi piace molto e tutto sommato mi trovo bene con i colleghi. A novembre ho passato un mese infernale: a causa di riorganizzazioni interne mi sono trovata in mezzo a due fuochi di due responsabili reparto di aree differenti (svolgo due mansioni a lavoro che vengono schedulate in base alle esigenze). Ho avuto due settimane in cui arrivavo presto e andavo via molto tardi dall'ufficio ed ero molto stressata a causa della "piccola lotta di potere" tra i miei due responsabili. A causa di questo stress (aggravato da un trasloco in corso e dei problemi famigliari) ho commesso un grave errore a livello lavorativo che mi è costato una lettera di richiamo e una multa (a detta del mio datore di lavoro ho rischiato il licenziamento). Quando sono stata chiamata in ufficio dal capo dell'azienda per notificarmi il mio errore non mi è stata nemmeno data la possibilità di spiegare che il mio errore era stato fatto a causa di una situazione di forte stress, inoltre non ero nemmeno nella posizione di poter contestare.
Questa situazione mi ha lasciato una grande delusione interiore e un week end a letto a causa di un reflusso gastrico legato al fortissimo stress.
Sò di avere problemi di autostima, ma questa situazione ha fatto crollare la poca autostima in me stessa che ero riuscita ad accumulare.
Mi sento inutile, incompetente, non in grado di fare nulla, mi sembra di commettere errori su errori e di essere costantemente "fuori posto", sia fuori che dentro al lavoro.
Sono anche consapevole di avere, nonostante tutto, una bella vita: ho un compagno che mi ama molto e con il quale ho appena cominciato una convivenza, ho ancora un lavoro e ben pagato e i miei problemi famigliari si sono risolti.
Nonostante tutto, non riesco a vedere nulla di buono in me, non mi piaccio nemmeno fisicamente e credo di non valere nulla, sono sostiuibile.
Non ho idea di come uscire da questa spirale di autocommiserazione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 DIC 2017


Gentile Alice,
sarebbe interessante sapere in cosa consisteva questo errore e se era possibile rimediare.
Può capitare a tutti di commettere un errore ma la cosa più importante è verificare se esso è riparabile.
Il richiamo e la multa che ha avuto possono già essere considerati come una sorta di ammenda e quindi di riparazione per cui non è il caso di amplificare ulteriormente e comunque troppo gli effetti di questo errore, cosa che probabilmente le sta accadendo proprio per il deficit di autostima che si riconosce.
Allora occorre colmare questo deficit tramite un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6974 Risposte

19369 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 DIC 2017

Ciao Alice

Mi colpisce molto la tua lettera perchè mi ha fatto subito balzare davanti agli occhi l'immagine di un confine territoriale.
Confine che, riportato alla tua esperienza lavorativa, sembra non esistere. Ho avuto la sensazione che fra te e i tuoi superiori questi limiti non vi siano e che spesso vengano invasi i tuoi spazi al punto da farti sentire fuori posto, impotente di importi e di farti le tue ragioni.
Credo che un buon inizio per te possa essere quello di affrontare, insieme ad uno specialista un lavoro proprio sui confini, in modo da riuscire a ridefinirli e ad essere in grado di riconoscere quando questi vengono minacciati o invasi.
Un lavoro sulla loro ricostruzione può essere un buon inizio anche per poter lavorare sull'autostima ed il senso di autoefficacia.
Ti auguro un buon proseguimento...

Dott. Andrea Guerrini Psicologo a Empoli

29 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 DIC 2017

Salve Alice,
Dalla situazione che descrive l'errore commesso a lavoro ha innescato questa spirale di pensieri negativi e di forte autocritica, che non riesce in questo momento a rallentare.

Per capirne le ragioni sarebbe utile una consulenza o un confronto vis a vis che aiuti a mettere in fila gli eventi e a esplorare le emozioni negative che ha attraversato in questo periodo.

A volte la paura del giudizio può farci vivere gli errori in modo assoluto e farci mettere in discussione la nostre intera identità, anziché insegnarci qualcosa per il futuro.

Dalla situazione che ha descritto, per esempio, mi viene in mente che potrebbe essere un buon insegnamento per lei quello di imparare a mettere un "freno" e un "confine" alle richieste degli altri un po' prima di arrivare ad una condizione eccessiva di stress e stanchezza che la espongono a fare errori.

Le è mai capitato di farsi carico di molte richieste e responsabilità senza riuscire a dire di no?
È solo una riflessione, tra tante possibili.
Merita uno spazio di ascolto più ampio in cui rinforzarsi e riacquistare fiducia in se stessa.

Buona giornata,
Camilla Marzocchi
Bologna BO

Dott.ssa Camilla Marzocchi Psicologo a Bologna

341 Risposte

174 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 DIC 2017

Buongiorno Alice
Lei tende a somatizzare lo stress ed i conflitti emotivi accumulati nel corso delle sue attività quotidiane. Questo implica come conseguenza che oltre a stare molto male fisicamente ( due gg a letto per reflusso gastrico), rischia di cronicizzare alcuni disturbi a carico di alcuni organi e continua a non gestire e risolvere le situazioni che generano questo stato.

Cara Alice le suggerisco di prendersi del tempo per sé stessa e per valutare come può negoziare con maggiore successo e serenità il suo operato nell’ambito lavorativo senza sentirsi impotente ed inefficace nel proteggere il suo primario interesse e divenire vittima di giochi di potere altrui.

Lei ha un valore ma deve essere lei la prima a riconoscerselo.

Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo professionista.
Un caro saluto
Dott.ssa Fabiana Nicolini

Dott.ssa Fabiana Nicolini Psicologo a Bologna

124 Risposte

45 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 DIC 2017

Cara Alice, giâ il fatto che riesci a scrivere qui denota una buona capacitâ di analisi e voglia di metterti in discussione per migliorarti. Arriva anche tutta la sofferenza data dal sentirti inadeguata, forse mai all'altezza e mai abbastanza....ė arrivato il momento di guardarti dentro per lavorare su te stessa e la tua autostima. Un percorso di psicoterapia potrebbe essere la strada giusta per "ritrovarti" e far venire fuori la risorse e le bellezze che hai, e che sono solo un pò "arrugginite". In bocca al lupo per la tua vita, dott.ssa Daniela Cannistrâ.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

246 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84400

Risposte