Mi sento intrappolata in casa, come posso ottenere più collaborazione familiare?

Inviata da An. · 8 mar 2012 Terapia familiare

Lavoro come impiegata e mi occupo io da sola della casa. I miei figli sono adolescenti e non mi vogliono aiutare. Mio marito lavora e quando torna a casa mangia e si stende sul divano. Non ho tempo per me stessa e sto tutto il tempo a pulire. Ovviamente non faccio altro che chiedere il loro aiuto e lamentarmi, ma non ne posso più, non serve a niente! Cosa posso fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 MAR 2012

Gentile signora,
mi pare di leggere tra le righe un senso di frustrazione e scoraggiamento.
Dalle poche cose che racconta sembra quasi che a casa sua ognuno viva nel proprio spazio: i figli si dedicano alle loro cose, suo marito è preso dalla stanchezza e dal bisogno di recuperare da solo e lei è presa a dedicarsi alla gestione della casa.
Non so, sembra che forse sente che le sue esigenze non siano accolte, ma mi chiedo anche quanto tra di voi, i membri della famiglia, ci sia comunicazione e spazio per esprimere, il proprio disagio e le proprie necessità.
Tuttavia non credo che questa situazione sia nata all'improvviso, quindi forse la prima cosa da chiedersi è: come mai si è fatta "intrappolare" in casa?
Ma soprattutto: se non ci fosse la casa da gestire, lei come impiegherebbe il suo tempo?
Provi a riflettere su cosa davvero sente che manca in questo momento nella sua vita.
Saluti

Dott.ssa Susanna Murray Psicologo a Pesaro

23 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 MAR 2012

Buongiorno gentile utente,
è possibile motivare i figlioli adolescenti partendo dai loro bisogni e da lì responsabilizzarli. Con pacatezza ma con fermezza è possibile delegare a loro incombenze che li riguardano, dalla gestione della loro stanza alla spesa degli alimenti che più preferiscono, per esempio a colazione. Certamente in un primo periodo sarà "scomodo" e irritante per te sopportare lo scompiglio (la loro stanza che rimane in disordine o il latte e i biscotti che mancano a colazione) ma se rimani ferma sul proposito, ovviamente per faccende casalinghe possibili per loro, vedrai che si correggeranno e smetteranno di "darti per scontata". Inoltre, questo percorso gioverà molto alla loro crescita come persone responsabili.
Cordialmente Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2836 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2012

Gentile "intrappolata" purtroppo la tua è una condizione frequente .. questo non significa che non si debba o non si possa migliorare o cambiare. I ragazzi ora hanno altri obiettivi ed è difficile coinvolgerli se non in piccole cose, ma il marito può diventare un valido collaboratore per migliorare anche la vostra vita di coppia ..ora che i ragazzi sono grandi potete riscoprire il piacere di fare qualcosa insieme ..ma anche il resto va condiviso. Per fare questo le lamentele non servono anzi peggiorano la situazione creando rancori e tanti "non detti" che logorano il rapporto e il benessere individuale e di coppia ... un percorso di aiuto insieme può aiutarvi a identificare le aree di insoddisfazione e affrontarle efficacemente .. è un modo anche per comprendere meglio se stessi e il prorpio partner .

Cynthia Mattioli Psicologo a Ostia

4 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2012

Ti consiglio di dedicare un'ora la settimana a te stessa, un'ora solo per te in cui puoi dedicarti ai tuoi hobby o interessi. In ogni caso una terapia familiare sarebbe indicata.

Dott.ssa Laura Privitera Psicologo a Belpasso

8 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26500 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26500

domande

Risposte 92200

Risposte