Mi sento in colpa. Provo sempre un senso di fallimento

Inviata da luca barbieri · 22 feb 2021

Salve a tutti,

Sono uno studente universitario di 24 anni e frequento l'ultimo anno di Ingegneria. Ho appena finito la sessione d'esami e, purtroppo, ho passato solo 3 dei 4 esami che avevo da dare. Ora me ne rimangono 5 più la tesi da scrivere e mi sento un fallito. Inoltre, nonostante la sessione sia finita e non abbia più appelli disponibili, mi sento in colpa perchè non studio, perchè non ho passato questo 4 esame. Non riesco a "staccare il cervello" penso sempre che ho fallito, all'ansia di finire fuoricorso, di non riuscire a scrivere la tesi, di non essere in grado di trovare un argomento o relatore, continuo a pensare. In più lunedì rincominciano le lezioni e ho paura di non abbastanza riposato per riprendere il tutto. Mi sento stanchissimo mentalmente, appena metto la testa sui libri (ho passato l'ultima settimana a sistemare appunti in vista del prossimo semestre) mi pesa come un macigno e mi sembra di non capire nulla, non so se è perchè sono stanco oppure perchè proprio sono stupido.

Grazie mille per aver letto e risposto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 FEB 2021

Buongiorno Luca,
nel percorso universitario è frequente incontrare delle difficoltà. Spesso ci si può ritrovare sovraccaricati dall'aver infuso un impegno eccessivo e dall'aver trascurato il piacere. Fare delle attività piacevoli è un modo per scaricare e ricaricarsi.
In questi momenti di crisi è molto utile rivolgersi ad un professionista per capire da dove nasca questo blocco, da un sovraccarico o da un'altra domanda?
La invito a riflettere su quanto tempo per lei si concede.
Nel frattempo le faccio i complimenti per i 3 esami che ha superato in Ingegneria!
Un caro saluto.
Dott. Sacha Horvat

Dott. Sacha Horvat Psicologo a Milano

47 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 FEB 2021

Buonasera, la situazione che descrive è molto comune tra gli studenti. Prima o poi, arriva la crisi. Chi la vive durante il primo anno, chi a metà, chi in fondo al percorso. Carissimo, si chieda cosa si sta costringendo a fare senza nessun desiderio. E cosa significa la paura di terminare. Se continua a sforzarsi di farsi piacere qualcosa aumenterà solamente il disgusto e cadrà in depressione. Se in questo momento ha bisogno di tempo, di posticipare, di riprendersi momenti di piacere sepolti nel passato, se li conceda. E non si paragoni a nessuno. Siamo tutti diversi, ciascuno con i propri tempi. Un modo proficuo per non 'sprecare' questo periodo di malessere è intraprendere qualche colloquio con uno psicologo che si occupi di orientamento e decisioni, anche online. Buona serata! Alessandra

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

326 Risposte

129 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 FEB 2021

Buongiorno sig Barbieri,
innanzitutto complimenti per i 3 esami superati e anche per averci scritto. Se posso permettermi di scherzare un po', si dice che fra psicologi e ingegneri ci sia incompatibilità e, invece, lei ha infranto questa regola: ora possiamo parlare!
Veniamo alle cose serie. Quando il senso di responsabilità ( che sembra essere quello che la affligge) diventa eccessivo e produce pensieri di colpa e di inadeguatezza, occorre fermare il circolo vizioso altrimenti appesantirà tutte le future attività impedendo di raggiungere gli obiettivi.
La cura sta nel fare alcuni colloqui con uno psicoterapeuta e cercare di inquadrare questi pensieri e afflizioni in modo da individuare il modo per 'scioglierli' e farli diventare pensieri costruttivi.
cordialmente
Giuliana Gibellini

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Carpi

372 Risposte

260 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 FEB 2021

Caro Luca,
mi sembra di capire che lei sia arrivato all'ultimo anno quindi escluderei la mancanza di capacità. Resta invece un vissuto di fallimento dietro l'angolo ed una forte ansia che non le permettono di “staccare” rischiando di minare la sua capacità di concentrazione, la performance e soprattutto la l'autostima.
Sarebbe interessante esplorare i significati e i vissuti legati al superamento o meno degli esami e alla conclusione del percorso universitario.
Da dove arriva l'idea che non passare un esame implichi essere un fallimento? Come mai pensa questo? Qual è la sua ipotesi rispetto al fatto che certe difficoltà emergano proprio in questo periodo della sua vita e proprio alla fine del percorso di studi? Che anticipazioni ha rispetto alla conclusione dell'università?
Queste ed altre sono le riflessioni che si potrebbero fare tentando di ampliare lo sguardo su di sé nella direzione di maggiore consapevolezza di ciò che sta vivendo.
Sinceri auguri
Dott.ssa Laura Gagliardo

Dott.ssa Laura Gagliardo Psicologo a Bologna

7 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 FEB 2021

Buonasera Luca, dal Suo messaggio sembra emergere una Sua tendenza a concentrarsi più sui Suoi limiti (reali o presunti) che sulle Sue risorse e a vivere in termini di fallimento pressochè totalizzante traguardi non raggiunti o comunque posticipati. Alla luce di ciò Le suggerisco di avvalersi dell'aiuto di un professionista in modo da lavorare sui fattori alla base di questa situazione ed elaborare strategie di coping adeguate.
Resto a Sua disposizione qualora lo volesse
Dottoressa Daniela Raffa
(Psicologa- Psicoterapeuta-
disponibile per terapie online)

Dottoressa Daniela Raffa Psicologo a San Giovanni la Punta

161 Risposte

67 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29700

domande

Risposte 100950

Risposte