Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Mi sento e sono socialmente inadeguato?

Inviata da Blaise93 · 30 mag 2019

Mi sono sempre sentito socialmente inadeguato. Questo lo avverto fin da quando ero bambino. Per questo motivo non ho mai avuto amici, in parte perchè sono sempre stato emarginato ed escluso e in parte perchè io, dopo tanti rifiuti e delusioni, parto prevenuto nei confronti degli altri. Credo che la causa di questo disagio sia riconducibile a tutti gli anni di bullismo subito a scuola e ad un'intera esistenza fatta di solitudine e mancanza di amici. Venivo emarginato per la mia personalità, il mio carattere, il mio aspetto fisico ma soprattutto per il mio orientamento sessuale. In poche parole ero sbagliato semplicemente perchè esistevo. Quando sto con gli altri, quelle poche volte che succede, mi sento la persona meno attraente ed interessante sulla faccia della Terra, penso sempre di essere percepito come brutto, sfigato e ripugnante come succedeva in passato. Mi vergogno di come sono e percepisco gli altri sempre più belli, interessanti, amabili, piacevoli di me e purtroppo loro lo sono veramente. Un senso di inferiorità che mi porto dietro da quando sono nato e mi fa stare parecchio male. Per gli altri avere amici è una cosa normalissima, parte integrante della loro esistenza, li hanno da sempre, mentre per me non è mai stato così. Infanzia orribile, adolescenza segregato in casa senza fare esperienze. Sempre e solo rifiuti. Perchè sono un aborto della natura? Perchè sono così difettoso nel profondo? Sono destinato a stare solo a vita mentre gli altri non sanno la solitudine nemmeno cosa sia. Che amarezza!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 GIU 2019

Gentile Blaise,
l'ansia e incompetenza sociale, come pure la bassa autostima e la depressione del tono dell'umore, sono problemi che si possono risolvere o perlomeno ridurre considerevolmente tramite un adeguato percorso di psicoterapia preferibilmente cognitivo-comportamentale che le consiglio di intraprendere.
Fin quando lei si chiude e si limita a compiangersi, è difficile, come già ha potuto verificare, che le cose cambino spontaneamente.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6845 Risposte

19105 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21900

domande

Risposte 82550

Risposte