Mi sento attaccata da tutti e non voluta

Inviata da Serenity. 15 mag 2018 2 Risposte  · Relazioni sociali

buon giorno,
ho 33 anni e inizio parlando del mio lavoro.
Lavoro a tempo indeterminato da 1 anno (+2 anni a tempo determinato) in un ufficio di trasporti e benché fosse la mia prima esperienza in quell'ambito penso di aver iniziato bene. Il lavoro in sé mi piace, ma ultimamente non riesco più ad essere efficiente come un tempo. Ho cambiato spesso mansioni (pure restando sempre in quel reparto) perché ritenuta non idonea (al primo errore un po' più serio - lo ammetto - subito marchiata a fuoco con la I di incompetente anziché la A di adultera come nel famoso romanzo "la lettera scarlatta"). Per carità quello che sto facendo ora mi piace di più, ma il problema è che ogni pretesto è buono per attaccare il mio operato. Qualsiasi cosa che io dica o faccia sembra una stupidaggine, pur non essendo oggettivamente un errore. Mai una volta che mi abbiano portata in giro dai clienti, mai una gratificazione...addirittura la responsabile mi ha aggredita stamattina perchè non ho risposto al telefono quando mi ha chiamata (ero appena andata alla macchina del caffé con tutti gli altri colleghi e non l'avevo sentito).. lei stessa è arrivata in ufficio dopo 5 minuti dalla telefonata.. poteva dirmelo direttamente in ufficio quello che dovevo fare?No...perché ieri sera mi ha detto che devo essere più concentrata, che così non va bene, che devo fare più "collegamenti" tra le cose... parzialmente è vero...con il mio fidanzato è un anno che stiamo cercando casa in affitto e per un motivo o per l'altro non la troviamo..per colpa di lui ovviamente che non si è mai reso conto delle mie esigenze.. che promette ma poi niente..quando poi si tratta di uscire con compagni di squadra, madre ecc allora sì..mai un intoppo...quando pensiamo di fare qualcosa di diverso insieme, c'è sempre l'imprevisto dietro l'angolo...arrivata a 33 anni con una madre vedova da quando avevo 13 anni, cresciuta in una casa piccola senza una camera mia, senza la possibilità di fare qualcosa senza che lei mugugnasse o che mi impedisse di farlo (se qualcosa non le andava per qualsivoglia motivo).. onestamente ho voglia di costruirmi una mia vita,,le basi sono fragili, ma spero di poterle rinforzare...a 33 anni mi vedo vecchia e inutile...penso che andando di sto passo non diventerò mai madre (già che ho il ciclo mestruale irregolare - geneticamente, anche mia mamma lo aveva) ..la maternità mi spaventa ma al tempo stesso vedo il tempo accorciarsi... e penso di perdere troppo tempo..
Tutto ciò mi ha creato uno stato di angoscia, ho paura ad andare a lavoro, ho paura che se mi assento per permessi/malattia, ecc che poi trovino dei presunti casini fatti da me,, prima non ero così, ora ho paura persino di respirare...tutti lì possono permettersi tutto, tranne me.. c'è chi deve uscire prima perché ha allenamenti, c'è chi si assenta per svariati motivi e lo dice all'ultimo...a loro non viene quasi mai detto nulla...si sanno far rispettare..mentre io appena ci provo vengo subito rischiacciata giù come una mosca fastidiosa da far tacere...eppure io sono sempre stata super flessibile...ho imparato una nuova lingua, indispensabile per lavorare lì (io avevo già studiato lingue quindi ero avvantaggiata, però...) e l'ho fatto per mio volere e a pagamento (mentre gli altri nuovi no!), quando ero in stage ho sempre fatto oltre il mio orario senza chiedere niente..quando manca qualcuno tappo sempre i buchi...e questo è il ringraziamento! Se non fosse che mi serve quel lavoro, avrei già mollato... man on posso... ma non posso nemmeno andare avanti così... vi prego aiutatemi!

Miglior risposta

Cara Serenity,
da quanto scrive appare evidente che ci possano essere diverse dinamiche della sua vita che in questo momento potrebbero andare ad interferire e rendere problematica quella che è la sua serenità in ambito lavorativo. La sua storia merita di poter trovare il giusto spazio di espressione e per questo motivo le consiglierei di rivolgersi ad uno Psicoterapeuta della sua zona in modo da poter iniziare un importante lavoro sulla sua persona che le permetta di sviluppare delle nuove risorse utili ad affrontare questi eventi, sviluppare ad esempio un sano senso di autostima che le consenta di fronteggiare al meglio i fattori stressanti in ambito lavorativo. Non abbia timore di cercare un sostegno in questo momento, merita di poter stare bene e di potersi prendere cura di se stessa.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Cara Serenity, da come si racconta sembra stia passando un periodo di stress che si estende in qualche modo a diversi ambiti della sua vita. Insoddisfazione sul lavoro, sensazione di venire in secondo piano nella sua relazione, senso di soffocamento in casa sua...e sembra che il suo non essere serena in qualche modo incida negativamente proprio su un aspetto così vitale per lei come quello del lavoro. Senza dubbio si approccia alla sua realtà vedendo il bicchiere mezzo vuoto, e mi chiedo dove abbia imparato ad usare questa strategia....strategia che invece di aiutarci ci abbatte ancora di più, purtroppo. Ci sono anche aspetti legati alla scarsa autostima, che la portano ad essere poco assertiva sul lavoro e a non farsi valere. Come se non avesse la totale certezza che lei vale, come se le fosse magari mancato un sostegno in questi anni.....penso alla perdita di suo padre in così giovane età, alla difficoltà di relazione con la mamma e a tutta una serie di componenti interne e relazionali che sembrano non farle sentire che lei vale ed è importante. La buona notizia è che può iniziare a prendersi cura di se stessa e delle sue difficoltà con un percorso psicologico, che vada a sostenerla e a permetterle di elaborare mancanze e delusioni dandole gli strumenti per gestire la sua vita a testa alta. Auguri di cuore, dott.ssa Daniela Cannistrà.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

16 MAG 2018

Logo Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta

580 Risposte

187 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Ragazzo troppo attaccato alla famiglia?

1 Risposta, Ultima risposta il 28 Giugno 2016

Mi sento senza obiettivi nella vita. Mi sento persa.

1 Risposta, Ultima risposta il 11 Maggio 2018

Mi sento abbandonato come un cane

5 Risposte, Ultima risposta il 23 Ottobre 2012

Mi ha lasciata e mi sento in colpa io..

1 Risposta, Ultima risposta il 13 Marzo 2018

Mi sento perso

3 Risposte, Ultima risposta il 09 Aprile 2018

sento i miei genitori fare sesso

1 Risposta, Ultima risposta il 27 Giugno 2017

Mi sento persa..come ritrovare la voglia di vivere?

2 Risposte, Ultima risposta il 04 Luglio 2017

Perchè sento mio figlio di due anni distaccato?

7 Risposte, Ultima risposta il 21 Agosto 2013