Mi piacerebbe parlarne con un neuropsicologo

Inviata da Claudio. 2 mar 2017 1 Risposta  · Psicologia risorse umane e lavoro

Buonasera Dottore,

mi chiamo Claudio e sono un ragazzo di 26 anni che per motivi di memoria (noto che studiando e nella vita quotidiana dimentico tanto, troppo. le faccio un esempio breve per non andare troppo oltre con lo scritto: dimentico città visitate in vacanza e addirittura intere parti anche solo dopo qualche mese, letture fatte o film, cultura generale), ho quindi fatto un test neuropsicologico (con specialista iscritto all'albo) sui vari domini cognitivi memoria (MBT,MLT e di lavoro ecc...) i quali in effetti han denotato alcuni cali prestazionali e altri punti alti (es: 89°centile nelle matrici APM).
Secondo il neuropsicologo potrebbe trattarsi di alcuni punti di forza e punti di debolezza miei propri, ma non di problematiche.
Il mio medico di base, portandogli questi test, mi ha prescritto comunque una visita neurologica e il neurologo a sua volta mi ha prescritto una RM, per indagare possibili danni neurologici.

Quel che ora mi chiedo è come mai ci sia una così distinta ipotesi di diagnosi?
Perché secondo il neuropsicologo si tratta di una caratteristica, mentre il neurologo ha preferito farmi fare una RM sospettando danni neurologici pur interpretando gli stessi test?

Spero possiate darmi qualche ideea e mi piacerebbe poterne parlare con uno specialista informato su qusto campo.Grazie mille a tutti.

PS: ovviamente la RM la farò in quanto prescritta, sono qui perché vorrei solo per parlarne a livello neuropsicologico con qualcuno.

lavoro

Miglior risposta

Salve Claudio, le prestazioni ai test di memoria possono essere dovute ad una sua caratteristica cognitiva, possono essere influenzate da aspetti psicologici oppure possono dipendere da un danno organico, ma per una diagnosi occorre fare esami clinici e una accurata anamnesi. È importante capire anche da quanto tempo si è accorto di questi problemi di memoria, quanto influiscono nella sua vita quotidiana e se le creano un disagio significativo. Gli esami che le ha prescritto il medico sono utili per la diagnosi, quindi se c'è un sospetto di danno neurologico vanno certamente eseguiti.
Le suggerisco di parlarne anche con il suo neuropsicologo.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Memoria neuropsicologia: test

2 Risposte, Ultima risposta il 18 Maggio 2017

Neuropsicologia, informazione su test mnestici

2 Risposte, Ultima risposta il 04 Maggio 2017

Come posso accettare il mio aspetto fisico?

5 Risposte, Ultima risposta il 12 Settembre 2017

Problema con il mio ragazzo

4 Risposte, Ultima risposta il 28 Marzo 2016

Grandissimo desiderio di avere un figlio. Ma lui...?

4 Risposte, Ultima risposta il 08 Aprile 2017

Amaxofobia, la mia unica incomprensibile paura

1 Risposta, Ultima risposta il 01 Ottobre 2018

Ansia e orientamento sessuale, problema di coppia

1 Risposta, Ultima risposta il 27 Giugno 2018

Ansia orientamento sessuale, problemi di coppia

2 Risposte, Ultima risposta il 25 Giugno 2018