Mi madre tradisce mio padre e mio padre tradisce mia madre, che faccio?

Inviata da Helena · 21 ott 2013 Terapia familiare

Era da un po' di tempo che avevo dubbi sul comportamento di mia madre e oggi ho avuto la conferma di ciò che pensavo e cioè che lei tradisce mio padre, ho letto i suoi messaggi con l'amante.. purtroppo so che qualche anno fa anche mio padre tradi' lei, loro non si immaginano minimamente che io sappia tutto questo!! Ho bisogno di un vostro consiglio, ho 19 anni ma soni abbastanza matura e con un carattere forte ma mi dispiace molto per mio fratello che ha solamente 13 anni ed è molto fragile!! Purtroppo la famiglia non si può scegliere.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 OTT 2013

Gentile Helena,
immagino che per lei scoprire che non esiste un rapporto perfetto e privo di "errori e scivolate" da parte dei suoi genitori sia fonte di enorme sofferenza e che questo in tal senso le comunichi sfiducia nei rapporti di coppia e nell'amore in generale.
Lei a 19 anni è già abbastanza grande per comprendere certe dinamiche, ma ancora molto giovane per non restarvi ancorata e fissata in modo negativo.
Lei si preoccupa di suo fratello, quasi, ipotizzo, ne assumesse il ruolo genitoriale, come si pone all'interno della coppai genitoriale, come "l'investigatore" e l'anello di congiunzione morale tra i due genitori.
Le dinamiche di coppia dei suoi genitori sono private e in quanto tali rispettate, anche evitando di controllare i loro telefoni, per sbaglio o volutamente.
Qualora loro avranno voglia di affrontare il disagio di coppia che li ha portati a ricercare altrove una consolazione, saranno loro a fare il primo passo.
In caso contrario, questa azione, per quanto la faccia soffrire e la esponga così presto ad una disillusione rispetto all'amore, potrebbe restare un evento isolato che fa parte del mantenimento dell'equilibrio nella coppia dei suoi genitori.
Si dedichi a lei stessa, ai suoi sogni e alle sue prospettive, alle sue progettualità, consapevole che nell'impegno e nella chiarezza possono esistere rapporti privi di tradimento, ma che questo, per quanto orrendo, non riduce a nulla il rapporto tra due persone, costruito negli anni, ma ne evidenzia l'esigenza di intervenire.
Questo non è un suo compito, nemmeno quello di proteggere suo fratello, perchè anche se i suoi genitori decidessero di alsciarsi, non sarebbero più una coppia, ma continuerebbero ad essere i vistri genitori e questo non ne comprometterebbe le capacità.
Se lei ha paura che si lascino, sappia che non è solo quello il motivo per cui accade e che nessuna coppia è "perfetta".
Una buona coppia è quella in cui vi è un dialogo e una progettualità comune, ma se ciò manca non deve essere lei a sopperire facendo da "messaggero", "tramite" o "collante".
Spero di esserle stata minimamente utile.

Un Caro Saluto
In bocca al lupo per la sua vita con un augurio di uno splendido futuro!

D.ssa Silvia Michelini Psicologo a Roma

162 Risposte

139 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 OTT 2013

Cara Helena,
tutto ciò che riguarda la vita privata dei genitori dovrebbe rimanere loro. Il fatto che un figlio "sappia" purtroppo non vuol dire che è a conoscenza dei reali perché: spesso le incomprensioni nella coppia non sono "troppo chiare" neanche per chi le vive.
E' comprensibile che per un figlio sia doloroso prendere atto dei tradimenti genitoriali, anche perché i sentimenti negativi potrebbero dar adito a fantasie di rottura genitoriale, ma anche familiare e questo può essere fonte di dolore e spavento anche le persone più forti.
I suoi genitori devono affrontare la loro relazione alla pari e al di là del loro ruolo di padre e di madre. I ruoli genitoriali non verranno messi in discussione da eventuali separazioni o tradimenti.
Le consiglio di ascoltare i propri sentimenti e le proprie emozioni e di esplicitare una domanda più chiara rispetto a sé stessa e non in relazione ai propri genitori o a suo fratello. Tutto ciò ovviamente non perché non abbia il diritto di preoccuparsi, ma perché lei non può esercitare un ruolo di genitore nei confronti di nessuno di questi soggetti. Ciò contribuirebbe ad aumentare la sensazione di timore, rabbia e di sfiducia che probabilmente è già un pò presente tra le mura di casa.
Un cordiale saluto,
Dott.ssa Stefania Granai

Dott.ssa Stefania Granai Psicologo a Poggibonsi

5 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 OTT 2013

Gentile Helena, la situazione che vivi è dolorosa e difficile. Tuo malgrado sei stata coinvolta in questioni che non ti riguardano e, per te, la cosa migliore sarebbe proprio il fatto che non ti riguardassero. I problemi tra i tuoi genitori dovrebbero rimanere tra loro. Auguri

Alessandro Degasperi Psicologo a Trento

91 Risposte

56 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 OTT 2013

Gentile Helena dalla sua lettera non mi è chiaro quale sia la sua domanda. Le chiedo quindi: per lei è più importante dire ai suoi genitori che è a conoscenza dei tradimenti reciproci, o fare in modo che i suoi genitori confessino l'uno all'altro il tradimento?
In genere tenere i segreti soprattutto su fatti così delicati porta al crearsi di incomprensioni.
Cordialmente.

Dott.ssa Giovanna Stecca

Dott.ssa Giovanna Stecca, Psicologa Psicologo a San Donà di Piave

14 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 OTT 2013

Ciao le sue informazioni sono troppo esigue per dare una risposta soprattutto non viene specificata la sua eta' e capire se e' in grado da sola di gestire questo suo disagio

Es Psicologia Psicologo a Teramo

11 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 OTT 2013

Cara Helena,
per una figlia venire a scoprire dinamiche della coppia genitoriale tanto delicate che coinvolgono il tradimento della fiducia reciproca spesso comporta una perdita parallela di fiducia nei genitori stessi e pone i figli nella difficile situazione di testimoni involontari di segreti pesanti. Se da una parte si percepisce dalle sue parole una certa preoccupazione e responsabilità per suo fratello, sicuramente dall'altra questo influisce anche su di lei e sul suo modo di vedere i suoi genitori. A livello concreto, non spetta a lei far emergere l'argomento ed è meglio che non si assuma anche questo carico emotivo, ma rimanga in contatto con i suoi sentimenti e le sue emozioni, in modo da chiedere un momento di aiuto e sostegno ad uno psicologo nel caso in cui la situazione diventi per lei troppo gravosa. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

471 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 OTT 2013

Gentile Helena,
penso sia un problema, con tutta la responsabilità che questo comporta, dei suoi genitori. Per lei può essere una sofferenza ma la protezione del fratello penso non sia compito suo
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine (friuli venezia giulia)

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 OTT 2013

Cara Helena,
il comportamento genitoriale i ragazzi e le ragazze alla sua età non possono e non devono gudicare, nemeno soffrire. probabilmente ogniuno di loro ha la sua ragione per fare una cosa simile. Farse sarà meglio che suo fratello in questa età non deve neanche sapere per le cose che sucedono tra i vostri genitori, almeno che non si concludono drasticamente. Mi dispiace veramente che lei abbia avuto questa brutta esperienza di testimoniare a un matrimonio come dire ...falito. sapia però, che che le esperienze del genere fanno rinforzare anche noi stessi come persone.
Buona fortuna

Dott.ssa Stoyanka Georgieva Psicologo a Omegna

225 Risposte

140 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 OTT 2013

Cara Helena,
credo sia possibile immaginare il tuo stato di apprensione, ma purtroppo non possiamo rispondere alla tua domanda. Quello che "devi fare" non possiamo saperlo, è una scelta che appartiene soltanto a te.
Che cosa hai pensato di fare?

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

759 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte