Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Mi lascia d'improvviso, senza una motivazione sufficiente

Inviata da Adele82 il 5 ott 2019 Terapia di coppia

Buongiorno, sono Adele e ho 37 anni.
Vi scrivo perchè non riesco a darmi pace per il fatto che il mio fidanzato si sia allontanato da me.

Premetto che eravamo insieme da quasi tre anni e che, quando ci siamo conosciuti, io stavo con un'altra persona.
Sono stata oggetto di un corteggiamento assiduo da parte sua, durato circa un anno; non si è mai arreso di fronte ad ogni mio rifiuto ed alla fine sono capitolata e ci siamo messi insieme.

Le cose all'inizio andavano benissimo, io ci andavo un po' con i "piedi di piombo" perchè tutto questo suo entusiasmo, pur rendendomi immensamente felice, mi straniva e mi disorientava. Era come se sentissi che era tutto troppo bella per essere vero.
Dopo poco tempo che ci conoscevamo diceva che ero la donna della sua vita, parlava di case da prendere insieme, voleva presentarmi ai suoi, fare un figlio con me. Aggiungo inoltre che lui ha 10 anni piu' di me, non è quindi un ragazzino, e mi ha infatti spesso ripetuto che, alla sua età, sapeva ormai cio' che voleva, ed ero io, piu' di tutto.

Ho da fare una precisazione: lui da ragazzino aveva una passione che ha coltivato per alcuni anni a livello professionistico ma che, ad una certa età e non avendo "sfondato" , ha abbandonato e si è rassegnato ad un lavoro d'ufficio e ad un altro tipo di vita. Ciononostante, è sempre rimasto in quel mondo, facendolo diventare non piu’ la sua prima occupazione ma un hobby.

A seguito di un litigio (devo dire abbastanza banale), per una settimana in primavera non ci siamo visti e, ho scoperto poi che in quella settimana lui ha frequentato un corso che, una volta superato, gli avrebbe potuto permettere di fare finalmente del suo hobby la sua principale attività. Inizialmente la cosa non mi ha particolarmente preoccupato, benchè non mi avesse parlato prima delle sue intenzioni, e anzi credo a questo punto che tendesse accuratamente di nascondermele. Il punto è che, da quando ha superato quest’esame, è diventato piu' assente e si è piano piano raffreddato nei miei confronti, come se il suo interesse fosse spostato su altro.

Io continuavo a farglielo notare, lui continuava a negare, secondo lui nulla era cambiato ed erano solo mie paturnie.
Ad agosto vado in vacanza con una mia amica, e li scoppia la bomba: mi scrive che a settembre inizierà un nuovo lavoro e che ci sono ottime probabilità che, nel giro di un anno, si trasferisca all’estero, per seguire questa sua passione.

Mi scrive che ci ha riflettuto, e che questo è il percorso lavorativo che vuole intraprendere e che non è conciliabile con me, perchè lo porterebbe ad essere sempre assente (durante i week end e spesso anche in settimana) e lo costringerebbe a cambiare nazione e trasferirsi ogni 2/3 anni (cosa sicuramente non facile da gestire per il mio lavoro).

Cosi, senza chiedermi cosa ne pensassi, ha deciso di chiudere con me e sparire. Gli ho scritto che sarei andata con lui, che per me era la cosa piu' importante e che, se lo volevamo, potevamo certamente trovare un compromesso.
La risposta è stata che non vedeva margini di compromesso e che non voleva rovinarmi la vita, facendomi trasferire e rinunciare alle mie cose per stare dietro a lui. Lui che, tra l'altro, sarebbe stato sempre assente.

Da li', non si fa piu' sentire per circa 2 settimane. Gli scrivo ogni giorno e cerco di chiamarlo, lui legge ma non risponde mai, finchè, distrutta, mi presento sotto il suo ufficio, cercando la "reale" spiegazione.
Parliamo e gli ribadisico tutto quello già detto via messaggio, la mia diponibilità a seguirlo ecc. Ci lasciamo con lui che mi dice che deve riflettere e, dopo 10 gg di silenzio "impostomi", ci vediamo e mi dice che è disposto a provarci.

Passano altri 2 mesi apparentemente tranquilli, lui sempre un po’ assente e con la testa altrove, totalmente diverso dall’uomo quasi assillante che avevo conosciuto un anno prima, finchè 10 gg fa, senza nessun reale motivo se non una banale discussione, sparisce di nuovo.
Accetta di vedermi dopo mie minacce di ripresentarmi nuovamente al suo ufficio e la motivazione che mi dà è apparentemente la stessa: lui ha scelto la sua strada e io non sono il tipo di donna che vivrebbe bene una situazione di assenza come quella (cosa, peraltro, non vera dato che lavoro 12 ore al giorno e sono una persona molto indipendente).
Dice che sono ancora "giovane", che posso avere ancora figli e che non vuole che perda tempo dietro a lui, dice che "mi sta salvando da se stesso".

Io avevo, ed ho, il timore che dietro questa apparente motivazione ci sia altro, tipo che abbia incontrato un'altra donna, anche se lui nega. Non mi spiego come un amore che sembrava cosi forte possa svanire in pochi mesi, senza un'apparente motivazione. Se almeno gli avessi fatto qualcosa, se almeno lo avessi posto di fronte ad un out out (o me o la sua passione), almeno avrei qualcosa da rimproverarmi. Questa del suo nuovo lavoro, dal momento che io gli ho detto che lo avrei seguito e mi sono mostrata conciliante, per me non è piu' una motivazione sufficiente.

Gli ho chiesto almeno di provarci, di darci una chance, di vedere come vanno le cose. Non è nemmeno certo che debba realmente partire, se ne parlerà tra mesi, eppure ha già deciso di mettere le mani avanti e chiudere tutto. Improvvisamente io e lui siamo troppo diversi, e mi ha anche detto che forse non mi ama quanto voglio io, e che con un'altra donna, un domani, sarebbe diverso, perchè lo conoscerebbe già con questa situazione lavorativa, mentre io l'ho conosciuto in tutto un altro contesto, con i week end liberi e una marea di tempo da dedicarmi, tempo che ora non ha piu' per via di questo nuovo lavoro.

Io non riesco a darmi pace, perchè, di fatto, il problema non lo vedo. So che potrei seguirlo e so che per me lui è la cosa piu' importante: ci sarebbero dei sacrifici da fare, certo, ma se guardo a quello che provo e a quanto siamo stati felici insieme, so che ne varrebbe la pena. Lui invece sembra essersi dimenticato di tutto, come se prima ci fossi solo io e ora ci sia solo questa sua rinata passione, e le due cose non siano conciliabili, benchè tocchino di fatto sfere diverse (amore e lavoro). Ho tanto paura che sia tutta una enorme scusa per giustificare questo disinamoramento improvviso, dopo che mi ha fatto mille promesse, dopo che mi ha fatto buttare all’aria la mia storia precedente.

Gli scrivo messaggi che lui continua a leggere (pur avendomi cancellata da facebook), ma ai quali non risponde mai.
Ho paura che, se smettessi di scrivergli, lui andrebbe avanti con la susa vita, focalizzandosi solo su questa nuova passione, auto convincendosi di avere fatto la scelta giusta e dimenticandosi di me.
Io invece davvero non riesco a voltare pagina, torno a casa la sera e piango, rileggo i messaggi che mi mandava sei mesi fa e le frasi importanti che mi diceva e non mi capacito di come tutto possa essere cambiato, di come possa essere diventata l'ultima delle sue priorità, dalla prima che ero.
Mi sembra di vivere un incubo.

Vi ringrazio anticipatamente per qualunque consiglio voi possiate darmi.
Adele

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Adele,

ritengo che continuare ad inseguirlo per chiedergli ulteriori motivazioni non serva a nulla se non a farlo allontanare ancora di più, già non risponde ai suoi messaggi e l’ha bloccata su Facebook.
Per quanto faccia soffrire e sia difficile da accettare, non possiamo costringere qualcuno a voler stare con noi e a provare dei sentimenti nei nostri confronti.
Stabilire se la motivazione che le ha dato sia sufficiente o meno, a questo punto non è poi così importante, perché ciò che resta è il fatto che lui abbia scelto di chiudere la vostra relazione ed è proprio da questo che lei deve ripartire, dall’accettazione e dal superamento di quanto è accaduto, ripartendo da se stessa.
Se non ce la fa da sola, le consiglio di rivolgersi ad un professionista della sua zona per aiutarla in questo lungo e delicato percorso di elaborazione.
Un caro saluto


Dott.ssa Cristina Barbara Poli
Psicologa Psicoterapeuta

Vicenza

Dott.ssa Cristina Barbara Poli Psicologo a Vicenza

5 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Adele,
sono sostanzialmente d'accordo con quanto detto dalla Collega dott.ssa Poli ma anche dagli altri Colleghi.
Nelle relazioni di coppia è fondamentale la "reciprocità" che qui non c'è più e forse non c'è main stata o comunque è andata perduta.
Il consiglio è di elaborare questo "lutto" e migliorare la sua autostima attraverso un percorso di psicoterapia preferibilmente cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6682 Risposte

18720 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buon giorno Sig.ra Adele,
non posso che essere d'accordo con i miei colleghi e soprattutto sono fermamente convinta che il raccontarsi
debba essere fatto in un luogo protetto.
La esorto a contattare un collega nella sua zona di residenza.
Cordialmente
Dr. Berto

Dr.ssa Maria Luisa Berto Psicologo a Ponteranica

2 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Adele.
Questo è un momento di emozioni varie, dove la coppia fa un "lavoro" insieme: è come se doveste rivedere scena per scena un film che riteneva essere una commedia, ma che invece la scena finale ha messo il "dubbio" di un film che forse è di un altro genere, magari un "drammatico". Le emozioni sono tra le più diverse e fanno straziare le persone. È utile in questi casi trovare un terapeuta che le possa stare vicino e nel contempo capire insieme a lei lo stile affettivo di Adele, che qualsiasi evoluzione avrà questo momento, sarà fondamentale per vivere una storia d'amore, se è ciò che vorrà, con ancora maggiore pienezza nella consapevolezza.
Coraggio, capisco sia veramente molto struggente questo momento.
Dr. Zaffarano

Dr. Paolo Zaffarano Psicologo a Sanremo

3 Risposte

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Adele cara, le risposte che chiedi a noi può averle solo da lui!
Quello che mi sento di poter fare, è invitarla a chiedere a te stessa se ci sono cose, segnali, comportamenti, atteggiamenti pregressi che le "parlavano" già da tempo di cambiamenti, di passione raffreddata, di allontanamento...
A volte, spesso invero, non vediamo quanto abbiamo sotto gli occhi, perchè non siamo pronti a vederlo, ad accettare quello che ci viene "detto"! Faccia questo atto di coraggio e riesamini attentamente tutto il trascorso.
Difficilmente viraggi tanto bruschi, come quello che ci descrive, avvengono senza avvisaglie.
Non insista in qualcosa che sarebbe un elemosinare presenza e/o sentimenti che non ci sono o non ci vogliono più essere.
Riesaminato il passato recente, sono sicura che vedrà con occhi diverse tante cose e potrà darsi da sè una risposta.
Per il resto lui è stato chiaro: non vuole più stare con lei, il perchè è relativo.
Se ne faccia una ragione, per quanto difficile, e ricominci da sè.
Dott.ssa Laura Termini

Dott.ssa Laura Termini Psicologo a Palermo

3 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Adele, lei ha molto da raccontare e probabilmente molto da elaborare. Le consiglio di non accontentarsi di farlo in questo contesto in quanto l'elaborazione di un distacco , di un lutto personale, richiede comunque sia tempo che un lavoro svolto in un clima più protetto e intimo. Cerchi uno psicoterapeuta che la possa supportare e aiutare ad affrontare il suo dolore.

Rimango a disposizione.

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

223 Risposte

72 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Bongiorno Adele,
Lei ha detto una frase all'inizio del racconto "mi sembrava tutto irreale e troppo perfetto". Mi viene il sospetto che nel momento in cui il suo compagno ha avuto la possibilità di coltivare il suo "hobby" è come se fosse tornato un adolescente con le stesse modalità cognitive tipiche dell'adolescenza (tutto-nulla). Questa modalità è stata evidenziata anche all'inizio della relazione, con la frase che ho riportato prima. Sinceramente le consiglio di non rincorrerlo più. Contatti un collega della sua zona che l'aiuto a superare questo momento di lutto ma che per lei sarà un momento evolutivo.
Mi contatti al bisogno.

Dott.ssa AMR Masin, Psicologa Psicoterapeuta roma, Cerveteri, Ladispoli

Dott.ssa Masin Anna Maria Rita Psicologo a Cerveteri

74 Risposte

25 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Adele,
comprendo la sua sofferenza e il suo disorientamento, ma credo che non ci sia molto da aggiungere a quanto lei ha già intuito da sola: quest'uomo ha, probabilmente, davvero "spostato il suo interesse su altro" nel momento in cui ha potuto reinvestire nella sua "grande passione", facendone di nuovo la sua ragione di vita (probabilmente anche con una componente di "riscatto" visto il fallimento del passato).
Dal suo racconto emerge la figura di un uomo portato ad estremizzare i sentimenti ("tutto questo entusiasmo mi straniva") e altrettanto "estremo" nel cambiare idea e voltare pagina.
Il fatto che lui si ponga come colui che "vuole difenderla da lui stesso" maschera semplicemente la sua incapacità di gestire le relazioni in modo adulto.
Quanto alla sua paura che, smettendo di scrivergli, lui andrebbe avanti con la sua vita, purtroppo mi sembra che stia già accadendo (non risponde, l'ha cancellata da fb).
Se vuole fare qualcosa per se stessa, si cerchi una consulenza professionale, anche breve, per superare questa cocente delusione e proseguire con la sua vita. Se ha bisogno di altro può riscriverci.

Dott.ssa Roberta Altieri Psicologo a Milano

141 Risposte

76 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19850

domande

Risposte 79300

Risposte