Mesi di attacchi panico, ansia e confusione

Inviata da Pingu · 10 set 2020

Sono mesi che sono afflitta da attacchi di panico e soffro di ansia... L ansia credo sia iniziata nel maggio dello scorso anno e a maggio di qu'est anno sono iniziati gli attacchi di panico, frequenti, spesso anche più volte al giorno. Dimagrisco e aumento peso in continuazione, ho perso l interesse in tutto, non riesco ad essere concentrata nemmeno nella stesura di una pagina di diario, piango e urlo ormai come se respirassi, avevo tanti Hobbie ma non riesco a coltivare nemmeno più uno... Non ho amici, avevo una sola amica la quale si è allontanata perché diceva che ogni giorno la devastavo con i miei pensieri e la facevo stare male, come biasimarla.
Le parlavo dei miei problemi in famiglia e lei più volte desiderava poter fare di più ed era preoccupata, in contporanea si metteva anche la mia relazione, probablematiche rese impossibili a causa della pandemia, il mio fidanzato si trovava all estero e io bloccata in Italia, con lei mi sfogato anche dei litigi con lui e con lui aumentava l ansia, le preoccupazioni, e discussioni, per ogni cosa.
Lei mi ha chiesto di non sentirci per un po perché diceva che comunque non ascoltavo consigli e che non voleva soffrire con me.
sono andata dal mio fidanzato, per riprendere la convivenza e dinuovo la nostra vita. Quando sono arrivata lì si parlava di una seconda possibile chiusura e lui mi sprono a scendere perché avrebbe voluto trovare un modo per poterlo fare anche lui. Io con le lacrime, indecisa, perché nonostante tutto volevo stare con lui, mi era mancato troppo per lasciarlo anche solo una settimana da solo e terrorizzata di ritornare a casa mia gli chiesi di no e lui disse : vabbè allora fa niente, restiamo qui" siccome la madre non sta bene, pensai fosse ingiusto privare una persona dal momento in cui lui la prima volta non è riuscito a scendere. E me ne andai con la promessa che ci saremmo visti presto.
Dopo un paio di giorni dal mio ritorno giù inizio a dirmi ": te ne sei andata dinuovo, potevamo stare insieme" quando ogni giorno mi trasmetteva l ansia e mi sentivo un peso. E ci sono rimasta male perché pensavo di fare cose buone... Lui dice di no, che mento se dico che mi preoccupo per lui. Quando lunedì gli parlai della data di ritorno iniziò ad essere freddo ( non sopporta molto il fatto dell ordine e del chiedergli un po' di collaborazione in casa) e io gli dissi che non volevo vivere a vita distanti, perché questa cosa è andata avanti per 4 anni, tutto di un tratto iniziò a dire cose senza senso, iniziò a dire che l ho scocciato con i miei problemi, le mie ansie... Dove ogni volta che
cercavo un confronto, un parere, modi dicesti normali di due persone, era sempre solo pronto a puntare il dito e dire : c è l avete tutti con me, sono sempre io il cattivo, quando cercavo solo di capire o far capire o un dialogo....è sempre stato per la violenza, qualsiasi cosa ha sempre voluto risolverla con le mani, e sono sempre stata intimorito. M disse, poi, che lo contattò un ragazzo , che lui non conosce, io non conosco, e gli ha parlato improvvisamente di me e di cose di 3 anni, quando per 7 mesi mettemmo un punto alla relazione, perché discutevamo sempre, e non stavamo bene, e mi accusa ancora che io in quei mesi ho reagito, che sono uscita con le amiche, andavo in palestra, mi scattavo foto e mi ha detta che mi hanno osservata,ed hanno spifferato cose che non so se siano viritiere oppure no. con quanto interesse Nell andarlo a chiamare dopo anni... Vorrei denunciare prima di tutto ma non so chi sono e lui ha chiesto di non volermi sentiree e di voler mettere un punto... Dopo una convivenza, progetti... dopo che tante volte mi sono sentita male per disinteresse, per comportamenti... Che dovevamo mettere un punto, e lui lo sapeva per tutte le volte in cui abbiamo realizzato di essere diversi ed in conflitto,la mia amica mi ha allontanata anche perché si è sentita male per un anno, perché mi diceva di lasciarlo andare e io l ho ignorata
e si è scocciata di sentirsi inutilmente male e invece di punto in bianco ha chiuso tutto, per cose del passato ed... ho perso tutto e mi ritrovo in casa che non mi vogliono e mi hanno chiesto di andarmene, dove ogni giorno mi deridono o quando ho chiesto di aver bisogno di aiuto e sono scoppiata a piangere si sono messi a ridere... Non è una cosa importante
Non so da dove iniziare e cosa fare... Il mio compagno era tutto, ho perso lui ho perso... Nonlo so. So che dovrei reagire ma non ci riesco, non riesco ad uscire di casa, a leggere, mangiare, mettere la crema, nulla... Non so più nulla... sono afflitta costantemente da lacrime ed attacchi di panico che mi rendono instabile ovunque.
In cosa sbaglio...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 SET 2020

Pingu, non attendere altro tempo, rivolgiti ad un professionista che in questo momento possa aiutarti a chiarire i diversi aspetti della tua vita che ti fanno soffrire. Gli attacchi di panico sono proprio una risposta a tutta la situazione che stai vivendo, vedili come una spinta a prenderti cura di te. Ce la puoi fare. Un abbraccio

Dott.ssa Sara Nepi Psicologo a Prato

93 Risposte

94 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 SET 2020

Buongiorno. Perchè dovrebbe sbagliare in qualcosa? Sembra piuttosto che Lei sia bloccata in un futuro non più possibile (progettualità con il compagno) e abbia perso le fonti di co-percezione sulle quali manteneva il senso di sè. L'unica possibilità è allora il ripiegamento nel passato e il congelamento nel presente: è in stallo, immobile, e l'apatia e la mancanza di forze che ne derivano sono la spia di questa impossibilità di fare un passo in una direzione. Emergono chiari motivi per i quali Lei si sente così, e il primo passo può essere riconoscerli anziché colpevolizzarsi. Il secondo importante passo è chiedere aiuto, come Lei ha fatto scrivendo qui. Purtroppo questo non è sufficiente: non basterà un messaggio online a risolvere la Sua situazione, ma è necessaria una presa in carico in cui Lei abbia spazio e tempo da dedicarsi per prendersi cura di sè, a piccoli passi ma con un obiettivo chiaro, identificabile, e sostenibile. Contatti uno psicoterapeuta e concordi tutto questo: è la cosa più bella che possa fare adesso per sè stessa. Cordialità, in bocca al lupo. DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

1001 Risposte

1014 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 SET 2020

Ciao pingu, nella tua lunga richiesta leggo molto disagio e confusione che trasmetti in ogni parola.
Il tuo stato emotivo è più che giustificato stante le diverse problematiche che devi affrontare, mancanza di amici, abbandono del fidanzato, rifiuto in casa. Il tuo corpo ha deciso di fermarsi ed ecco il motivo per cui tu non riesci a far nulla. Hai troppo carico addosso. Ti consiglio un percorso di psicoterapia, anche online all'inizio in modo da farti riprendere piano piano la consapevolezza di te stessa e di tutte le risorse che sicuramente hai. Vedrai che con un buon sostegno riuscirai a ricominciare a vivere.
Dr. ssa Daniela Calabrese (anche online con WhatsApp)

Studio Psicologia Calabrese Psicologo a Roma

78 Risposte

105 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94450

Risposte