Maria e il cibo

Inviata da Maria · 10 giu 2020 Disturbi Alimentari

Buongiorno,
sono qui perché è da un po' di tempo che inizio a sentire un certo disagio con il cibo.

Quando mangio a casa, con la mia famiglia '' va tutto bene '' ma a volte mi capita di aver paura di affogarmi, soprattuto quando mangio cose che hanno la buccia, però per il resto riesco a mangiare quasi tutto.

Il dramma vero e proprio inizia quando sono fuori casa.

Quando sono fuori casa, appena inizio a mangiare mi assale l'ansia e non riesco a deglutire.

Non riesco a mangiare nemmeno la cosa più semplice, come ad esempio la pasta. Ieri sera sono uscita con il mio ragazzo, abbiamo preso due panini, ma appena ho iniziato a mangiare mi è presa l'ansia.

Quando mi viene l'ansia di conseguenza mi si chiude lo stomaco e mi passa la fame, più nello specifico quando mi succede non riesco ad ingoiare più nulla,ho il cibo in bocca, lo mastico mastico ma non riesco ad ingoiare.

Questo poi mi succede anche quando vado a mangiare a casa del mio ragazzo, appena mi siedo a tavola ed inizio a mangiare panico totale.

Inizio ad avere l'ansia, mi tremano le mani, sudo e divento rossa in viso.
Inizio ad avere paura di ingoiare e ho paura che loro mi possano giudicare, mi dispiace che per colpa mia devono buttare il cibo o che vada sprecato, ma nonostante io mi senta così non riesco a finire di mangiare quello che c'è nel piatto.

Questa cosa per me inizia ad essere pesante, un vero e proprio disagio, perché quando sono in compagnia non riesco a mangiare e non mangio nulla, o almeno inizio a mangiare ma poi non riesco a terminare quello che ho davanti.

Quando vado dal mio ragazzo mi sento davvero in colpa e mi dispiace lasciare tutto, ma è più forte di me, l'ansia mi assale.

A volte mi succede anche quando sono con i miei familiari, ma loro invece di darmi una mano e di cercare di capire il mio disagio, mi remano contro, come se io fossi pazza e come se quello che stessi facendo lo facessi per finta.

Quindi in sintesi, si mette l'ansia, la paura di essere giudicata, la paura di affogarmi, le persone intorno che non mi aiutano ed io mi sento sempre peggio.

C'è da dire che voglio dimagrire, ma sicuramente non in questo modo, non così perché non porta a nulla quindi sono sicura che questo non c'entri nulla con il problema che sto riscontrando.

È un disagio che man mano cresce, e giorno dopo giorno mi abbatte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Altre domande su Disturbi Alimentari

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17600

psicologi

domande 26400

domande

Risposte 91950

Risposte