Mancata erezione ed eiaculazione precoce

Inviata da Lollo · 5 nov 2020

Salve, sto da circa 20 anni con la stessa donna, per circa 17 anni sessualmente molta intesa e nessun problema, poi 3 anni fa è capitato un episodio di mancata erezione dapprima faticosamente superato per poi ripresentarsi sempre più spesso unito talvolta a eiaculazione precoce,il mio matrimonio è seriamente in crisi, quando ci si riavvicina è fantastico, ma poi arriva di nuovo ed è sempre peggio!siamo agli sgoccioli ed ora ansia,depressione e perdita di stimoli stanno prendendo il sopravvento e non so più che fare, anticipatamente grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 NOV 2020

Buongiorno Lollo,
Le cause dell’Eiaculazione precoce possono essere di tipo organico o di tipo psicologico, occorre quindi consultare inizialmente un andrologo o sessuologo al fine di escludere cause fisiche o comunque di tipo medico.
Le cause psicologiche ed emotive sono correlate prevalentemente a fenomeni di ansia da prestazione e o difficoltà a gestire ed esprimere le emozioni. Attraverso un trattamento personalizzato è possibile gestire i tempi con tecniche di Stop And Start, tecniche di rilassamento e di consapevolezza corporea. Se necessario viene coinvolta la partner o viene intrapreso un percorso di coppia, se la situazione di crisi permane,
Cordialmente
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2768 Risposte

2324 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2020

Gent.mo,
capisco la sua situazione di difficoltà, molto dolorosa, ma aspettarsi che nulla cambi durante la nostra vita è un pensiero fuorviante. Quindi, rientra nel ciclo di vita anche la difficoltà. Escluse tutte le cause organiche e prima di utilizzare presidi chimici occorrerà capire cosa lei e sua moglie state concretamente facendo per gestire la difficoltà e da queste informazioni lo psicologo la aiuterà a sbloccare le tentate soluzioni, disfunzionali, che anziché risolvere peggiorano il problema. Se vuole può fornirmi ulteriori informazioni contattandomi individualmente.
D.ssa A. Monticone

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

326 Risposte

130 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2020

Salve Lollo,
percepisco la sua preoccupazione ed agitazione.
Le consiglierei di procedere per step.
Per prima cosa bisognerebbe cercare di capire se la causa sia organica oppure di natura psicologica.
Le consigliere in un primo momento di rivolgersi ad un medico. Qualora si dovesse escludere una causa organica ecco allora che le consiglierei di rivolgersi ad un sessuologo/psicologo.
Occorrerebbe indagare le dinamiche di coppia, i suoi pensieri ed emozioni quando si relaziona con la sua donna.
Corpo e mente si influenzano reciprocamente. Se vi sono dei conflitti all'interno della coppia questi si potrebbero manifestare anche nel rapporto sessuale.
Le consiglierei nel frattempo che aspetta di fare degli accertamenti, di sondare sul suo primo episodio e come è riuscito a risolverlo.
Le faccio i miei migliori auguri.
Dott.ssa Margherita Romeo.

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1395 Risposte

396 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2020

Buongiorno ,
Generalmente prima di indagare l ‘area psicologica di difficoltà di questo tipo sarebbe opportuno escludere cause organiche . Detto ciò insieme a lei capirei se il suo matrimonio sia già in crisi da prima , oppure se l’origine possa essere ricercata nell’area sessuale . Occorrerebbe approfondire dunque cosa succedeva prima , durante e dopo il primo episodio di erezione non soddisfacente e prendere in considerazione anche il punto di vista della sua partner. La sessualità e’ una forma di comunicazione , pertanto sarebbe utile capire i vostri ruoli in questa forma di linguaggio ... L ansia e la depressione di cui parla , inoltre , possono essere anche questi sintomi connessi ad un ‘ansia da performance ed un successivo ritiro per il ‘ fallimento ‘ vissuto . Suggerirei un percorso di coppia .
Cordialmente

Dott.ssa Fabiana Capobianco Psicologo a Treviso

8 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2020

Salve Lollo,
non si allarmi e proceda per gradi.
La prima cosa da fare, se non l'ha ancora fatta, è escludere che si tratti di qualcosa di organico. Vada a fare una visita e tutti gli accertamenti che il medico riterrà opportuno.
Esclusa ogni causa d'ordine fisiologico occorre capire cosa è successo nella sua vita immediatamente prima il primo episodio. Occorre indagare le dinamiche di coppia e familiari, le sue emozioni ed i suoi pensieri.
Non è una cosa che può affrontare da solo, sarebbe bene si facesse aiutare da un collega. Il corpo esprime come può, con sintomi e disturbi, un malessere più profondo di cui o non si è consapevoli, per cui non si trovano le parole per definirlo o il coraggio di affrontarlo in un determinato momento della propria vita.
Le faccio i miei migliori auguri
Dott.ssa Laura Termini

Dott.ssa Laura Termini Psicologo a Palermo

17 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2020

Buongiono Lorenzo,
immagino che lei abbia potuto già escludere problemi medici e che quindi si possa lavorare sugli aspetti psicologici che negli uomini vanno ad incidere sulla prestazione all'atto dell'intimità con un'altra persona.
In tal caso posso proporle l'approccio strategico breve che consente di affrontare questa delicata situazione con un approccio molto concreto in grado di far ritrovare il benessere nel giro di breve tempo.
Cordialmente
Dr.ssa D'Amico Maria-Francesca

Dott.ssa Maria-Francesca D'amico Psicologo a Selvazzano Dentro

102 Risposte

47 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2020

Salve, è comprensibile che si senta male rispetto a questa cosa, quindi l'ansia e l'apatia sono normali reazioni che possono essere affrontate. Per quanto riguarda l'eiaculazione precoce, è frequentemente associata a difficoltà erettile che sembrano primarie nel Suo caso. Per aiutarLa mancano alcuni dati importanti, tra cui la Sua età, ma è già possibile darLe una prima indicazione: ha fatto una visita medica? E' il primo passaggio da compiere in questi casi. In seguito al responso potrà rivolgersi a un terapeuta per 1) curare il problema, se la causa è psicologica o 2) avere supporto per l'ansia che ne deriva, indipendentemente dalla causa. Cordialità. DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

998 Risposte

1028 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19300

psicologi

domande 31150

domande

Risposte 106900

Risposte