Madre schizofrenica

Inviata da Lucia · 4 mag 2018 Terapia familiare

Buongiorno
ho bisogno di un consiglio per cortesia.
Mia madre, ormai ottantaduenne, ha sofferto in passato di depressione maggiore, a fasi alterne. La depressione la colpiva all' improvviso e durava all' incirca 2 anni. Ha sofferto in passato di questi episodi 3 volte, sempre poi riprendendosi.
Ora l' ultimo episodio risale a luglio 2014, e mia madre non ne è ancora uscita.
E' in cura presso il CIM ed assume Efexor, Lamictal e Fluoxetina.
Il suo problema principale però sono le ossessioni: ne ha 2, il cibo, non fa che chiedere, ogni 5 minuti, cosa si mangerà a pranzo, a cena, il giorno dopo...ecc. Questo nonostante, non le sia mai stato fatto mancare nulla, il frigorifero strapieno, e la maggior parte delle volte lei stessa sia costretta a buttare via alimenti comperati e scaduti, perché mai consumati. La seconda ossessione è mia sorella. Mia madre ha sempre avuto un debole per la mia sorella minore, perché è psicologicamente fragile, piena di paure ed assuma regolarmente Serenase e Daparox per sentirsi meglio. Mia madre, si è convinta che mia sorella verrà arrestata perché in qualche occasione è capitato che alzasse la voce e strattonasse mia madre, perché ormai stanca delle sue recriminazioni. Allo stato attuale delle cose, mia madre che ha 82 anni, abita in casa da sola. Io l' accompagno ad un centro diurno dal lunedì al venerdì e le notti stiamo con lei io e mia sorella a giorni alterni. Il lunedì giovedì e venerdì notte dormo io a casa sua e le notti restanti dorme mia sorella.
Mia sorella abita a 5 minuti di distanza da mia madre, ha lasciato casa ad ottobre 2017 dopo 42 anni di convivenza con mia madre. Io abito invece a 18 km con il mio compagno. Mia sorella ha un lavoro part-time nel pubblico impiego. Io lavoro a tempo pieno nel settore privato.
Vi chiedo un consiglio per come gestire questa situazione, perché sono molto stanca di sopportare mia madre con le sue ossessioni, e mia sorella con i suoi problemi, A volte perdo la pazienza ed alzo la voce, sono arrivata molto vicino ad episodi di violenza con mia madre, soprattutto quando mi chiede in continuazione di aiutare mia sorella, la quale è sempre stata difesa ed aiutata da mia madre, che le ha comprato la casa in cui ora mia sorella è andata ad abitare, le ha comprato l' auto, e la sostiene anche economicamente, perché mia sorella ha iniziato a lavorare solo 2 anni fa e quindi non poteva permettersi queste spese. Negli anni scorsi mia sorella ha sempre vissuto con mia madre, in casa, accudendola durante la depressione e portandola dai medici. Anche per questo motivo pia madre è molto legata a lei e tende a proteggerla. Io invece sono sempre stata considerata come la figlia di serie B, perché più autonoma ed indipendente.
Aspetto un vostro gentile consiglio su come gestire questa situazione familiare che mi sta creando un notevole stress psicologico.
Grazie molte

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 MAG 2018

Gentile Lucia,
è comprensibile lo stress a cui lei e sua sorella siete sottoposte per accudire l'anziana madre affetta da depressione maggiore.
E' auspicabile che questa elevata quota di stress ed emotività espressa possa essere ridotta in due modi :
!) verificando se vi sono i requisiti di ordine medico per richiedere ed ottenere dall'INPS una indennità di accompagnamento da utilizzare per fruire anche di collaborazione esterna nell'assistenza;
2) intraprendendo un percorso di psicoterapia come sostegno psicologico e gestione dello stress.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7532 Risposte

21073 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 MAG 2018

Gentile Lucia,
comprendo il suo disagio e la stanchezza per l'accudimento della mamma e penso sia necessario che le abbia un sostegno, prima che la sua rabbia aumenti al punto di impedirle di gestire in maniera adeguata la situazione.
Un primo passo potrebbe essere assumere una badante che la assista nelle ore notturne e nei fine settimana, quando non frequente il CPS, offrendo un sollievo a lei e a sua sorella.
Al tempo stesso, lei dovrebbe usufruire un supporto psicologico che l'aiuti ad elaborare le emozioni scatenate dalla gravità del contesto e l'attivazione di risorse per una gestione funzionale della relazione.
Un caro saluto
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1260 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 MAG 2018

Buongiorno Lucia,
comprendo la stanchezza e la sofferenza derivanti dall'accudimento di una persona anziana gravata da una pesante patologia.
E' necessario che inizi a prendersi cura di stessa, sia alleviando le incombenze pratiche e quotidiane, ad esempio una badante per la notte e i fine settimana, potrebbe alleggerire sia lei che sua sorella.
Sul versante psicologico, valuti la possibilità di un percorso psicologico che l'aiuti nell'elaborazione delle emozioni e le consenta di individuare risorse ed energie adeguate per fronteggiare la situazione e migliorare la qualità della sua vita.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1260 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102150

Risposte