Lui vede porno e la cosa mi fa stare male

Inviata da Ale · 13 gen 2020 Terapia di coppia

Gent.mi dottori, è da un paio di mesi che ho scoperto per caso che mio marito(sposati da un anno e mezzo, fidanzati da 16) guarda spesso dei porno.
La scoperta è stata casuale. Ma la cosa mi ha scioccata perché per una vita mi ha lasciato intendere che quella roba non lo attirasse. Ma vivendo insieme da circa 1 anno e mezzo, ho scoperto questo lato di lui che non conoscevo. La cosa mi fa stare male. Perché lui all'inizio ha negato, dicendo che era capitato su un porno per caso. Poi messo alle corde ha ammesso questo, e anche che a volte "sta in intimità da solo". La cosa mi ha letteralmente scioccata. Abbiamo sempre avuto un ottimo feeling e dei rapporti piuttosto soddisfacenti. Almeno così credevo. Ma ero sempre io la passionale della coppia. Quindi mi sconcerta che guardi i porno traendo anche godimento, ma con me non si impegni poi tanto a letto. Lui sta sempre sotto ed è come passivo. Io invece vorrei essere presa con ardore con passione... ma a questo punto mi sento come se non fossi sufficientemente desiderata. Negli ultimi due mesi, cioè da quando ho scoperto dei porno, ho avuto una reazione di eccessiva libido nei suoi confronti. Ero ossessionata dal volerlo riconquistare. In tutto questo, lui ha avvertito la mia sessualità come aggressiva, ossessiva. Se mi vedeva addosso un completo intimo piu sexy, mi guardava come a dire "ancoraaa?...bastaaa" come fosse esausto. Io ho tagliato i capelli, come quando ci siamo incontrati 16 anni prima, solo per suscitare in lui una sorta di "ri,-attrazione" per la me che lo ha fatto innamorare.
In tutta questa storia lui dice di amarmi e che la sua intimità è una cosa che non voleva condividere con me. Restava una cosa personale, per questo non me ne ha mai parlato. E che il porno è una cosa che "tutti" gli uomini vedono. Che masturbarsi anche se si ama la propria moglie, è una cosa normalissima.
Io invece mi sento come tradita. Dalla bugia, dal fatto di non averlo mai saputo in 16 anni. Di credere che bastassi io. E della masturbazione c i sono rimasta male doppiamente. La cosa mi disturba.
Ho sempre avuto scarsa fiducia in me stessa. Ma ora tutto mi è crollato. Sono arrivata a controllare la sua cronologia e ho scoperto che ancora spesso lui visita queste pagine pornografiche.
Gli ho detto che l'ho controllato e chiaramente lui ha perso la fiducia in me. Non è la prima volta che accade che lo controllo. Ma la cosa sta diventando un.chiodo fisso da cui non riesco a venir fuori. È un pensiero che mi assilla.
Stamattina è stata l'ultima goccia. Ho violato il.suo account google dal mio telefonino, e ho scoperto che non appena sono uscita di casa per andare a lavoro, lui era gia a visitare siti porno.
Sono arrabbiata stanca e sfiduciat soprattutto con me stessa dal mio riprovevole comportamento, ma anche da lui.
Io lo amo, lui mi ama... stiamo cercando di avere un bambino. Ma ho un'infinità di paure adesso. Sento che siamo in crisi. Eppure per 16 anni siamo stati come amanti...mai un litigio, sempre d'accordo o quasi su tutto.. sempre innamorati.
Aiutatemi... mi sento sola e persa.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 GEN 2020

Gentile Ale, mi sembra di capire che ci sono due tipi di tradimento che lei ha letto:
- la negazione, da parte di suo marito, di essere interessato a materiale pornografico per poi agire diversamente
- Il fatto che suo amrito guardi materiale pornografico

Fermo restando che guardare materiale pornografico legale, da parte di un adulto, in genere è un comportamento molto diffuso e di solito scorrelato dalla felicità/soddisfazione nella coppia, la cosa che colpisce è che lei veda in questo comportamento un sinonimo di insoddisfazione sessuale da parte di suo marito. Risponde a questa presunta insoddisfazione "alzando l'asticella" e proponendosi sessualmente in modo più spinto. Tuttavia, non mi sento di dare per scontata questa equazione (porno = insoddisfazione); il fatto che guardi dei porno non vuol dire necessariamente che lui si senta in crisi o non si senta più attratto da lei.
Comprendo che quando una persona ci dice una cosa e poi ne fa un'altra ci si senta presi in giro o traditi. Mi chiedo: se lui le avesse parlato liberamente della sua attrazione per i porno, lei come avrebbe reagito? è possibile che lui glie lo abbia tenuto nascosto per paura di deluderla e di sentirsi giudicato?
Ora, secondo me, ha due opzioni:
- continuare a controllarlo, fargli capire che se guarda porno e si masturba guardando porno lei lo disapprova e si allontana oltre a continuare a provocarlo sul piano sessuale. Il risultato quale può essere? non conosco suo marito e non mi sento di formulare ipotesi. Tuttavia, mi sento di dire che in genere alle persone non piace essere controllate e in genere non rinunciano a qualcosa a cui non vogliono rinunciare e, se lo fanno, lo fanno per fare un favore a qualcun altro con il conseguente rischio di iniziare a covare rancore. E' un rischio generale ma, ripeto, non conosco suo marito e può essere che reagisca diversamente.
- Comprendere il valore che guardare i porno ha per lui con l'intenzione di conoscere anche questa parte di suo marito senza necessariamente approvarla ma anche senza giudicarla. Quale può essere il risultato?

Inoltre, mi sembra che questa scoperta la abbia fatta mettere profondamente in discussione come donna. Mi dispiace perchè spesso pornografia e attrazione per la propria moglie sono scorrelati.

Le suggerisco un libro, Intelligenza Erotica di Esther Perel, penso che possa darle alcuni spunti per riflettere sul modo di guardare se stessa, suo marito e la coppia.

Un caro saluto,


Luisa Fossati

Luisa Fossati

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

404 Risposte

457 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GEN 2020

Gentile Ale,
a mio parere, da quanto ha scritto si evincono due cose :
1) che, a differenza di quanto lei pensava, tra lei e suo marito non vi è poi grande feeling e capacità comunicativa, dal momento che è stata esclusa una parte importante riguardante preferenze e gusti di entrambi nell'area della sessualità;
2) che lei, con il tipo di reazione che ha avuto, ha mostrato di essere attualmente poco convinta di suscitare attrazione sessuale in suo marito con conseguente ferita narcisistica e caduta dell'autostima.
D'altra parte, la sua insicurezza è anche dimostrata dai frequenti controlli che lei continua a fare relativamente a questa modalità comportamentale di lui.
Tutto sommato, se, come sembra, la fruizione di materiale pornografico da parte di suo marito non configura un disturbo compulsivo e di dipendenza, personalmente non credo che la cosa sia tanto grave da mandare in crisi il suo matrimonio e di sicuro la sua reazione è eccessiva e disfunzionale.
Occorrerebbe tra di voi maggiore capacità comunicativa e complicità nell'agire la sessualità con o senza l'uso di materiale pornografico, magari risvegliando la libido col condividere fantasie erotiche fruibili senza danno nel privato della coppia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7297 Risposte

20612 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2020

Gentile Ale,
dal suo scritto mi sembra emerga una scoperta che la sorprende e la porta a mettersi profondamente in discussione con un comportamento ossessivo e di conferma di sé come donna con un desiderio, fantasie alla ricerca di rassicurazione. Al tempo stesso si è attivato un comportamento di controllo altrettanto ossessivo e non facile da sostenere con tante emozioni negative e invalidante per se ed il suo rapporto. Mi sembra altresì che le spiegazioni di suo marito la facciano sentire esclusa da un intimità in cui pensava di esserci solo lei e invece si ritrova a non bastare, forse questo la fa soffrire così tanto. Proverei a riflettere su come lei ha voluto vedere il suo rapporto, su cosa il suo compagno ha fatto tenendole nascosta la sua altra intimità per non rattristarla, deluderla.
Le ho proposto delle riflessioni che credo meritino una conoscenza e approfondimento per poterla aiutare.
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

502 Risposte

169 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94450

Risposte