Lui mi odia e mi tormento

Inviata da Loredana Macri' · 9 apr 2017 Terapia di coppia

Buonesera dottori,
Ho 30 anni e vivo all'estero da due anni. Da circa un anno la mia amicizia con un ragazzo inglese è finita. Io non riesco a farmene una ragiore. Ero legatissima a lui. Ora , se lui mi vede non mi parla, ha bloccato il mio numero , il mio profilo facebook, tutto.
Io e lui vivevamo insieme. Ci siamo incontrati nella stessa casa. Abbiamo legato subito.e io me ne ero innamorata perdutamente. Lui sembrava tenerci ed era molto dolce con me ma anche abbastanza contraddittorio. Eravamo attratti e così siamo stati a letto un paio di volte. Beh per me non era solo quello, lui sapeva dei miei sentimenti. Ci siamo comunque fermati ad un certo punto e abbiamo ripreso a essere amici e coinquilini.
Un giorno mi confessò di aver incontrato qualcuno. Ero distrutta e così mi sono trasferita di casa, seppur vicina. Lo vedevo passare quando andava a lavoro e andavo a trovarlo ogni tanto. L'ultima volta credo di aver superato il limite della sua pazienza quando chiedendosi di tornare a casa , io semplicemente presa dal panico mi sono bloccata e ho iniziato a disperarmi. Mi minacciò di chiamare la polizia ma non lo fece. Il giorno dopo gli chiesi scusa e lui accettò le mie scuse. Tornai in Italia per un paio di mesi per allontanarmi da lui. Quando tornai in Inghilterra gli dissi che gli volevo bene e mi dispiaceva non potergli parlare o avere un rapporto civile. Nulla, lui ha bloccato tutto da allora. Non esisto.
Tra meno di un mese vado via. In questi mesi infatti ho realizzato un paio di sogni e mi si e' presentata un'occasione nell'est Europa e ho accettato. Ma sto male, malissimo anche se non ho più provato a fare nulla. L'idea di non potermi spiegare o che lui almeno non mi abbia detto su cosa devo lavorare mi sta facendo andare in pezzi. Ho cercato di non fare più cavolate come andare nella nostra ex casa. Mi andrebbe bene anche che non volesse più vedermi purché mi desse una spiegazione o smettesse di essere così rigido. E nel frattempo cerco di accettare questo. Ho realizzato i miei sbagli, ho chiesto scusa. Ho lavorato su me stessa con una psicoterapeuta ma sono tormentata. L'idea che lui ha di me non mi rispecchia. Io non sono quella persona e non sono stata l 'unica a sbagliare ma ho perdonato!
Non so più che fare. Voglio solo partire tranquilla. Pensavo ad una lettera ma l'idea che lui mi odi è orribile e poi io non voglio disturbare nessuno.
Ho provato rabbia , dolore. Non mi passa in nessun modo.
Scusatemi se mi sono dilungata.
Vado avanti con la mia vita ma sono troppo tormentata.

Grazie a chiunque risponderà

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 APR 2017

Gentile Loredana,
non ho idea di cosa lei abbia fatto per suscitare questa reazione, in ogni caso le reazioni di ciascuno di noi sono sempre legate solo in parte alla realtà oggettiva poiché un aspetto importante è come noi percepiamo la realtà e il significato che le attribuiamo. Ciascuno di noi inoltre ha una sensibilità diversa alla percezione dei propri confini e dunque ciò che può risultare invasivo per una persona non lo è per un’altra. Questo vale anche per il rifiuto: non per tutti è così tollerabile. Capisco che per lei sia importantissimo essere compresa e comprendere, non essere odiata, non essere rifiutata. Lui invece mi sembra abbia un po’ paura delle sue possibili reazioni e di trovarsi in situazioni spiacevoli. Più lei insisterà più lui si difenderà con la fuga e, in maniera circolare, più lui fuggirà più lei sentirà il bisogno di avvicinarsi, inseguirlo, chiarire.
È su questo che credo sia utile lavorare prioritariamente con la sua terapista. Che cosa le richiama il rifiuto? Fa parte della sua storia? Quando l’ha sperimentato? Questa è la parte che riguarda lei. Quella che riguarda lui non abbiamo il potere di modificarla.
Comunque se lei scioglie questi suoi nodi potrà vivere le prossime relazioni con maggiore libertà e consapevolezza.
Un saluto
Dott.ssa Lucia Rinaldi

Lucia Rinaldi Psicologo a Roma

92 Risposte

155 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 APR 2017

Salve Loredana
Immagino che sia stato e sia ancora adesso doloroso per lei vivere questo distacco e tutto quello che ne consegue.
Cosa significa che lei non è "quella" persona?
Che idea pensa che lui si sia fatto di lei e cosa in particolare la fa arrabbiare e stare male?
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento
Dottssa Fabrizia Tudisco

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Napoli

503 Risposte

951 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 APR 2017

Cara Loredana,
Purtroppo la fine di una storia d'amore è sempre dolorosa. Già in precedenza ci sono state delle rotture e fraintendimenti. Non aspetti che lui torni indietro, vada avanti con i propri progetti. Trovi il modo di chiudere a livello simbolico questa relazione, una lettera di commiato potrebbe esserle utile per elaborare il distacco. Cerchi di accettare la realtà e non rimugini troppo altrimenti rischia di stare troppo male.
Cari saluti
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2691 Risposte

2217 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 APR 2017

Ciao Loredana, a volte bisogna accettare ciò che non possiamo cambiare. Se il suo coinquillino ha deciso di troncare potrebbe avere poca importanza per lui ciò che lei insiste di spiegare. Magari non vuole darle proprio la possibilitá di dirla l'ultima e questo per lei è di difficile accettazione, cordiali saluti,

Dott.ssa Codruta Ileana Terbea Psicologo a Lecce

105 Risposte

190 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 APR 2017

Cara Loredana, forse ti sembrerà banale e scontato quello che ti dirò ma soltanto con il tempo riuscirai a superare. Non è importante quello che lui pensa di te. Per lui è finita ma tu non vuoi accettarlo, purtroppo capita che le storie finiscano, anche se mi sembra fra voi non ci sia mai stata una storia vera e propria. Continua con la terapia proprio chiarendo questo aspetto. Ti sei forse fatta delle illusioni solo per un paio di rapporti che per lui, evidentemente, non hanno avuto la stessa importanza. Ti consiglio di continuare con la terapia anche una volta tornata in Italia. Auguri e forza! Dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

799 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte