Lui e l'altro. Quanto è giusto scegliere?

Inviata da Matilde il 7 giu 2018 Terapia di coppia

Ero giovane, appena ventenne. Mi sono innamorata perdutamente di un uomo di sette anni più grande di me e siamo stati felici insieme qualche mese. Ho fatto con lui le prime esperienze, non intendo quelle sessuali, parlo invece di viaggi, progetti, condivisione di pensieri. Era l'amore. L'amore quello assoluto, del non ho fame, non ho sete, non ho sonno; quello che dentro un abbraccio il mondo non esisteva più.
Dopo una mia lunga partenza ho scoperto, una volta tornata, che lui era tornato a letto con la sua ex e che lei fingeva/diceva di essere rimasta incinta. L'ho lasciato. In preda ad una sofferenza grandissima, l'ho lasciato. Non solo perchè non mi sentivo in grado di perdonare il tradimento ma anche per lasciargli la via spianata per diventare responsabilmente padre. Mi sono tolta di mezzo. Questo figlio non è mai nato e lui non è voluto tornare con la ex. Mi ha cercato a lungo, ed a lungo dico per anni ma io ho iniziato a farfalleggiare, in preda ad una delusione amorosa senza precedenti. Facevo la stupida e mi comportavo al peggio delle mie possibilità affinchè gli arrivasse notizia e lo facessi soffrire. Mi sono ristabilita in comportamenti più equilibrati e lui mi ha chiesto di riprovare, anche questa volta ho rifiutato a causa della mia paura di stare male. Ho iniziato una nuova storia, una storia seria ed abbastanza positiva, sono stata col nuovo partner quattro anni senza mai farmi sentire dall'ex, evitando contatti ma quando le cose sono diventate serie ed io sentivo che non era l'uomo per me ho ricercato l'ex. Lui si stava per sposare, a me è crollato il mondo addosso e gli ho detto che ero ancora innamorata di lui. Lui forse cercava quella chiamata, la sua via di fuga, ed ha annullato il matrimonio. Io ho lasciato il fidanzato. Eravamo pronti ad iniziare ma...anche questa volta, non ne siamo stati capaci. Lui conviveva con la ragazza che non ha sposato ed aspettava che lei trovasse un'altra sistemazione. Io che abitavo a più di trecento chilometri non me la sono sentita di aspettare col rischio di essere ingannata. Avevo il terrore che non arrivasse mai da me, così ho ricominciato un'altra relazione e quando lui è arrivato gli ho detto di nuovo di no. Sono passati altri anni e fra una storia e l'altra, talvolta sentendolo e vedendolo, ho trovato il mio attuale marito: l'uomo che mi ha fatto capitolare.
Mi sono innamorata davvero, di nuovo. Un amore diverso ma ricco, peno di sogni e di progetti di vita condivisi. Abbiamo deciso di sposarci dopo un anno di fidanzamento ed io, in quel momento, mi sono domandata se ero disposta a mettere una pietra sopra al mio grandissimo incompiuto e mi sono risposta di sì, per la prima volta. L'ex ha saputo dei miei progetti e mi ha chiesto di non farlo, di tornare da lui, ma io sono stata irremovibile, non ero disposta nemmeno al confronto. Certa di aver voltato pagina, ero decisa ad incamminarmi per mano al mio promesso sposo nei sentieri della vita.
Mio marito ed io viviamo un matrimonio impegnativo ma ricco, felice fuori e dentro il letto. Bambini, lavoro ed impegni sottraggono tanto alle attenzioni reciproche, il tempo per noi è poco ma quando c’è ci divertiamo e, dopo sette anni di matrimonio, con molti alti e qualche basso risolto sempre nel dialogo, ho però ricominciato a pensare all'ex. Non che fosse mai scomparso del tutto dalla mia testa. Spesso le canzoni, i libri, le poesie, il vento, le coincidenze me lo facevano pensare ma ero disposta a lasciar andare.
Nell'ultimo anno le cose sono cambiate: ho iniziato a coccolare quel pensiero, a sognarlo di nuovo e questa cosa mi ha destabilizzata. Complice una crisi di coppia, gli ho mandato un messaggio a cui è seguito un turbinio di emozioni che ci ha portati ad un riavvicinamento che ci vede ora, come allora, complici e simili. Non un bacio, non una carezza, nessun cedimento fisco per amore e senso del dovere verso le reciproche famiglie ma con una grande voglia di stare insieme. Io voglio essere responsabile verso la mia famiglia, amo mio marito, mi piace, lo voglio vicino ma non sono disposta a lasciare andare nemmeno l’altro. Che fare? Vivere due vite parallele e mentire? Dentro di me è forte il sentimento per entrambi, figlio di momenti diversi della mia vita, ma comunque forte ed autentico, che compone i pezzi di quella che sono. Come si fa a farci stare tutto? Quanto è giusto rinunciare a l'uno o all'altro? e quanto alla propria intima felicità?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte