Litighiamo sempre e penso sia colpa mia

Inviata da Arianna · 7 set 2015 Terapia di coppia

Abbiamo entrambi 18 anni, stiamo insieme da 7 mesi ma ci conosciamo da 5 anni. In questi anni ci siamo frequentati più volte ma è finita male per colpa mia:non ero innamorata di lui. A 16 anni ero fidanzata con un ragazzo e sono rimasta incinta e ho abortito. Da quel giorno la mia vita è cambiata.
Ero una ragazza forte,piangevo raramente e cosa negativa:ero menefreghista. Adesso da una parte sono migliore perché riesco ad affezionarmi di più alle persone però sento che questa situazione mi ha distrutto. Piango in continuazione per qualsiasi sciocchezza, sento sempre che il mondo mi cade addosso, mi sento sola e ho bisogno di qualcuno che si occupi di me perché io da sola non ce la faccio più.
Prima di mettermi con questo ragazzo ho passato l'inferno con un 30enne che si drogava, beveva e mi ha messo le mani addosso qualche volta, nonostante questo è un ragazzo intelligente allora pensavo di poterlo migliorare, pensavo che avrei potuto aiutarlo visto che io sono contro queste cose, ho resistito 10 mesi poi non ce l'ho fatta più, non ero felice ma disperata e allora ho pensato che era lui la mia causa della mia depressione invece adesso mi sta succedendo di nuovo. Quando ho lasciato il mio precedente ragazzo sono riniziata ad uscire con una mia amica e nel gruppo c'era il mio attuale ragazzo allora abbiamo deciso di iniziare a frequentarci, all'inizio non potevamo vederci perché i genitori non volevano che il figlio stesse con me perché pensavano che ero come il mio ex e per paura che il mio ex potesse essere violento con lui.

Quindi siamo stati alcuni mesi senza vederci poi un giorno abbiamo rischiato e il mio ex ci ha visti (penso che mi avesse seguito, era diventato ossessivo, sono andata anche dai carabinieri ma alla fine non ho fatto niente), i genitori mi hanno accettato e adesso sotto questo punto di vista non abbiamo nessun problema, il nostro problema adesso è che litighiamo spesso e premetto che abbiamo due caratteri molto simili, abbiamo continui dubbi sui nostri sentimenti, lui non crede in me e io non credo in lui almeno questo quando litighiamo perché quando stiamo bene co diciamo che ci amiamo e siamo feliccisimi. Ieri ho avuto una brutta giornata: è venuto a casa mia ed ero felicissima di vederlo, lo abbraccio e sento la puzza di fumo:aveva fumato.

So che fuma anche se sta cercando di smettere si fa mezza sigaretta o una al giorno(prima mi diceva che fumava 10 se non di più) io apprezzo i suoi sforzi ma appena se ne è andato sono scoppiata a piangere e ho continuato così tutta la giornata e la nottata. Perché a questo aggiungo altri pensieri, penso che non sono abbastanza importante per lui, che la mio opinione non conta ma so che non è così, so che è innamorato di me ma mi ripeto in testa tante coae brutte come se volessi farmi del male anche se non voglio stare male. Sono un controsenso.

Allora lui ieri mi ha detto: ti prometto che smetterò di fumare ma devo darmi tempo, ce la sto mettendo tutta. Oggi torna la stessa scena di ieri, io felicissima e un secondo dopo di nuovo la puzza di fumo, gli chiedo: hai fumato? E lui mi risponde di no ridendo, sapevo che mentiva e anche lui sapeva che me ne ero accorta allora dopo 3/4 volte che gli pongo la stessa domanda mi risponde"si solo due tiri" non ci siamo più rivolti la parola e se ne è andato. Ah e volevo aggiungere che lui ha le stesse reazioni mie, ieri ha pianto perché pensa che per me non è importante è inutile e che non potrà mai rendermi felice ma io so che non lo pensa davvero, ecco perché dico che siamo molto molto simili. Io penso di avere questo problema cioè di aspettarmi troppo, di rimanerci male troppo e su tutto e davo sempre la colpa ai ragazzi ma ora ho capito che il problema sono io.
A peggiorare la situazione è stata anche la morte del mio cane che per me è l'essere più importante della mia vita, è arrivato quando io ero distrutta, mi ha curata ma ora se ne è andato e si sente. Grazie per l'ascolto, spero mi aiuterete a risolvere questo mio problema.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 SET 2015

Cara Arianna,
sicuramente per la tua giovane età hai commesso qualche errore ed hai vissuto delle esperienze traumatiche che ti hanno segnato.
Io credo che nessuno vorrebbe commettere degli errori ma questi fanno parte della vita e a volte può essere difficile evitarli. Quello che però si può fare, anzi si dovrebbe sempre fare, avendone ricevuto un danno, è fermarsi e cercare di analizzarli per coglierne degli insegnamenti. Infatti un errore è come una medaglia con due facce : da una parte comporta un danno e quindi una sofferenza ma dall'altra offre l'opportunità di imparare delle cose nuove che servono per il futuro rendendo le persone più competenti e consapevoli. Ti invito quindi a non compiangerti e deprimerti per gli sbagli fatti ma ad utilizzarne al meglio gli insegnamenti.
E' anche possibile che questo lavoro di analisi e di approfondimento non sia facile da fare autonomamente, prevalendo lo scoraggiamento e il senso di incapacità e di colpa, per cui ti invito a non mollare e fare il possibile per farti aiutare in psicoterapia a riacquistare autostima e fiducia innanzitutto in te stessa e poi negli altri .
Cordiali saluti
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7083 Risposte

20196 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 SET 2015

Dolce Arianna
quante cose in questa letterina di una ragazza 18enne ma con tante esperienze di vita alle spalle. Sei venuta in contatto con situazioni difficili e drammatiche e chiaramente avresti bisogno davvero di poterle elaborare con calma e con l'aiuto di un esperto.
La cosa bella di questo tuo scritto è quando parli di te e del tuo attuale ragazzo.
Come dici tu e come ben fai comprendere dai racconti, tu e lui avete delle rezioni simili. Traspare che vi volete molto bene e che il legame è forte. Avete superato la difficoltà di questi genitori ostacolanti ma ora ci sono queste vostre insicurezze e la grande difficoltà di non saper comunicare nel modo giusto. La paura di perdere l'altro è forte in entrambe e pur tuttavia riuscite a tenervi per mano in questo difficile cammino della vita. Arianna cerca di essere prima cosa più calma! Trova il modo di rilassarti un attimo e poi pensa a te stessa. Riesci a vedere che sei una ragazza forte??? Anche se piangi spesso tanto? Devi ritornare a credere decisamente in te stessa e nella possibilità di portare avanti questa storia con più sicurezza. Davvero è importante che qualcuno ti aiuti e dunque cerca questo aiuto, sarà un primo passo decisivo per il tuo benessere. Magari puoi proporre al tuo ragazzo di cercare insieme qualcuno ed esporre il problema, poi valutate insieme a questo esperto (psicoterapeuta) la cosa migliore da fare.
Tantissimi Auguri.
E comunque ricorda che tu vali tanto ma quest'istinto protettivo e dispendioso di energie verso gli altri può farti diventare una "donna che ama troppo" e non è la cosa migliore che potrebbe succedeerti.
Dott.Silvana Ceccucci Psicologa-Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7009 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 SET 2015

Carissima Arianna,
il peso delle situazioni che hai dovuto affrontare in questi ani mi sembra davvero molto.
Una domanda, dopo l'aborto, hai cercato un sostegno psicologico? La scelta che hai dovuto fare non era sicuramente da poco.

La situazione con il tuo ragazzo è un po' complicata, ma non mi sembra disperata, sebbene i litigi non siano piacevoli ma perché pensi che sia colpa tua?
Se si litiga si litiga in due e le stesse difficoltà tue mi sembra che le esprima anche il tuo ragazzo.
Ma perché non ti fidi di lui? Che cosa c'è che ti porta a pensare in negativo?
La sua difficoltà a smettere di fumare è comprensibile, è difficile riuscire da un giorno all'altro, ma ti ha detto che si sta impegnando.
Forse quel ragazzo che si drogava ti faceva le stesse promesse?

Indubbiamente le tue relazioni precedenti non hanno lasciato un buon ricordo ma
l'amore non ha certezze, delle persone che si amano ci si può solo fidare, l'amore comporta anche un rischio e ci vuole un po' di tempo per comprendere quale sia la persona giusta. Si deve trovare la "misura" giusta, che non è la stessa per tutti, per costruire un equilibrio di coppia, a volte è spontaneo, a volte ci vuole più tempo: dipende dalle esperienze di ciascuno.
Non è detto che tutto fili sempre liscio come l'olio, a volte ci sono scontri e discussioni, ma devono portare a un finale diverso, devono essere costruttive e servire a conoscervi meglio.

Per superare alcune resistenze e comprendere anche che cosa ti impedisce di fidarti, potresti rivolgerti ad un terapeuta della tua zona: un percorso ti aiuterebbe ora ma anche per il futuro.

Un caro saluto.
Dott.ssa Daniela Fornari

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

395 Risposte

432 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 SET 2015

Cara Arianna, ciò che mi colpisce nella tua storia è la grande quantità di situazioni importanti che hai vissuto nonostante la tua giovane età. Il tuo desiderio di un equilibrio sentimentale lascia intravedere la necessità di fare chiarezza su ciò che provi, che vivi, che mette in gioco il tuo benessere psicologico. E per fare questo è importante capire l'impatto che esperienze come quelle che tu hai vissuto hanno avuto su di te. La storia con questo ragazzo, a cui tu tieni, può essere l'occasione per metterti in gioco con le tue difficoltà, i tuoi vissuti, la tua autostima. E' per questo che ti consiglio un percorso di supporto psicologico: ti aiuterà a comprendere perché accadono alcune cose e come puoi trovare le tue risorse per affrontarle. Tanti cari auguri,
dott.ssa Roberta Monda

Dott.ssa Roberta Monda Psicologo a San Severo

92 Risposte

148 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 SET 2015

Cara Arianna,
negli ultimi anni hai vissuto diversi momenti di sofferenza e fatica ed ognuno di questi meriterebbe un approfondimento e il supporto di uno psicologo.

Ad oggi il tema centrale mi sembra la sfiducia che filtra la relazione con il tuo ragazzo, le sue bugie, il bisogno di tenere sotto controllo aspetti della vita di lui, il bisogno di sentirsi unica e scelta da lui.

Smettere di fumare può essere complesso e richiedere molto impegno e motivazione. Se mancano, non significa necessariamente che la tua opinione non è importante ma che, per lui, smettere è molto difficile.

Gli hai parlato di cosa significa, per te, il suo continuare a fumare? Potrebbe essere utile per voi condividere questi pensieri di modo che lui non si senta controllato e non senta il bisogno di mentirti, alimentando la tua delusione e sfiducia.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2063 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24050

domande

Risposte 86700

Risposte