Lasciato da quasi 2 mesi, come comportarmi?

Inviata da Daniele il 22 feb 2016 Terapia di coppia

Salve,
di storie di chiusura di rapporti ne sentirete... ma questa forse è diversa!
3 anni fa, la conobbi e dopo 3 mesi decisi di fermarmi, perché cominciavo a star bene da solo dopo un'altra storia, e il suo passato di problemi alimentari (Bulimia) un pò mi spaventava, avevo paura di trovarmi una ragazza problematica.
Scoprimmo in quel momento che era incinta, e decidemmo di abortire. Decisione consensuale, ma che ci creò problemi come morale (educazione cattolica che io subii anche da una ex e fu difficile). Le sono stato vicino 6 mesi come amico, dopo di che lei con un bacio voleva qualcosa di più e cominciammo una relazione.
Tutto bene, dopo 1 anno e mezzo, senza lavoro io, lei pesava la mancanza dei "messaggini", forse attenzioni... e di questo me ne pento ma ho sempre cercato di migliorarmi.
Non reggevo, pensando che uno stipendio fosse più importante, chiusi la relazione. Continuammo a sentirci, dopo 3 mesi decisi di riprovarci, e lei dubbiosa frequentava un altro. Feci un passo indietro per rispetto per me stesso, e lei ricercandomi, ricominciammo la relazione con un pochino di fatica nei primi mesi (mi diede versioni diverse dell'accaduto e facevo fatica a darle fiducia).
poi un anno emezzo tranquillo, instablità lavorativa mia la preoccupava, ma proseguiva tutto bene, almeno di litigi e discussioni non ce ne erano
I primi di Gennaio mi lascia, con mio stupore, dicendomi che non vedeva un futuro con me.
Sostanzialmente lei 27 io 30, voleva una convivenza, (ha visto 4 sue amiche sposarsi e andare a convivere nell'anno passato), il problema che non mi ha mai comunicato questa esigenza come fondamentale, ci pensavo anch'io ma con tempi più lunghi.
subiva i miei momenti di rabbia, ma sfoghi veloci e mai frequenti, capitava 1 ogni 2 o 3 mesi, eravamo una coppia tranquilla, le mie attenzioni non erano mai abbastanza, ci vedevamo 1-2 volte a settimana(causa 40 min di distanza), e ci sentivamo tutti i giorni, per messaggio (pesava molto il buongiorno e la buonanotte), chiamate ogni 2 giorni.
negli ultimi 4 mesi prima, disse a mia madre che faceva fatica, pianse una volta con una amica, e poi sfoga tutto su un diario, ma con me momenti sereni, mascherava bene (saputo dopo la chiusura).
Da quando è finita, io ho cercato tramite amici suoi di capire se avvicinarmi, e questo l'ha fatta arrabbiare, lei ha indagato se mi piacesse una ragazza, ha chiamato amici comuni per capire se avevo chiesto info su di lei... tutto questo l'ha fatta arrabbiare. l'ho rivista con serie intenzioni a S.Valentino, Fatti e non di stupidaggini. Ma mi ha detto che deve fare cosi per difendersi, si aggrappava a motivazioni "stupide" e futili (dice che avrei dovuto capirla telepaticamente, e altre stupidaggini di atteggiamenti fraintesi) ha sfogato cattiveria, e pianto molto, dicendo che mi vorrà sempre bene e vuole sentirmi in futuro per il trascorso. Il giorno dopo mi ha detto che stava molto male.
So che è complicata, ma ne sono innamorato e vorrei capire come comportarmi con lei, portandomi rispetto, spero in un suo ritorno.
comunicazione, volontà e anche la sessualità a me mancavano.. ho lavorato su me stesso x capirlo. grazie attendo risposte

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Caro Daniele
eccoci qua a considerare la sua storia dandole l'importanza che merita per la complessità della vicenda e per la confusione che l'instabilità di questa ragazza ha causato in lei.
Nell'arco di questi tre anni di relazione che lei ci racconta ci sono stati alti e bassi sia nella relazione in sè, sia nelle vostre rispettive situazioni ed, in particolare, nella sua situazione lavorativa che ha avuto un notevole peso nell'impedire ad es. una convivenza.
Al di là del fatto che certo la vostra è una storia importante, la cosa che però più di ogni altra è stata determinante, è, a mio parere, l'insicurezza della ragazza che non è riuscita a reggere alla situazione anche per eccessivo bisogno di conferme, di coccole e di rassicurazioni.
Questo bisogno forte della sua ex di averla presente e sempre gratificante, stona come qualcosa di puerile nell'insieme di un contesto di vita difficile.
Per questo io credo che, la storia si sia interrotta (forse definitivamente), in quanto anche l'amore oggi, e l'amore con progetti stabili di vita, necessita di maturità e capacità reali di affrontare le situazioni.
Spero di essermi spiegata.
Un caro saluto.
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6693 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Daniele,
stia pure tranquillo che storie come la sua sono abbastanza comuni e frequenti, almeno dal nostro osservatorio di psicoterapeuti.
Le dinamiche che si costruiscono e si stabiliscono nelle diverse tipologie di coppie spesso non sono casuali ma rispondono a bisogni specifici di ognuno e alle diverse strutture di personalità.
Pertanto a volte si realizzano degli incastri duraturi per l'intera vita, altre volte è una continua altalena di lasciarsi e riprendersi senza alcuna svolta.
Lei fa capire di tenere molto al rispetto di se stesso e al senso morale ma poi temo che sia disposto a sacrificare entrambi all'altare delle sue fragilità psicologiche presumendo di aver lavorato (da solo) su se stesso.
La ragazza è invece spostata ancora più in là nel mare aperto di certi disagi.
Pertanto laddove questa ragazza volesse ritornare e lei fosse disposto a riprendere una storia che ha definito così "diversa" dalle altre, sarebbe molto indicata una buona psicoterapia di coppia.
In alternativa, un percorso individuale per lei è pure consigliabile come esperienza di crescita personale.
Un cordiale saluto.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6453 Risposte

18058 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Daniele,
Mi colpiva innanzitutto che Lei definisca la Sua storia "diversa" da quelle che noi psicologi potremmo aver già sentito... Come mai la Sua storia è diversa? Cosa intendè per "diversa"? Come avrebbe voluto che fosse la Sua storia?
Un'altro aspetto che mi colpiva è l'idea, da Lei più volte sottolineata, del Rispetto verso se stesso: Se Lei agisse nei confronti della Sua ex ragazza in linea con Rispetto verso se stesso, qual è la prima cosa che potrebbe fare? E questo che effetto avrebbe sulla Sua vita?

Rimango a disposizione qualora volesse rispondere alle mie domande e condividere con me le Sue riflessioni.

In bocca al lupo
Dr.Luigi Frezza, lo psicologo delle storie

Studio di Psicologia del dott. Luigi Frezza Psicologo a Battipaglia

33 Risposte

32 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15200

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte