Lasciare o continuare medicina?

Inviata da Stefania · 26 mar 2018 Orientamento scolastico

Buongiorno.
Sono una studentessa di 22 anni di medicina del secondo anno.
Medicina era sempre stato il mio sogno fin da bambina. Alle superiori non facevo altro che ripetere a tutti che sarei diventata medico, che solo così sarei stata felice.
Ho frequentato il liceo scientifico e sono sempre andata molto bene, la migliore della mia classe. Il primo anno ho tentato il test per medicina ma non sono riuscita ad entrare. Lo sconforto era stato tanto ma mi sono iscritta a Scienze Biologiche in attesa di riprovarci. Quell'anno è andato molto bene, prendevo voti altissimi (avevo la media del 29,5) e c'è stato anche un momento in cui mi ero detta che se anche non avessi passato il test avrei potuto continuare per quella strada. Il test poi l'ho passato e adesso sono studentessa fuori sede a Genova.
Il primo anno è andato liscio anche se ho incontrato difficoltà di ansia in anatomia 2 anche se poi l'ho passato alla prima volta. Questa cosa mi aveva dato carica e spinto a studiare ancora di più per alzare i voti. Tuttavia lo scorso semestre mi sono bloccata su anatomia 3 (sistema nervoso ed endocrino). Vuoi per il terrore della prof che a detta di tutti è molto severa, vuoi per la mole di cose da studiare (sebbene mi semrbassero inferiore alla 2). A una settimana dall'esame mi sembrava di non ricordare assolutamente nulla e mi è partito il panico. Ho deciso di rimandarlo di due settimane ma poi è successo lo stesso e ho rinunciato di nuovo. Ho attribuito il tutto a uno sbagliato metodo di studio (forse ho perso troppo tempo a schematizzare?) e ho deciso di provare a studiare Fisiologia per dare almeno un esame e per ritrovare un po' di sicurezza. È andata peggio. La mole di studio nel mio stato un po' precario e stanco mi sembrava enorme e ho perso tempo ad ansiarmi. Ho provato lo scritto prima dell'orale ma come immaginavo non è andata bene. Tirando i conti ho perso un semestre.
È iniziato così a sorgere un dubbio in me (mentre preparavo genetica, un esame molto più leggero che devo dare a breve): e se non fossi portata per diventare medico? O meglio se avessi idealizzato troppo l'idea del mestiere, l'idea di aiutare gli altri senza soffermarmi su cosa significasse veramente, su quanti sacrifici costa.
Così ho iniziato a pensare che forse ho sbagliato tutto, che questa mia "vocazione" sia in realtà un'illusione.
Come alternativa avevo pensato a psicologia, come materie mi hanno sempre affascinato e anche il lavoro realizzerebbe quella mia parte che vuole aiutare gli altri. Oltre al fatto che avrei più tempo per me. Però sarei indietro di 3 anni e, da quello che dicono tutti, trovare lavoro poi è molto difficile.
L'alternativa sarebbe finire biologia anche se non saprei poi cosa fare come mestiere.
Come capire qual'è la mia strada? Se questa crisi è solo il classico "blocco di studio" oppure se è qualcosa di più profondo? Come fare a prendere una decisione di cui poi non pentirsene?
Se cambiassi tutti penserebbero che sono scappata, che ho fallito e non ce l'ho fatta.

Sono veramente in dubbio...
Grazie in anticipo per qualsiasi risposta!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 MAR 2018

Buongiorno Stefania
dalle sue parole sembra emergere ansia da prestazione, forse ingenerata nello specifico sia dalla difficoltà dell'esame che dalla severità dell'insegnante.
La sensazione di incapacità è stata generalizzata, dapprima agli esami e poi alla facoltà stessa.
Le consiglio di concedersi una breve percorso psicologico, che possa ridurre la sua ansia, liberarla da eventuali sensi di fallimento e portarla a decidere con serenità e criticità il suo futuro.
Un caro saluto
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1356 Risposte

1205 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 MAR 2018

Gent.ma Stefania,
per capire se si tratta del blocco di studio oppure se è qualcosa di più profondo dovresti riflettere se quello che stai facendo ti piace ancora, se ti appassiona ancora. Cerca di capire se è la paura degli esami che ti sta bloccando o se invece medicina non è la tua vera propensione.
Inoltre rifletti anche sull'ultima frase che hai scritto: "Se cambiassi tutti penserebbero che sono scappata, che ho fallito e non ce l'ho fatta". Ricorda che la vita è la tua, e tue sono le scelte che ti permetteranno di vivere una vita serena e felice.
Infine, se da sola non riesci a svincolarti da questo dubbio, che potrebbe essere momentaneo, potrai rivolgerti ad uno psicoterapeuta che ti guiderà alla ricerca delle risposte.
Cordialmente,
Dr.ssa Heyra Del Ponte
Psicologa e Psicoterapeuta

Heyra Del Ponte Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Pescara

69 Risposte

42 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 MAR 2018

Carissima Stefania,
La rassicuro immediatamente sulla sua attuale condizione, dicendole che risulta molte comune nei giovani della sua età. Rispetto a ciò che scrive, posso suggerirle che, se non prima parte da se stessa e da ciò che desidera fare, in base ai suoi gusti personali, ogni scelta la sembrerà sbagliata. Noi, come esseri umani, costantemente facciamo delle scelte: a volte lo facciamo in fretta (es. cosa indossare la mattina), altre più lentamente (scegliere il corso di laurea) ma il meccanismo è lo stesso. Se sta vivendo un "blocco" un motivo ci sarà. Ancora non sa quale, ma con il sostegno di un psicologo, magari esperto in orientamento, potrà essere più serena e decidere cosa fare. Nell'incertezza le sembrerà tutto sbagliato..
In bocca al lupo, resto a sua disposizione.
Un caro saluto.
Dott.ssa Gabriella Ruggeri (Messina)

Dott.ssa Gabriella Ruggeri Psicologo a Messina

59 Risposte

73 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16600

psicologi

domande 22950

domande

Risposte 84300

Risposte