Lasciare l'università al primo anno?

Inviata da Anonimo · 18 gen 2017 Orientamento scolastico

Salve a tutti,
sono una ragazza di 19 anni, mi sono iscritta all'università consapevole di non avere delle buone basi e quindi partire abbastanza svantaggiata.
Ho iniziato a lavorare a 16 anni e ho fatto lavori sempre abbastanza stancanti e faticosi (lavapiatti, cameriera, barista, aiuto chef). Non mi piace per niente rimanere nell'ignoranza e forse è per questo che ho deciso di iscrivermi appunto all'università, ma mi sono resa conto che non fa per me. Ora sono molto confusa, in quanto mollare tutto significherebbe deludere i miei genitori e sentirsi dire da altre persone che sono ''una fallita''. Abbandonare significherebbe anche ritornare a fare la barista, ma non è quello che voglio fare per tutta la vita. Sto veramente male, non riesco a decidere cosa fare, ho una confusione in testa assurda.
I miei genitori hanno investito su di me e ora mollo e li deludo così?!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 GEN 2017

Cara Anonima,
parla come se il suo successo, la stima di sé e il suo valore dipendessero esclusivamente dalla buona riuscita all'università.
In questo senso la sua paura di deludere e precipitare in una dolorosa sensazione di fallimento sono comprensibili.
Come mai tutto ciò è così importante? Quanto la limita nelle sue scelte?
Forse le possibilità che ha a disposizione possono essere ben più ampie che laurearsi nel corso che ha scelto attualmente o fare la barista.
Valuti anche la possibilità di un lavoro psicologico personale per elaborare queste questioni, qualora le ritenesse utili per sé.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Dott.ssa Annalisa Anni Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

505 Risposte

925 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GEN 2017

Cara Anonimo,

quello che ci muove nella vita e ci porta a raggiungere i nostri obiettivi è la motivazione. Senza di essa tutto ci sembra difficile, pesante, faticoso. Ho l'impressione che tu abbia ben chiaro ciò che non vuoi fare e un pò meno quello che vuoi fare. Allora concentrati su questa seconda parte, provando a lasciar perdere per un attimo le attese che gli altri hanno su di te. Magari puoi rivolgerti ad uno sportello per l'orientamento scolastico e professionale in università o nella tua città. Potresti scoprire, ad esempio nuovi interessi cambiando indirizzo di studi o iscrivendoti ad un corso post-diploma. Come potresti pensarti in una professione che sia per te appagante e redditizia diversa da quelle di cui hai fatto esperienza fino ad ora. IL mio consiglio è di partire da qui. Magari con il supporto di un servizio di orientamento. Prova.
In bocca al lupo per il tuo futuro.

D.ssa Daniela Sirtori Psicologo a Villasanta

246 Risposte

220 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GEN 2017

Cara ragazza,
la prima cosa che ho pensato leggendo la tua mail è: una ragazza che lavora già da quando aveva 16 anni, che si mette alla prova e si iscrive all'università (e lo fa anche per motivi importanti e profondi), una ragazza consapevole di se stessa e (magari) dei propri limiti...come potrebbe essere considerata una fallita?!?!?
Io credo che tu abbia tutta la maturità e la forza per prendere in mano la tua vita e trovare la strada giusta per te! (e non deve essere per forza quella che scelgono molti come l'università) Se riuscirai a fare questo, a seguire le tue propensioni (e non quelle che magari si aspettano gli altri) non credo potrà esserci delusione perché l'obiettivo più grande è essere felici e soddisfatti di se stessi e della propria vita.
Forse potrebbe aiutarti fare un percorso di consulenza psicologica che ti aiuti a prendere consapevolezza che riflettere sulle possibili strade e capire cosa non fa per noi non significa mollare, e che ti aiuti a focalizzarti su quello che senti vorresti tu per la tua vita.
Ti faccio un grande in bocca al lupo, se avessi bisogno di qualcos'altro sarei felice di aiutarmi.
Un caro saluto
Dott.ssa Capuano Maria Concetta (Padova e Verona)

Dott.ssa Capuano Maria Concetta Psicologo a Padova

79 Risposte

135 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GEN 2017

Gentile ragazza,
sicuramente un tuo problema è quello di avere una autostima molto bassa e allo stesso tempo quello di sopravvalutare le capacità altrui.
Se vuoi davvero migliorare la tua cultura e la tua vita sperando di raggiungere anche un obbiettivo lavorativo futuro più gratificante ed in linea con gli studi che vorresti fare, è evidente che ti devi impegnare credendo di più in te stessa senza scoraggiarti e senza mollare alle prime difficoltà.
Se tu per prima non credi in te stessa non potranno farlo gli altri.
Tuttavia, per uscire dalla confusione ed acquisire un livello di autostima più elevato può esserti molto utile un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7180 Risposte

20396 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GEN 2017

Carissima,

ogni inizio e ogni sfida ha in sè una dose di fatica e di rischio di non farcela. Forse, per la tua storia, stai incontrando più difficoltà del previsto nell'affrontare l'università. preoccuparsi anche di deludere i tuoi genitori non fa che accrescere la tua ansia e consolidare la convinzione di essere una fallita. Cercare di ottenere l'amore e l'ammirazione dei genitori, anche andando contro i propri desideri, è un atteggiamento molto comune, è il retaggio del bambino che si è stati e che cercava in tutti i modi di non perdere l'amore delle persone fondamentali per la propria vita. Una volta adulti, però, questo può allontanarci dai nostri obiettivi e impedirci di diventare la persona che vogliamo essere. La cosa davvero importante e su cui devi fare chiarezza è quello che vuoi veramente tu. Per fare questo devi capire quali sono i tuoi talenti e le tue aspirazioni, cosa ti rende davvero felice e soddisfatta. Questo è molto difficile se i sensi di colpa e la paura del giudizio degli altri continuano a dominare i tuoi pensieri. Per questo ti consiglio di farti aiutare in un percorso di consulenza a capire quello che vuoi veramente e a compiere la scelta giusta. Quello che ti sto suggerendo può sembrarti troppo doloroso o difficile, ma sono certa che ti aiuterà moltissimo a trovare la tua strada e ad essere felice.
Ti auguro un futuro radioso!

Dott.ssa Chiara Ostini Milano

Dott.ssa Chiara Ostini Psicologo a Milano

93 Risposte

157 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25600

domande

Risposte 90200

Risposte