Lasciare la casa a seguito di crisi matrimoniale

Inviata da Marco. 13 mar 2018 4 Risposte  · Terapia di coppia

Buongiorno,
a seguito di una crisi da parte di mia moglie, che ha messo in totale discussione il nostro matrimonio, sono fortemente indeciso se lasciare casa e prendermi dello spazio per riflettere (e di conseguenza permettere anche a lei di farlo) oppure no.. I miei dubbi sono principalmente riferiti alla presenza di una figlia di 9 anni che ne soffrirebbe molto in quanto bambina sensibile e molto attaccata a me. Anche mia moglie mi ha chiesto di rimanere per tutelare nostra figlia e per permettere anche a lei di capire, nel frattempo, come uscire da questa situazione. Per me la convivenza è molto difficile in quanto lei si dimostra distaccata e poco incline ad un rapporto di coppia anche nella normale quotidianità. Ormai sono circa due mesi che perdura la situazione ed io sono molto stanco e stressato perché non riesco a capire quale direzione ha intenzione di prendere mia moglie. Ho anche paura di uscire di casa, onestamente, perché non vorrei dare una spallata definitiva al nostro rapporto prendendo una decisione troppo drastica. Verrei fortemente deluso se non mi richiamasse...La mia sensazione è che il rapporto, rimanendo in questo limbo di indecisione, piano piano si logori naturalmente fino a finire da solo...

paura , rapporto , riesco , crisi , capire

Miglior risposta

Gentile Marco,
dal momento che lei ha avuto la sensibilità e l'iniziativa di chiedere un parere professionale su questo sito, sarebbe opportuno approfondire le dinamiche che hanno portato a questa crisi coniugale in un percorso di psicoterapia di coppia che lei può proporre a sua moglie.
D'altra parte, lei sembra comprendere che questa situazione di stallo non è comunque funzionale e va in qualche modo sbloccata.
Qualora sua moglie non si dovesse mostrare disponibile ad accogliere le sue argomentazioni in merito, lei può ugualmente giovarsi di un percorso individuale che le consentirà di procedere in modo non distruttivo ma costruttivo verso una soluzione possibile del problema.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Marco,
Mi dispiace per la situazione...lei sembra tenere a tale relazione, per tale motivo tenti di proporre alla moglie un percorso di coppia senza lasciar passare altro tempo. In caso di diniego acceda personalmente ad un percorso per individuare strategie di problem solving e stare meglio. Resto a disposizione per qualsiasi informazione
Cordialmente
Dott.ssa Donatella Costa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

15 MAR 2018

Logo Dott.ssa Donatella Costa Dott.ssa Donatella Costa

1870 Risposte

1677 voti positivi

Caro Marco, comprendo la profonda indecisione sul da farsi, ancora di piû per il timore di ferire la bambina. Sembra ci sia da un lato la tendenza a voler lasciare tutto immutato sperando che le cose si aggiustino da sole, dall'altro il bisogno di fare qualcosa, magari anche di andare via per un pó per smuovere un pó le acque. Da come parla di sua moglie mi sembra che l'indecisione sia da parte di entrambi, e che sua moglie non sia sicura di cosa prova per lei. Penso che una psicoterapia di coppia possa essere fondamentale in questo momento di crisi, perché puó aiutare entrambi a fare chiarezza su voi stessi e la vostra relazione, favorendo soprattutto una comunicazione piú aperta e costruttiva. Un grosso augurio per la vostra vita, dott.ssa Daniela Cannisträ.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

14 MAR 2018

Logo Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta

580 Risposte

200 voti positivi

Gentile Marco,
lo stato di indecisione e insicurezza che si trova ad affrontare è più che comprensibile vista la situazione che sta vivendo. È anche comprensibile come in questo momento il benessere di sua figlia sia la sua principale preoccupazione, la invito però a riflettere a come questa parvenza di normalità che insieme a sua moglie si sta impegnando a conservare, possa in realtà ledere il benessere di vostra figlia che comunque potrebbe risentire delle vostre dinamiche relazionali. Ciò che mi sento di consigliarle è di agire per poter fare chiarezza, e intraprendere un percorso che la porti ad una maggiore e funzionale consapevolezza. A tale fine, potrebbe cercare di intraprendere insieme a sua moglie una terapia di coppia, o in ogni caso, se questo non fosse possibile, le consiglio di rivolgersi personalmente ad uno Psicoterapeuta della sua zona per poter meglio analizzare i suoi vissuti.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

13 MAR 2018

Logo Dott. Damiano Colamonico Dott. Damiano Colamonico

644 Risposte

1088 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Crisi matrimoniale dopo 25 anni

8 Risposte, Ultima risposta il 14 Ottobre 2017

Crisi matrimoniale: prova di separazione

5 Risposte, Ultima risposta il 09 Aprile 2015

Crisi matrimoniale consiglio su come agire

11 Risposte, Ultima risposta il 30 Novembre 2012

Crisi matrimoniale, che fare?

7 Risposte, Ultima risposta il 15 Dicembre 2014

crisi matrimoniale

6 Risposte, Ultima risposta il 24 Ottobre 2017

Crisi matrimoniale, che fare? II parte

4 Risposte, Ultima risposta il 16 Dicembre 2014

Seguito di incoerenza o insicurezza

3 Risposte, Ultima risposta il 25 Febbraio 2015