Lasciare il quinto causa malessere e ansia ?

Inviata da Benedetta · 21 feb 2017 Disturbi Alimentari

Sono una ragazza di 18 anni, sto facendo il quinto anno di ragioneria, è da parecchi mesi che mi passa per la testa l'idea di mollare tutto, sono indietro con lo studio, ho avuto problemi con dei DCA (disturbi del comportamento alimentare), ho poca autostima e tutto ciò mi porta stress, vivo la scuola e il dover studiare con malessere; cerco di non far accumulare lo studio ma puntualmente non ci riesco e tutto ciò mi crea tanta ansia ! Ho pensato molte volte che avrei potuto lasciare e poi recuperare L'anno in una scuola privata quando sarò più pronta e matura (anche se mio padre non sarà mai e poi mai d'accordo?)..sarebbe una cosa molto sciocca ?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 2 MAR 2017

Cara Benedetta,
è comprensibile che la prima soluzione immaginata sia quella di evitare la situazione che ti genera ansia e stress, ma non è detto che sia l'unica. Hai parlato di dca, che frequentemente hanno una base ansiogena, ma hai seguito un percorso per uscirne? Credo che, prima di prendere qualsiasi decisione, dovresti rivolgerti di persona ad uno/a psicoterapeuta, potrà aiutarti a capire qual è il reale motivo della tua ansia e potenziare le tue risorse personali, in moda da sentirti più sicura nella gestione dell'ansia e dello stress, senza, per forza, dover abbandonare l'anno scolastico.

Un caro saluto,
Dott.ssa Monica Palla
psicologa psicoterapeuta
Pisa

Dott.ssa Monica Palla Psicologo a Pisa

58 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 FEB 2017

Perdere un'anno di scuola non è grave, rinunciare lo è di più.
Dalla tua lettera si intuiscono alcune cose, ma molte non sono chiare, ad esempio: ne hai davvero parlato con tuo padre? e tanto per essere indiscreta, perchè non nomini tua mamma?
Veniamo alla scuola.
Ho una bimba di 12 anni che fa la 1 media. Mi ricordo quando facevo io le medie si studiava, ma c'era anche tempo per giocare, guardare la tv, parlare con gli amici, insomma la mente poteva staccare. Ora già dalle elementari è tutto un dovere. Te lo dico per farti capire che non sei sola nel tuo modo di sentire e di vivere la scuola con le sue difficoltà, stress e ansie.
Per questo ti dico anche che perdere un anno non conta nulla, ma riuscire a vincere le proprie difficoltà, affrontare le sfide e superarle, da una grande gioia ed energia. Non so come sono i tuoi voti, ma il 2° quadrimestre è iniziato ora e tutto si resetta. Provaci, iniziando da poco, magari impegnati, ma seriamente per 2 ore al giorno, concentrandoti su uno o due materie e magari stupisci i professori offrendoti volontaria alle interrogazioni... mancano solo 3 mesi alla fine della scuola, puoi farcela!

Dott.ssa Guidoni Lucia Psicologo a Pistoia

24 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 FEB 2017

Cara Benedetta, è possibile che arrivati all'ultimo anno di scuola, subentri una specie di "paura", anche se inconscia, di dover finalmente entrare nel mondo del lavoro e misurarsi con gli eventuali ostacoli e difficoltà della vita, non piu tra le quattro mura di una scuola. E' possibile anche - ma sto solo facendo delle ipotesi - che quando hai scelto l'Istituto Tecnico, ti l'abbia fatto come la maggior parte dei ragazzi fa a 14 anni: con incertezza, con la speranza di scegliere per il meglio ma ancora senza avere le idee chiare sul proprio futuro lavorativo. E' possibile quindi che le materie non ti siano del tutto consone? che vorresti fare altro nella vita che l'impiegata o la contabile o cose simili? è possibile che ti senti arrivata alla resa dei conti e il futuro ti crei ansia.
A mio parere dovresti analizzare veramente cosa vuoi dal tuo futuro, quali sono le tue speranze e i tuoi sogni, se ti sei sentita spinta a frequentare questo indirizzo scolastico da pressioni familiari o per seguire le amiche....insomma, un po' di analisi di te stessa di puo' aiutare a capire i motivi del tuo attuale malessere. Nel caso continui ad annaspare rivolgiti a uno /a psicologo/a che ti dia una mano con un paio di incontri a fare luce in te stessa.
Se sei sempre andata bene a scuola ci sarà pure un motivo per cui quest'anno ti senti demotivata, non credi?
Se hai bisogno scrivi pure ancora, dopo aver provato ad analizzare un po' cosa senti dentro di te e come ti vedi nella tua vita futura.
Dott.ssa Paola Federici, Psicologa Psicoterapeuta - Consigliere di orientamento scolastico e psicopedagogico
Riceve a Binasco (Milano)

Centro Psicologico della Dott.ssa Paola Federici Psicologo a Binasco

111 Risposte

52 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 FEB 2017

Ciao Benedetta,
Non è insolito pensare di mollare a ridosso di un traguardo, ti invito a pensare peró alla soddisfazione che proveresti se invece di mollare lo supererai.
Certo non deve essere semplice per te in questo momento concentrarti sullo studio mentre affronti i disturbi alimentari e l ansia, è come se non riuscissi a controllare piú niente.
Prova a viverti la scuola come un esperienza leggera che non comprende solo lo studio, ma è anche un luogo dove stare con gli amici. Nel caso pensassi di non farcela da sola rivolgiti ad uno psicoterapeuta che ti aiuterà a contenere l ansia e la tua insicurezza
Un caro saluto

Dottoressa Rosa Ranieri Psicologo a Bari

68 Risposte

25 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 FEB 2017

Dr.ssa Federica Noviello
Psicologa clinica

Dott.ssa Federica Noviello Psicologo a Pavia

4 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 FEB 2017

Cara Benedetta,

Ciascuno di noi prima o poi nella vita si trova ad affrontare momenti di difficoltà, a volte queste sembrano insormontabili (forse più per noi stessi che per la situazione in se) ma ciò ci tiene bloccati come se ci immobilizzassimo di fronte a cose che sembrano più grandi di noi.
Sei vicino a un traguardo importante e questo spaventa, ma mollare tutto in questo momento, potrebbe risultare controproducente a posteriori.
Chi non tentenna di fronte a un traguardo importante della vita?
Ricordati che non potremo mai essere certi dell'esito degli eventi che la vita ci pone davanti, ma ciò che è certo per noi é che siamo padroni di noi stessi nel dare il massimo e, per farlo, abbiamo bisogno di credere in noi. E quando lo facciamo, la gratificazione che ne deriva é piú forte di tutto (anche dell'esito stesso).
Se questo é ciò che manca in questo momento, considera l'idea di fare un percorso con questo obiettivo (informandoti bene su chi ha la competenza che fa al caso tuo, che possa darti strumenti pratici per ottenere risultati in tempi brevi).
Datti una chance,ce la farai ne sono sicura!

Dott.ssa Federica Noviello Psicologo a Pavia

4 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Altre domande su Disturbi Alimentari

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16850

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85750

Risposte