L'ansia sociale può essere curata anche se sono decorsi molti anni?

Inviata da alex112 · 30 mar 2021

Buongiorno a tutti, mi chiamo Alessandro e sono uno studente universitario di 23 anni. Attualmente, sto passando un momento angosciante della mia vita, in particolare ora visto che sto realizzando il fatto di avere dei problemi derivanti da quella che viene chiamata ansia sociale.
Parto nel dire che fino a 5 anni fa ero una persona solare, mi piaceva molto socializzare con altre persone e mi "divertiva" il fatto di essere alcune volte al centro dell'attenzione e far ridere i miei amici, anche grazie a questo venivo apprezzato.
All'arrivare dei 17 anni però, mi sono ritrovato di fronte ad un lungo percorso di declino; ho iniziato a soffrire d'ansia fino ad avere dei problemi di insonnia. Grazie alla comprensione di mia madre, mi sono recato da uno psicologo che mi ha aiutato a gestire questi momenti attraverso degli esercizi di respirazione (non ricordo come si chiamasse questo tipo di esercizio). Tuttavia, l'ansia non sono riuscita a superarla completamente, tant'è che anche quando uscivo con i miei compagni ero così preso da questa situazione che mi stava accadendo (anche se si presentava come una cosa apparentemente stupida) che pian piano non ero più la stessa persona, non avevo voglia di parlare, ero molto passivo e loro me lo facevano notare (dicendomelo anche in maniera tranquilla). Con il tempo sembra che questa situazione non sia più migliorata anzi, questa passività si è trasformata in ansia sociale che mi porto dietro da 4/5 anni più o meno.
Adesso sento la necessità di ritornare come un tempo, ho voglia di ritornare ad essere il me stesso di un tempo, autoironico, spigliato e con la voglia di conoscere nuove persone, ma purtroppo è come se mi sentissi chiuso in una bolla, la mia "confort zone", in cui mi rimane enormemente difficile essere me stesso, spontaneo; infatti quando parlo con nuove persone (o anche vecchie conoscenze) do' l'impressione che io non abbia voglia di dialogare, non risulto essere simpatico e sono dominato da comportamenti irrazionali, ad esempio distolgo lo sguardo dalle persone ed altre cose che mi forzano a non intraprendere un discorso di più di 2 minuti con una persona (di sesso maschile ovviamente, con quelle di sesso femminile neanche 10 secondi).
Adesso sono passati un po' di anni dal presentarsi di questo problema, ma sono stanco, ho una voglia irrefrenabile di tornare ad essere come prima, di amare me stesso e riempire le mie insicurezze socializzando e perchè no, conoscere anche una ragazza.
Solo che la mia preoccupazione è il tempo decorso.. ho paura che tutto questo tempo abbia "cristallizzato" questo mio comportamento ed ho una gran paura di non tornare ad essere la persona di una volta, per questo volevo chiedere cosa ne pensaste voi a riguardo (ovviamente sto cercando nel frattempo anche uno/a psicologo/a.
Vi ringrazio in anticipo per le eventuali risposte!!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 31 MAR 2021

Buongiorno Alessandro,
Ha descritto molto bene quello che le succede e questo mi dice che la capacità di relazionarsi è conservata.
Verso i 17 anni per tutti arriva una svolta epocale nella vita: si cerca e, dopo alcuni anni si trova, la propria identità adulta. Non è cosa da poco!!!
Forse lei ha intuito la portata di questo momento e si è come fermato per paura. Per il momento adotta una strategia che lei chiama ‘passiva’ ma si può anche chiamare ‘di attesa’.
Fortunatamente lei è ora nell’età migliore in cui un’adeguata terapia psicoanalitica secondo me ha la possibilità di fare evolvere.
Senza stravolgere. Non può tornare quello di prima, non può tornare bambino. Può evolversi verso quell’uomo che è destinato ad diventare .
Anche con le ragazze.
Dr G. Gibellini

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Carpi

373 Risposte

261 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 APR 2021

Gentile Alessandro, ho letto attentamente quanto ha riportato rispetto alla sua situazione e al suo disagio personale e relazionale. Comprendo che quattro o cinque anni in cui si sente bloccato, come in una bolla, come dice, le sembri un tempo lungo e teme in una cronicizzazione del suo problema, ma le assicuro che può arrivare a darsi una spiegazione, ad inquadrare meglio quello che vive e come mai si è manifestato, e a sentirlo non più come qualcosa che le è piombato addosso all'improvviso senza una ragione apparente. Il mio modello di riferimento sistemico-relazionale simbolico esperienziale vuole andare a ricostruire non solo la sua storia personale ma anche familiare e intergenerazionale per ritrovare un senso al cosiddetto sintomo che manifesta. Trovando il giusto terapeuta e costruendo una buona alleanza terapeutica, insieme ad una buona motivazione ad intraprendere un percorso di crescita personale, può sicuramente acquisire fiducia in un cambiamento, con i tempi e i ritmi che saranno necessari per lei. Se vuole parlarne sono disponibile, anche online. In bocca al lupo per le sue scelte. Cordialmente,
dott.ssa Raffaella Ramazzotti
psicologa psicoterapeuta di Ancona

Dott.ssa Raffaella Ramazzotti Psicologo a Ancona

53 Risposte

16 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAR 2021

Salve gentile Alessandro. Inizio dicendole che da ciò che condivide con noi, sembra esserci una solida consapevolezza del suo disagio e del suo sintomo e questo è sicuramente un primo ed essenziale passo verso il cambiamento. Parlo di cambiamento proprio per rispondere alla sua domanda e darle uno spiraglio di luce...con l'aiuto di un professionista può assolutamente riuscire a riprendere in mano la situazione e a tornare piano piano ad essere l'immmagine di quel ragazzo di un tempo che le piaceva tanto!! Certamente il tempo trascorso può aver maggiormente cronicizzato il suo sintomo ma cio significa solo che ci vorrà un pò piu di tempo e pazienza nella strada da percorrere ma non assolutamente che non ci sia nulla da fare, anzi! Siamo sempre in tempo per cambiare e ricominciare se lo vogliamo davvero...ogni problema porta con se una soluzione. Nel suo caso sarebbe bene capire il suo sintomo e tutti i meccanismo che lo hanno innescato, mantenuto e che alimentano il circolo vizioso che si è certamente venuto a creare. Il primo passo è considerare quali siano le credenze disfunzionali che si sono andate ad instaurare, cosi come le emozioni e le sensazioni che accompagnano la sua ansia e i comportamenti protettivi e disfunzionali. Lavorando passo per passo su tutti i livelli che caratterizzano il suo ciclo d'ansia (livello di pensiero, emotivo, corporeo e comportamentale) si può iniziare a romperlo e ad aggiungere tasselli alternativi funzionali. Tutto ciò facendo emergere e tenendo conto delle sue risorse, che in alcuni momenti possono sembrarci inesistenti. Non aspetti troppo ed inizi ora. Consideri anche la possibilità di avvalersi di un percorso psicologico online che in questo periodo può essere una grande risorsa in caso di difficoltà. Spero di averla in parte aiutata. Rimango a disposizione in privato se dovesse averne bisogno. Cordiali saluti, dott.ssa Laura Paniccià

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

98 Risposte

40 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAR 2021

Gentile Alex,
parla dell' ansia come un qualcosa di incurabile. E' molto giovane e ha tante possibilità i fronte a se. Le garantisco che si può tornare a stare bene e a non vivere con preoccupazione ed angoscia lo stare con gli altri.
Serve tuttavia comprendere il messaggio che l'ansia trasporta. C'è sempre un significato dentro le nostre esperienze e il nostro corpo ne è spesso messaggero.
Le consiglio di appoggiarsi dinuovo ad uno psicologo e di credere in se stesso e nella possibilità di farcela. Per quanto riguarda gli esercizi sono sicura che l' aiutassero perché concentrarsi sulla respirazione serve a spostare l' attenzione che abbiamo sul corpo verso altro (il respiro per l'appunto). Serve tuttavia un lavoro più profondo per "guarire".
Se vuole possiamo parlarne meglio e capire la sua storia insieme.

I miei auguri dott.ssa Riso Maria Lucrezia
psicologo psicoterapeuta
specialista in psicoterapia cognitiva e neuropsicologia.

Dott.ssa Maria Lucrezia Riso Psicologo a Padova

59 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAR 2021

Buongiorno Alessandro,
In linea generale, l'orientamento sistemico - relazionale considera il sintomo come un qualcosa di funzionale per una determinata situazione, ad un certo livello "risolve" alcune situazioni familiari o relazionali. Chissà chi ha avvicinato questa ansia e chi ha allontanato, ad esempio. Riguardo la sua domanda finale, non è mai troppo tardi per mettersi in discussione e per avere maggiore consapevolezza del proprio funzionamento, quindi può stare tranquillo! Buona ricerca!
Per ulteriori informazioni, resto a disposizione.
Dott.ssa Antonella Bascià

Dott.ssa Antonella Bascià Psicologo a Milano

108 Risposte

80 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAR 2021

Caro Alessandro, un lavoro psicologico su di sé nel tempo ha proprio l'obiettivo di andare a modificare quegli aspetti Suoi interni che Le causano malessere.
Quindi Le auguro una buona fortuna nell'intraprendere il Suo percorso, e serenità nell'affrontarlo e nel giungere a ciò che desidera.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1416 Risposte

798 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 MAR 2021

Gentile Alex, sento la sua sofferenza e la sua voglia di uscirne, e posso dirle che non è mai troppo tardi!!!
Si approcci con fiducia ad un percorso psicologico di cura del suo disturbo d'ansia e si riappropri della sua vita.
Le auguro ogni bene!

Dr.ssa Erika Conti Psicologo a Savona

61 Risposte

50 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27650

domande

Risposte 95350

Risposte