La terapia non sta funzionanda?

Inviata da Caterina · 14 apr 2015 Orientamento professionale

Salve, ho 29 anni e da circa 6 mesi seguo una terapia non assidua,cioè di 2-3 incontri al mese.Inizialmente stava andando bene ma negli ultimi due mesi sto molto male.Anche dopo la terapia sono ansiosa,ho attacchi d'ansia e no vivo serenamente.Non capisco se sono io o è lo psicoterapeuta che non è abbastanza preparato.L'ultima seduta mi ha deto che sono "malata"..non so se questo è un bene o un male da dire al paziente! Aiuto!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 APR 2015

Gentile Caterina, il percorso terapeutico non è lineare e anche dopo mesi possono presentarsi momenti critici o apparenti regressioni. Ciò non vuole necessariamente dire che il proprio terapeuta non sia preparato, quanto che la propria anima stia richiedendo attenzione attraverso il sintomo. Forse in questo periodo è accaduto qualcosa nella sua vita che l'ha agitata particolarmente o forse in terapia sono state toccate nuove tematiche importanti e delicate.
Cordiali saluti,
Dott.ssa Bottosso

Dott.ssa Eleonora Bottosso Psicologo a Guastalla

27 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 OTT 2015

Buonasera Caterina, come tutti noi terapeuti sappiamo, la psicoterapia è imprevedibile nei suoi effetti. Un terapeuta può utilizzare una terapia di riferimento pedissequamente oppure usare una terapia di riferimento utilizzando tecniche terapeutiche di altre che potrebbero sembrare efficaci in quel singolo caso, o tanti altri esempi, eppure non abbiamo alcuna sicurezza che il nostro lavoro produrrà effetti positivi o anche negativi.Tuttavia, se milioni di persone, tra pazienti e terapeuti, la utilizzano, evidentemente sembra che sia più benigna che iatrogena. Dunque, parli con il suo terapeuta dei propri vissuti, soprattutto dopo essersi sentita etichettata come "malata". Un termine così, fuori contesto, non mi permetto di giudicarlo, però lei si, ha tutte le risorse ed il tempo terapeutico passato per intuire coda volesse dire e, comunque, chiederne spiegazione. Se non la soddisfa, a livello viscerale più che cognitivo, può valutare altre alternative. Capisco che ricominciare una nuova relazione terapeutica possa essere vissuto come pesante, ma ne va della sua qualità di vita
Buona fortuna,
dott.Massimo Bedetti,
Psicologo/Psicoterapeuta Costruttivista Postrazionalista-Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

727 Risposte

1093 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 APR 2015

Cara Caterina
Può accadere che si possa attraversare dei periodi di stallo nella terapia, ritengo importante parlare di questo con il suo terapeuta al fine di trovare una soluzione o una strategia adeguata; allo stesso modo sarà importante parlare del significato malato.

Dott.ssa Rossella Boretti Psicologo a Prato

111 Risposte

102 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 APR 2015

Cara Caterina, le consiglio di parlare con la terapeuta di come si sente durante i colloqui. Inoltre può chiederle qualche spiegazione sul perché ha usato determinate parole.
Facendo chiarezza si scioglieranno dei nodi e il percorso sarà più efficace.
In bocca al lupo!

Dott.ssa Barbara Paolinelli Psicologo a Trento

42 Risposte

36 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 APR 2015

Cara Caterina, come hanno già scritto i colleghi, durante il percorso terapeutico possono verificarsi momenti di stallo o si può avere la percezione di fare dei passi indietro e, sicuramente, sei mesi non sono un tempo sufficiente.. Provi a parlarne con il suo terapeuta e ad esprimergli ciò che sente, anche questo fa parte della terapia.
Un caro saluto
dott.ssa Alessandra Guerrieri

Dott.ssa Alessandra Guerrieri Psicologo a Bergamo

5 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2015

Gentile Caterina, mi dispiace per il suo malessere. Non entro in merito alla sua terapia.. quello che mi sento di dirle è che gli effetti della terapia non sono immediati, c'è bisogno di tempo, di elaborare i contenuti che emergono dalle sedute. Sei mesi sono pochi per poter dire che >. Un caro saluto

Dott.ssa Giuseppina Gaudino Psicologo a Cesena

5 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2015

Gentile Caterina, mi dispiace per il suo malessere. Non entro in merito alla sua terapia.. quello che mi sento di dirle è che gli effetti della terapia non sono immediati, c'è bisogno di tempo, di elaborare i contenuti che emergono dalle sedute. Sei mesi sono pochi per poter dire >. Un caro saluto

Dott.ssa Giuseppina Gaudino Psicologo a Cesena

5 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17600

psicologi

domande 26400

domande

Risposte 91950

Risposte