Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

La mia terapeuta mi invoglia a fumare?

Inviata da Il sigaretto il 20 giu 2015 Smettere di fumare

Sono un ragazzo di 18 anni e la mia terapeuta spesso si fuma pacchetti di sigarette mentre ci sono anch'io (mi chiede sempre prima se mi dia fastidio e io le rispondo di no)
Spesso me ne offre anche ed io rifiuto dato che non voglio rovinarmi la salute e diventare dipendente come sembra esserlo lei... Ma non è un po' diseducativo? Cioè è vero che sono adulto e non un bambino però boh, secondo me non è il massimo, che ne pensate?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Caro Utente,
personalmente non fumerei mai davanti ad un paziente; più che altro lo studio è un luogo "sacro", al pari di qualsiasi altro ambiente sanitario non vi dovrebbe essere del fumo.
Fatta questa premessa del tutto personale, ti consiglio di parlare con la tua terapeuta di questa situazione, esponendole il tuo "fastidio" e il tuo pensiero riguardo al fatto che tale atteggiamento possa essere per te diseducativo.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa - Torino

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

248 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Hai perfettamente ragione: non si fuma in presenza dei pazienti.
Per nessuna ragione.Cordialmente Dott.ssa Babici

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro
che tristezza! Non ci siamo, intanto questa psicologa ti costringe a respirare del fumo passivo che nuoce alla tua salute e inoltre ti da un pessimo esempio, senza considerare che ti offre pure le sigarette, tutto questo svolgendo un ruolo di grande impatto emotivo.
Allora secondo me non è rispetto del paziente e forse nemmeno del codice professionale.
Io fossi in te prenderei coraggio ed esporrei a lei in modo chairo il tuo disagio.
Freud fumava il sigaro e credo anche quando fosse con i pazienti...e in effetti anche lui non era educato, l'abbiamo perdonato per questo...era pure un secolo fa e stava sperimentando; ma oggi no! E' molto chiaro che non va affatto bene!
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6716 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro utente,

la ringrazio per averci posto questo interrogativo. Personalmente credo che proprio perchè spazio e tempo terapeutico, durante la seduta sia importante non fumare, in quanto comportamento di dipendenza da sostanza e poco rispettoso verso il cliente.
Le suggerisco di portare in terapia, senza timori, questo interrogativo.
un caro saluto
Dott. ssa Monica Salvadore

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

838 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Tu hai perfettamente ragione.
Posso comprendere il piacere di una sigaretta, una non dieci. (anch'io fumo)
Ma se il mio paziente non fuma ed ha fastidio mi astengo dal fumare in seduta.
Diglielo e chiedi che rispetti il Tuo disagio. Con simpatia Dr. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

700 Risposte

402 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Personalmente posso dirle che nel mio approccio terapeutico non è proprio contemplata la possibilità di fumare,
salvo in casi particolarissimi. Il mio studio è un luogo in cui si
spende il tempo per poter 'sperimentare' atteggiamenti sani.
Io come gli altri colleghi le consiglio di parlare di queste sue considerazioni con il suo terapeuta in modo da poter avere maggiori chiarimenti.
Spero di esserle stato utile
Dr Ettore Zinzi psicologo psicoterapeuta in Taranto e Palagiano

Dr. Ettore Zinzi Psicologo a Taranto

20 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile utente,
neanch'io, come detto dalla collega mi permetterei mai di fumare in studio, sia perché è uno spazio terapeutico, sia perché esibisco un comportamento di dipendenza fisicamente dannoso anche per gli altri. Detto ciò le chiederei perché se le dà fastidio e lo ritiene diseducativo ha risposto alla sua terapeuta di fumare tranquillamente? Il passo successivo è parlare con la sua terapeuta del fastidio che prova in quanto questo taciuto nuoce alla relazione terapeutica.
Cordiali saluti
Anna Ambiveri

Dott.ssa Anna Ambiveri Psicologo a Torino

64 Risposte

60 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Smettere di fumare

Vedere più psicologi specializzati in Smettere di fumare

Altre domande su Smettere di fumare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77900

Risposte