Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

la mia pigrizia e depressione

Inviata da Anonimo il 28 gen 2019 Depressione

Salve sono un ragazzo di 23 anni.
Non so bene come trasmettere a pieno i miei pensieri tramite un messaggio perciò mi limiterò a raccontare la mia esperienza nel modo più introspettivo possibile.
Fin da piccolo i miei genitori hanno sempre cercato di far nascere in me passioni che fossero per la musica o per lo sport o per gli scout ,inscrivendomi a diverse attività investendo soldi. Tuttavia non ho mai coltivato queste attività in maniera costruttiva. La mia esperienza scolastica elementare (di cui ho stranamente pochissimi ricordi) ,media e superiore è sempre stata caratterizzata da una totale assenza di interesse o impegno per lo studio. Questo mi ha causato molti disguidi coi miei(più o meno intensi/violenti). Oltre al mio già citato scarso impegno nello studio ero un ragazzo fin troppo vivace e alcune volte questa vivacità era motivo di disturbo e fastidio per i miei stessi compagni. Nel periodo delle superiori scelsi un Liceo che differiva da quello tradizionale per l'assenza del latino pensando che sarebbe stato più semplice come percorso di studi. Anche qui studiavo raramente e mi limitavo piuttosto a trovare strade alternative per portare a termine i miei compiti e doveri. In questi periodi la mia vita sociale tuttavia può essere considerata normale, avevo amici ,uscivo ,ma nonostante ciò dentro di me sentivo sempre una certa distanza dalla realtà circostante. A causa di ciò non riuscivo a essere me stesso al 100% o comunque a sentirmi parte integrante di un gruppo. Ciò nonostante sono sempre stato circondato d persone che mi volevano bene e avevano piacere della mia compagnia. Verso gli ultimi anni di liceo ho conosciuto quello che secondo me e secondo i miei genitori è stato ciò che ha dato libero sfogo ai miei difetti più gravi che stanno distruggendo la mia vita ovvero la pigrizia e la depressione. La cosa in questione è tutto ciò che riguarda i videogame (competitivi) e inizialmente il mondo dell'animazione nipponica. Passavo molte ore giocando e preferivo una serata in casa ad una fuori. Finite le superiori mi iscrissi all'università. Frequentai i primi corsi senza perdermi una lezione e arrivato il momento degli esami ebbi un muro di fronte, non avevo studiato consapevolmente e all'università non ci sono seconde vie. Provai a dare 3 esami poi mi fermai. I miei avevano notato che ero triste e non interessato al mio percorso di studi. Così, ingenuamente, mi proposero di poter scegliere un corso alternativo se avessi voluto. Da qui inizia il periodo più brutto della mia vita. Non mi interessavo di nulla non volevo studiare temevo e provavo un senso di avversione verso ogni tipo di lavoro. Passavo tutte le mie giornate in casa avevo reciso ogni contatto coi miei amici. Questo periodo è costellato di liti coi miei molto intense. Non vivevo, sopravvivevo. Stavo male ed ero combattuto: da una parte capivo i loro atteggiamenti dall'altra provavo un forte senso di rabbia dovuta agli scontri e un sentimento che non saprei come meglio descrivere: non volevo che loro fossero fieri di me ( in realtà questo sentimento mi ha sempre caratterizzato e la cosa mi turba molto. Fin da piccolo mi vergognavo qual'ora loro mi vedessero studiare o esercitarmi con la chitarra perchè non volevo che fossero orgogliosi. (Una cosa che ritengo assurda davvero assurda!). Dopo un anno riandai all'università per un solo giorno provavo una sensazione opprimente, asfissiante. Ero in imbarazzo per il tempo perso e nel vedere che i miei compagni di corso avevano già fatto un anno rispetto a me. Non avevo il coraggio di guardare altre alternative, rifiutavo ogni altra possibilità che i miei mi proponevano, volevo solo essere lasciato in pace col mio pc e nient'altro. Dopo il singolo giorno feci una cosa orribile iniziai a prendere in giro mia madre dicendo che avevo ripreso mentre in realtà continuavo a passare il mio tempo senza fare nulla di concreto. Sopprimevo i miei sensi di rimorso con l'idea "quando arriverà il momento della resa dei conti mi suiciderò" così che tutto sarebbe finito. Il sentirmi sempre dire ( e in cuor mio sapevo che forse era vero) che il mio passare tanto tempo sui videogiochi cercando di renderli un qualcosa con cui poter vivere mi impediva di provare realmente a concretizzare le mie attività tramite il partecipare a tornei o il creare video che probabilmente avrebbero potuto darmi un minimo di ingressi e un minimo di motivazione .Ero completamente apatico e disinteressato verso il mondo. Passarono gli anni fino al momento in cui ripresi ad uscire coi miei amici( sorprendentemente avevano sempre cercato di ricontattarmi e di rivedermi in qualche modo), che nel frattempo finivano la triennale. Iniziare ad uscire sempre più spesso fino ad arrivare al punto di voler riprendere in mano la mia vita e di iscrivermi per la seconda volta all'università scegliendo sempre lo stesso percorso( in quanto mi garantisce un lavoro certo al suo termine). Iniziai a frequentare, ovviamente i sentimenti di inferiorità verso i miei colleghi più giovani erano molto presenti ciò nonostante cercavo, insieme ad altre insicurezza,di sopportare. Per qualche mese ho passato sempre meno tempo al pc arrivando al punto di non accenderlo per diversi giorni a volte. Ora dopo aver frequentato le stesse lezioni che frequentai 4 anni fa ho provato a dare un esame fallendo. Sono nuovamente ricaduto ho iniziato a passare le giornate senza studiare seduto al pc a giocare. Tuttavia ora sono consapevole del fatto che "non ho più tempo" e vorrei capire se l'università è un qualcosa che per me è impossibile da affrontare. Tuttavia se ciò fosse vero non so cosa fare, non riesco a vedere una via di uscita e se non dovessi riuscire a riprendermi non ho intenzione di causare altri problemi alla mia famiglia, Non voglio neanche svegliarmi un domani con un lavoro precario che non mi permetta neanche di avere una famiglia. Non so davvero come rimediare che strade posso scegliere o come disciplinare me stesso per poter realizzarmi nella vita. Non so cosa cerco o cosa ho bisogno di sentirmi dire, in cuor mio so che ciò che ho scritto non sono altro che problemi infantili rispetto a quelli che altre persone potrebbero avere.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno a te
Cio che racconti ha uno spettro molto ampio di possibilità di definizione che non escludono difficoltà di tipo biologico. Ti inviterei ad approfondire la tua situazione con un terapeuta formato per la diagnosi del disturbo ADHD, un distrubo dell'apprendimento che coinvolge ogni area del comportamento e della relazione sin dall'infanzia e che è legato ad una disfunzione della distribuzione della dopamina a livello cerebrale.
L'intelligenza è spesso al di sopra della media ma le difficoltà legate all'attenzione ed alla gestione del comportamento impediscono spesso il raggiungimento di un rendimento elevato a livello scolastico.
Inoltre ti inviterei a fare un mineralogramma, un analisi del capello, onde verificare la tua condizione minerale e vitaminica. Alcuni minerali in particolare sono coinvolti nella gestione del tono dell'umore e nella propensione all'attività.
In concomitanza potrai verificare con il terapeuta scelto la tua situazione di difficoltà portando in un contesto specifico ciò che ti accade e trovando modalità più adattive di definizione e rilettura di ciò che ti sta accadendo.
Non mi addentro oltre in quanto sarebbe necessaria un indagine più approfondita e che tenga conto di quanto ti ho indicato per poter impostare un lavoro ben fatto.
Sono certa tu abbia gli strumenti per affrontare questa situazione, li leggo tra le righe, la rassegnazione e l'apatia li coprono come un velo di polvere ma se si toglie la superficie che ne impedisce l'emersione so che saprai mettere a frutto ciò che sei.
Se hai piacere tienimi informata delle tue scelte
Laura Gaido

Dott.ssa Laura Gaido Psicologo a Grugliasco

65 Risposte

43 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Anonimo 641,
ho letto la tua storia e hai raccontato davvero molte cose.
Oltre a tanti episodi che ti hanno causato sofferenza, hai anche tante domande e dubbi a cui stai cercando risposta. Chi consiglierei di iniziare un percorso e provare, come prima cosa, a mettere a posto quello che ti è successo e cercare di arrivare a una comprensione.

Saluti,
Elena Lucchetti

Dott.ssa Elena Lucchetti Psicologo a Camaiore

3 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile utente (visto che ha timore persino di mettere un nickname!), lei scrive con molta proprietà di linguaggio, seppur con qualche errorino. Ho motivo di pensare che il suo livello cognitivo sia più che adeguato. Perché vede: la depressione non è un difetto, ma un disturbo psicopatologico. Anche la "pigrizia" per noi non esiste, nel senso che può essere declinata in vari modi: demotivazione, disinteresse, noia, mancanza di stimoli, senso di impotenza, e così via. Occorre anche non scartare il fatto che potrebbe non essere in perfetta forma, ad esempio soffrire di una lieve insufficienza tiroidea. Cosa probabile, se passa le giornate in perfetta sedentarietà! In altre parole, per noi i giudizi sono inutili. E' molto più produttivo effettuare una diagnosi precisa, che ponga in luce i suoi elementi di forza e di debolezza. Per questo le consiglio vivamente di rivolgersi ad un/una nostra Collega per fare il punto preciso della situazione. Potrebbe essere anche molto utile un orientamento professionale, che valuti, tra le varie cose, le sue capacità di attenzione, concentrazione e resistenza allo stress. Colpevolizzarsi è totalmente errato, ma anche perdere altro tempo. E' del tutto evidente (mi perdoni la crudezza) che lei non riesce da solo ad uscire da questo stato. Un cordiale saluto.
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

875 Risposte

359 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
il suo scritto è denso di un disagio psicologico, che mi sembra dura da tempo e che la invalidano sempre più. Ciò che è abituato a definire pigrizia iniziale è diventata depressione, dipendenza dal gioco, incapacità a portare avanti i suoi obbiettivi (e forse questi obbiettivi non sono chiari) sino al senso di inferiorità che emerge nel confronto con gli altri. Proverei a dare importanza a quello che la riguarda e chiedere un aiuto psicoterapeutico per conoscere se stesso, credo l’aiuterebbe a dare un nome e un significato a tutto.
Disponibile per approfondimenti.
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia Milano

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

306 Risposte

84 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
pigrizia e depressione non sono difetti. Se lei li sente tali forse qualcosa nel la sua cultura personale e familiare andrebbe analizzata e compreso meglio cosa abbia per lei significato sentirsi irrequieto, iperattivo e incostante.
Di depressione ne esistono di vari tipi. È comunque sempre un rafforzato senso di inferiorità. La pigrizia sottende altri sentimenti come la rabbia, tristezza i sentimenti di inadeguatezza e pertanto è una difesa che si manifesta in comportamenti di evitamento . Questi ultimi possono sembrare utili ma in realtà tendono a comportamenti inutili per l'adattamento personale. La pigrizia non è pertanto una patologia. Il complesso di inferiorità da cui può originarsi invece si.
Una indicazione di possibili dinamiche avvilenti lei le descrive quando spiega come facesse tante attività da bambino senza però sentirne nessuna come una propria scelta appassionante.

Le consiglio di cercare una consulenza da un collega per prevenire ulteriori rafforzamenti di elementi ansioso depressivi del suo stilei vita.

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

225 Risposte

73 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20700

domande

Risposte 80350

Risposte