La mia partner desidera il suo psicoterapeuta. Ha senso mantenere la relazione?

Inviata da Mik1520 · 28 gen 2020 Psicoterapia

Salve, ho 27 anni e sono fidanzato con una ragazza di 23 anni. La mia ragazza soffre di ansia, e in numerose situazioni le sono stato vicino. Stiamo insieme da quasi 5 anni. Nonostante ciò mi ha confessato che ha una cotta per il suo terapeuta (esclude il transfert dopo averne parlato con lui). Lei prova attrazione fisica per lui e lui (mi ha riferito lei) ricambia. Sono attratti sessualmente l’uno dall’altra. Secondo lei l’amore che prova per me è una cosa, il sesso è un’altra. Non esclude che possa finire a letto con il terapeuta. Mi ha anche riferito che è interessata all’idea di relazione aperta.

Cose ne pensate? Credete che io debba dare per finita la relazione oppure fare finta di niente?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 GEN 2020

Buongiorno Mik,
di certo la sua situazione che descrive pare quantomeno strana, se non del tutto inappropriata. Prendiamo per buono che si tratti di qualcosa che la sua ragazza le abbia riferito come vero , sebbene possa anche essere possibile che si tratti di fantasie e desideri.
Gli "innamoramenti" tra paziente e terapeuta sono all'ordine del giorno, e possiedono una loro sensatezza in quanto non agiti e analizzati insieme nell'ottica di spinte perlopiù inconsapevoli all'interno di una relazione molto specifica che per essere efficace deve mantenere confini solidi. Mi sento di affermare che tutte le infatuazioni, gli innamoramenti, le cotte tra paziente e terapeuta debbano essere lette nei termini del transfert (ed allo stesso modo le antipatie marcate, l'insofferenza, l'opposizione a prescindere..) per orientare la terapia in un senso che possa portare maggiore consapevolezza per il paziente. Il contesto psicoterapeutico è e deve rimanere uno spazio in cui non si agisce ma si ragiona su ciò che spingerebbe ad agire. Quando tali premesse vengono meno non sussistono più i termini per portare avanti una relazione terapeutica. Evito inoltre di citare gli aspetti deontologici legati alla possibilità, per uno psicoterapeuta, di intrattenere una relazione fisica o sentimentale con un/una paziente.
In merito alla sua decisione di concludere o meno la relazione, questa spetta a lei.

Dott. Alberto Idone Psicologo a Torino

34 Risposte

107 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27700

domande

Risposte 95500

Risposte