Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

La mia fidanzata vittima abusi, come posso aiutarla?

Inviata da Paolo81 il 13 mag 2014 Trauma psicologico

Buongiorno, sono fidanzato da 5 mesi con una ragazza fantastica in tutto, io ho 33 anni e lei 22. Lei ha trovato in me una persona con la quale confidarsi e aprirsi. Mi ha raccontato che all'età di 11/12 anni è stata toccata nel letto dal fratello più grande, lei faceva finta di dormire e non ne ha mai parlato con nessuno.
Questa cosa le ha segnato l'adolescenza, zero autostima, rabbia, impotenza, vergogna. Per anni è stata obesa causa fame compulsiva e solo per circa un anno, dai 16 ai 17 è stata di peso normale. In quest'anno ha avuto rapporti non completi (gli dava poco valore forse per sminuire quelli che aveva subito) con molti coetanei, trovava piacere nell'averli ai suoi piedi e poi scaricarli. Dava invece importanza al rapporto completo. Odiava sia gli uomini che la sua famiglia che non si era mai accorta di quello che era successo. La svolta è stata la morte per incidente del fratello, è stata una liberazione.
Da qui è dimagrita molto, ha avuto una storia con un ragazzo per quasi 4 anni e ha iniziato ad avere un approccio diverso con la vita. Purtroppo però il ragazzo con cui stava era un violento, gelosissimo, insensibile e l'ha fatta soffrire molto. Non riusciva a staccarsi da lui perché sarebbe rimasta sola, inoltre nonostante tutto lo vedeva come una persona vicina. Gli ultimi mesi della relazione si era legata molto ad un amico, molto più sensibile e buono, arrivando anche al tradimento. Ha raccontato poi l'episodio ad alcune amiche e in poco tempo è venuto a saperlo anche il suo ragazzo (è stato un modo inconscio per finire la storia?). Qualche tempo dopo ha incontrato me, si vede che mi ama molto e che ha una grande stima e io provo altrettanto per lei. Anche i genitori sono felici perché non l'hanno mai vista così felice e spensierata.
Lei vede in noi una storia seria, senza una fine. Io le sto molto vicino, senza però opprimerla, le do molto affetto e supporto. Anche lei mi fa stare bene. Le è rimasta però poca autostima e amore per se stessa. Il mio dubbio è se la nostra storia potrà avere le stesse probabilità di riuscita di qualsiasi altra o si ripresenteranno problemi?
Il rapporto che aveva col sesso la portano a tradire più facilmente? Come devo comportarmi? Grazie in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Inizio dall'ultima domanda "tradira' piu' facilmente?" e mi chiedo: Le domande che Paolo ha posto in precedenza sono finalizzate veramente a un reale aiuto alla ragazza, oppure vanno a concludersi in questa sua paura espressa in conclusione di consulto?
Certo che l'esperienza adolescenziale ha segnato la Sua ragazza (non nel senso di tradimento...), ma chi le sta vicino deve anche avere "spalle larghe" per reggere la "rivelazione", se vuole aiutarla.
Da un lato la Sua ragazza potrebbe farsi aiutare ad elaborare - fuori dalla coppia - questo ingombrante vissuto; dall'altro, se Lei sviluppa troppi "fantasmi" rispetto all'esperienza dell'abuso, deve parlarne con un esperto per evitare che ciò inquini la Vostra attuale esperienza.
Dott. Brunialti

Dr.Brunialti, psicoterapeuta, sessuologa, psicologa europea Psicologo a Rovereto

212 Risposte

677 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Egregio Paolo81,
per quanto riferisce la mia esperienza professionale mi porta a consigliarla di capire tramite adeguata valutazione di quali patologie potrebbe essere affetta la sua ragazza. Da qui si può capire sia la prognosi, sia il tipo di cura sia pure che cosa lei potrebbe fare per aiutarla. Comunque in caso di abusi pregressi subiti un percorso terapeutico è necessario.
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1560 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Paolo, in merito alla domanda, vale quando già espresso dai miei colleghi ... suggerisci un incontro con uno psicoterapeuta della vostra città che sicuramente saprà come gestire la cosa.
Però, volevo andare un pò 'oltre',sei tu che poni la domanda e mi viene da pensare che forse, il vero problema lo hai tu. Ovvero, forse ci stai chiedendo, in realtà, come tu devi gestire la cosa. In fondo questa è una relazione importante con una persona che ha i problemi che hai definito, e forse ti chiedi: potrò veramente fidarmi?
In ogni relazione ciò che conta è la sincerità e l'onesta. La ragazza ha subito abusi e questi sono sempre traumatici e i traumi non si eliminano mai del tutto ma si possono elaborare. Stalle vicino il tradimento non viene dagli abusi ma dall'insicurezza. Se lei troverà nella vostra relazione grazie a te (ma forse anche grazie ad una possibile terapia) sono certo che non avrai nulla da temere ...
Tienici aggiornati

Dr. Domenico Bumbaca, Psicoanalista Psicologo a Roma

26 Risposte

30 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Paolo, dalla sua descrizione mi sembra che la sua ragazza abbia trovato una modalità per superare il suo trauma, che certo l'ha segnata come esperienza di vita difficile. Mi sembra però che le sue paure riguardino la possibilità di essere tradito e questo potrebbe avvenire quando ci sono difficoltà di coppia, per cui si ricerca una via d'uscita. Si concentri sul vostro rapporto, cercando di godere della serenità e felicità reciproca. Se invece ci sono elementi di difficoltà ne parli con la sua ragazza è valutate insieme se è bene farsi aiutare da uno psicologo. Un. Caro saluto
Dott.ssa Elisa Zocchi

Dott.ssa Elisa Zocchi Psicologo a Samarate

109 Risposte

101 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissimo, è pressochè utopistico da parte mia soddisfare pienamente la tua legittima curiosità in quanto manca l'elemento principale: la tua ragazza. Comunque ,apprezzo il tuo sentimento di protezione nei suoi confronti e credo che questo possa giovare a lei per il recupero della fiducia in se stessa. Certamente non posso garantirti che lei non utilizzi ancora le sue solite 'strategie' nel ripetere in futuro tentativi di sperimentarsi in nuove avventure. Sta in te stabilire se, data la tua comprensione unita al tuo affetto, sarai in grado di continuare a comprenderla. Per avere le idee più chiare, pui sempre ricontattarmi qui oppure chiedere una consulenza ad un mio/a Collega della tua città. Ciao

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

627 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Paolo,
se la sua ragazza ha problemi di autostima può trattarli con adeguata psicoterapia. Solitamente l'approccio della Gestalt è molto efficace ed efficiente al riguardo.
Lei comunque sembra nutrire delle incertezze riguardo questo rapporto o delle preoccupazioni per il passato della sua ragazza. Tenga presente che la psicoterapia è lo strumento di scelta per curare i traumi psicologici e per migliorare molti aspetti della vita nella sfera personale e relazionale. La sua ragazza comunque a quanto riferisce è spensierata e felice e ciò è è molto positivo; se lo ritiene necessario o opportuno dovrebbe parlare con lei per prospettarle un intervento terapeutico.

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

711 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Paolo buongiorno,
in effetti le emozioni e i vissuti legati alle esperienze che abbiamo fatto in passato, possono influire sulle nostre relazioni anche a distanza di molti anni. Io credo che, se vuoi aiutare la tua ragazza a superare il trauma determinato dall'abuso di cui ci hai accennato e, se lei ne sente la necessità, il modo migliore è consigliarle la terapia EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing), ovvero “desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari”. L’EMDR è considerato dalle linee guida internazionali, il trattamento elettivo nella cura del Disturbo Post Traumatico da Stress, conseguente all’abuso sessuale o ad altri eventi fortemente traumatici.
Un caro saluto.
Alessio Cammisa

Dott. Alessio Cammisa Psicologo a Alcamo

35 Risposte

53 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Paolo,
non è possibile rispondere alla sue domande, che sembrano a mio avviso legate ad un suo senso di insicurezza personale.
La richiesta di aiuto è stata formulata direttamente da questa ragazza oppure è una sua necessità, perché teme che certi comportamenti si possano ripresentare?
Questo è un punto fondamentale sul quale è importante riflettere.
Se questa ragazza è intenzionata a intraprendere un percorso psicologico dovrebbe trovare da sola la motivazione necessaria.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

707 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Paolo,
le sue domande sono molto comprensibili, evidentemente nascono da timori ma anche piccole intuizioni che sono sorti in lei vivendo questa storia d'amore. Purtroppo non esistono risposte altrettanto chiare e dirette, né in questo caso, né, forse, in nessuna relazione.
Forse lei si pone certi interrogativi perché avverte che la situazione è molto complessa e che emotivamente la sua ragazza è fragile e imprevedibile, come spesso possono essere, purtroppo, le vittime di abusi sessuali.
Quello che le posso dire, anche se probabilmente lei questo già lo sa, è che non è facile condividere una relazione di coppia con una donna così fragile. Difficile non vuol certo dire impossibile, il vostro futuro dipende solo da voi, da come voi due insieme affronterete congiuntamente le difficoltà che si presenteranno.
In bocca al lupo per tutto

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

160 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Paolo,
difficile rispondere alle sue domande senza conoscere di persona la sua ragazza. Lei può senz'altro suggerire alla fidanzata di intraprendere un percorso psicologico che l'aiuti a esternare le emozioni sottese riguardo gli abusi e - nello stesso tempo l'aiuti a prendere fiducia nel vostro rapporto di coppia rinsaldando anche l'autostima e l'amore per se stessa.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1715 Risposte

2809 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15850

psicologi

domande 20200

domande

Risposte 80000

Risposte