Ipocondria incontrollata

Inviata da Giorgia · 5 ott 2016 Disturbi psicosomatici

Salve,
mi chiamo Giorgia, ho 24 anni 3 vi scrivo in merito a un problema col quale non riesco più a convivere serenamente: l'ipocondria.
Sono sempre riuscita a tenerla a bada, spesso bastavano le rassicurazioni del mio medico per fare passare i dubbi sulla mia saluta ma adesso non basta più. Adesso, dopo essere stata dal medico, tempo che abbia sbagliato diagnosi, che abbia tralasciato qualcosa di importante e che non abbia preso un considerazione certe malattie a causa della mia giovane età.
Ho dolori che vanno avanti per tanti giorni, settimane, mi dico "non andare a vedere su internet", ma alla fine lo faccio comunque, peggiorando la mia ansia.
Due anni fa mi sono bruciata il polpaccio con la marmitta di una moto; a distanza di una settimana o poco più, sentendo spesso dolore, sono entrata nel panico totale con un pianto isterico e incontrollabile perché ero convinta che i tessuti interni fossero già necrotici. Mi vedevo già la gamba amputata. Col senno di poi, a mente fredda, so che erano pensieri veramente stupidi, ma in quei momenti non riesco a ragionare con lucidità.
E questo è uno dei tanti episodi che si stanno verificando sempre più frequentemente e che mi fanno vivere veramente male.
Recentemente sono andata in ospedale dopo aver sentito un fortissimo dolore alla schiena, non riuscivo a muovermi e a camminare. Ho iniziato a piangere per la paura, credevo di rimanere paralizzata o ti avere un tumore alle ossa in stadio avanzato. Mia mamma non capiva se piangessi per il dolore o per la paura. E nemmeno io. In ospedale non hanno fatto che amplificare la mia paura perché non mi hanno fatto né una lastra, né altri esami (me li hanno solo prescritti per farmeli fare altrove) e mi hanno imbottita due flebo di antidolorifici che mi hanno rimbambita e fatta star male per i giorni seguenti, con sonnolenza esagerata e vomito.
Ad oggi non si sa cosa provoca il dolore perché la lastra ha evidenziato uno schiacciamento ma necessito ancora della risonanza magnetica che in Toscana ha tempi davvero lunghi.
Nel frattempo ho inviato ad avvertire dolore interno sotto la costola sx e dx, come se a far male fosse un organo e non riesco a togliermi dalla testa che sia qualcosa di brutto.
Mi misuro la febbre in continuazione e, se vedo qualche linea (cosa che accade spesso verso sera) mi agito tantissimo perché dicono che sia sintomo di cose brutte.
Non vivo serena e penso sempre di stare per morire che i medici non si siano accorti di qualche malattia per distrazioni varie o per negligenza.
Faccio vivere male i miei genitori perché ogni tre per due sento un sintomo nuovo.
Cosa posso fare per aiutarmi?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 OTT 2016

Cara Giorgia, sento tutta la sua sofferenza collegata ai sintomi che descrive. Dalle sue parole emerge una certa consapevolezza del disturbo, in quanto parla di ipocondria, dando quindi ai suoi sintomi spiegazioni di tipo psicologico. Alterna a questi stati di consapevolezza, momenti di incertezza e ansia circa il suo stato di salute, convincendosi di avere malattie gravi e incurabili. Inoltre le rassicurazioni, come racconta, funzionano nell'immediato e, come sempre accade in questi casi, non sono mai risolutive, neppure quando provengono da medici e specialisti. Per la sofferenza che tutto ciò genera e che lei esprime, le consiglio di intraprendere un percorso psicoterapeutico che la aiuti a lavorare sulle sue problematiche. Resto disponibilè e cordiali saluti.

Dott.ssa Simona B. Morabito Psicologo a Reggio Calabria

50 Risposte

165 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 OTT 2016

Gentile Giorgia,
comprendo la tua situazione e so che è difficile ed angoscioso convivere con queste ansie ipocondriache e queste fobie che possono anche trasformarsi in attacchi di panico.
Già in precedenza, quando bastavano le rassicurazioni del tuo medico di famiglia per calmarti, sarebbe stato opportuno un percorso di psicoterapia che adesso è diventato assolutamente indispensabile.
Si tratta di acquisire più sicurezza personale ed autostima rafforzando la tua struttura di personalità e pertanto questo percorso dovrà avere presumibilmente una durata medio-lunga (almeno 1 anno con regolari sedute settimanali).
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 OTT 2016

Cara Giorgia,
questa situazione deve ormai essere molto pesante per lei.
É un'esperienza abbastanza comune per chi soffre di ipocondria non trovare rassicurazione negli esiti clinici degli esami o dubitare comunque costantemente del proprio stato di salute e delle cure ricevute.
Il mio suggerimento é quello di intraprendere un percorso di terapia personale che la possa aiutare a comprendere il perché di questo disagio e che la aiuti a risolverlo.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Dott.ssa Annalisa Anni Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

505 Risposte

924 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi psicosomatici

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi psicosomatici

Altre domande su Disturbi psicosomatici

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88400

Risposte