Io, mia madre e il cibo

Inviata da Paola · 14 lug 2021

Buongiorno,
scrivo per un problema nella relazione con mia madre: presenta un'obesità grave con cui combatte fin da quando sono piccola e per questo negli anni tutti in famiglia abbiamo approfondito le scienze alimentari attraverso libri e corsi sulla prevenzione. Lei è pure laureata in scienze infermieristiche e io sto per laurearmi in medicina, quindi ormai abbiamo tutti gli strumenti per seguire una sana dieta alimentare in modo da raggiungere uno stato di salute ideale. Eppure non ci riesce. Conosce perfettamente le implicazioni delle sue scelte alimentari, ma non se ne cura. Il problema è che io non riesco a tollerarlo, mi si spezza a il cuore a vederla incurante del suo stato di salute e difficilmente riesco a stare zitta: o la riprendo per cercare di farla ragionare diventando la sua acerrima nemica o devo lasciare la stanza perché mi fa proprio stare male. Le parlo anche con il cuore in mano: io non ho conosciuto i miei nonni e vorrei tanto che i miei figli potessero conoscerla, ma mi rendo conto di starle diventando sempre più antipatica e fastidiosa e mi dispiace tantissimo, io le voglio un gran bene e sono pronta a sostenerla e aiutarla nel percorso, ma non sembra volere il mio aiuto. A freddo, lontano dal cibo, riusciamo a parlare serenamente anche di queste cose, ma quando arriva il momento di scegliere cosa mangiare non conta più nulla e si abbuffa... causando tra l'altro in me un rifiuto del cibo che per lei è veleno.
E' chiaro che ci sia qualcosa di più profondo nel suo rapporto con il cibo, spesso lo usa come rifugio dalla rabbia, tristezza, nervosismo... ma nelle giornate buone e rilassate non cambia molto. Dopo il covid, sembrava essere più convinta ed io ero molto fiera, ma è durato poco.
Inoltre, tutta la questione mi fa continuamente mettere in dubbio tutto il mio percorso: se non riesco ad aiutare nemmeno mia madre, come posso pensare di riuscire a curare un giorno dei pazienti? Non so se questo sarà il mio campo, perché nonostante mi appassioni molto, l'esperienza che ho sempre vissuto in famiglia non me l'ha mai fatto considerare veramente.

Le mie reazioni sono diventate difficili da controllare e vorrei salvare il nostro rapporto prima che sia troppo tardi.

Grazie per l'attenzione il tempo che mi dedicherete.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102350

Risposte