Insoddisfazione emotiva nella coppia

Inviata da L. · 5 apr 2021

Mi trovo in una stasi nella mia relazione in quanto dopo 3 anni (abbiamo 29 anni) sento che alcune lacune sempre state presenti non si sono colmate e stanno mandando il rapporto in crisi.
Mi sembra come se con il mio compagno ancora non fossimo “amici”, non riusciamo a fare lunghe chiacchierate e non riesco ad appoggiarmi a lui emotivamente. C’è una grande affinità e intimità fisica ma poca intimità e vicinanza emotiva e affettiva.
Sono sempre stata una persona a cui tutti si appoggiano, molto empatica, mentre lui è molto bloccato da quel punto di vista, ha difficoltà a connettersi con le emozioni degli altri, e a me sta pesando essere l’unica che lo fa e mai quella che lo riceve.
Veniamo anche da due famiglie opposte in tal senso e anche lontane come estrazione (la sua più “concreta” la mia più “intellettuale “)
Ne abbiamo parlato e lui sta iniziando a farmi più domande per intrattenere una conversazione con me, ma ho tanta paura che non basti.
Ho molta paura di “accontentarmi” e magari un giorno conoscere una persona diversa e allontanarmi facendo soffrire lui o rinunciare facendo soffrire me.
La notte spesso sogno di uscire con altri ragazzi e lui è totalmente assente oppure se presente non parla ed è come se non ci fosse.
Mi procurano grande angoscia.
Mi chiedo se non sia stata io a non aver visto con chiarezza che siamo sempre stati troppo diversi o se magari io stia agendo una critica troppo dura nei suoi confronti, che sarebbe una mia tendenza...
Qual è il limite tra insoddisfazione “normale” che va accettata e quella che invece è sintomo di qualcosa di poco recuperabile?
Grazie a chi vorrà darmi un suo parere

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 APR 2021

Cara L., nella relazione con l'altro si creano degli equilibri che hanno l'obiettivo di creare una stabilità che porti benessere ad entrambi. In particolari momenti della nostra vita abbiamo bisogna di qualcosa che non per forza ci caratterizzerà sempre, considerando che siamo esseri in continua evoluzione. In ogni caso, si chieda cosa é stato a legarvi e cosa Lei nel tempo possa aver cambiato, per comprendere anche se ci possa essere una svolta nel vostro rapporto - un punto di incontro reciproco-, e come, invece, reagirebbe se tutto ciò restasse come adesso.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1419 Risposte

798 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 APR 2021

Gentile L., ha esposto con grande chiarezza la sua situazione di coppia e il disagio che sente ed è segnale di una persona attenta ed introspettiva che potrebbe beneficiare positivamente di un sostegno psicologico per trovare le risposte ai suoi dubbi. Anche un percorso di coppia sarebbe auspicabile quando il problema risiede lì, ma sarebbe da capire se solo lei non è soddisfatta del suo compagno o se anche lui non è soddisfatto del vostro rapporto. Se lui non ha la stessa motivazione non si può percorrere una psicoterapia di coppia. Secondo il modello di amore maturo e completo di Sternberg devono esserci in una coppia tre elementi in equilibrio che sono l'impegno, l'intimità e la passione. L'intimità riguarda la condivisione dei propri sentimenti interiori, l'offerta di sostegno emotivo, la condivisione di tempo ed interessi cioé la componente amicale del rapporto di coppia che lei sente carente. Non sente reciprocità su questo punto e questo la fa dubitare che forse stia con un uomo sbagliato per sé. Posto che a livello empatico non possiamo essere tutti allo stesso livello, in una coppia si può crescere insieme riuscendo a dire "io" lasciando spazio al "tu". Lei continui a dire cosa sente, pensa e prova di volta in volta in cui nel vostro rapporto si sente insoddisfatta, parlando di sé senza puntare il dito sull'altro e questo può aiutarla a vedere se lui è in grado di ascoltare i suoi bisogni e a venirle incontro. Resto a disposizione, se vuole. In bocca al lupo e cordiali saluti.
dott.ssa Raffaella Ramazzotti
psicologa - psicoterapeuta - istruttrice di interventi basati sulla Mindfulness

Dott.ssa Raffaella Ramazzotti Psicologo a Ancona

56 Risposte

16 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 APR 2021

Ciao, non è cosi facile rispondere alla tua domanda da questa breve descrizione, la parola che mi ha particolarmente colpito è "appoggiarsi" emotivamente. Diciamo che ognuno di noi ha una visione diversa dello stare in coppia, bisognerebbe approfondire meglio la vostra situazione e cercare di capire quali sono i punti che vi allontanano. Avete mai pensato di affrontare un percorso psicologico di coppia? A mio parere potresti anche iniziare tu da sola per poi coinvolgere anche il tuo compagno, sono a disposizione, buona giornata.

Dott. Fera Benedetto Psicologo a Bari

63 Risposte

27 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 APR 2021

Buongiorno, il legame di coppia e’ un legame di attaccamento a tutti gli effetti. Quello che Lei afferma ha molto senso poiche’ come esseri umani i nostri bisogni affettivi ‘chiedono’ di essere soddisdatti all interno delle nostre relazioni significative. La connessione emotiva, la reciprocita’ e la sintonizzazione, sono le dimensioni emotive che ci fanno sentire sicuri ed amati. Nella coppia ciascun partner ‘arriva’ con un suo ‘modello interno’ di come muoversi su queste dimensioni. La sicurezza emotiva corrisponde con la capacita’ di connettersi emotivamente. E’ probabile che il suo compagno abbia modalita’ relazionali piu’ vicine a modelli interni ‘insicuri’ in cui le emozioni si evitano o si minimizzano. Le consiglio un percorso di coppia psicoeducazionale di pochi incontri che vi possa aiutare ad ‘imparare e rafforzare’ modalita’ sicure di connessione emotiva. Resto a disposizione anche online.
Cordialmente
Dott.ssa Moira D isidori

Moira D'Isidori Psicologo a Pescara

26 Risposte

45 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 APR 2021

Buonasera, per comprendere meglio l'origine di questo suo disagio potrebbe essere utile iniziare un percorso che va ad approfondire la vostra relazione e metta luce sul suo stato emotivo. Se desidera mi può contattare direttamente, sarò lieta di aiutarla.
Un caro saluto.
Dott.ssa Monica Sirotti
Psicologa di Modena

Dott.ssa Monica Sirotti Psicologo a Modena

6 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 APR 2021

Salve, mi dispiace per il disagio espresso. Potrebbe essere utile intraprendere un percorso di psicologico per trovare le risposte alle domande che pone e per indagare meglio pensieri e vissuti emotivi connessi alla situazione riportata.
Cordialmente,
Dott.ssa F.M.

Dott.ssa Francesca Moscetta Psicologo a Roma

61 Risposte

26 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27700

domande

Risposte 95400

Risposte